Transaminasi alte: cause, sintomi e dieta

Transaminasi alte: cause, sintomi e dieta

Le transaminasi alte hanno come cause spesso un danno epatico

da in Analisi del sangue, Fegato
Ultimo aggiornamento:

    transaminasi alte cause sintomi dieta

    Transaminasi alte: quali le cause, i sintomi e la dieta da seguire? Le transaminasi si trovano in varie parti del corpo, ma sono soprattutto abbondanti nel fegato e nei muscoli scheletrici striati, compreso il cuore. Il loro compito è quello di operare un fenomeno di conversione dei vari aminoacidi, in modo che questi ultimi possano essere utilizzati a fini energetici, per esempio nel corso di un lungo sforzo fisico. Quando le cellule dei muscoli o del fegato sono danneggiate e si rompono, le transaminasi fuoriescono e si riversano nel sangue. Aumenta, quindi, la loro concentrazione e si parla di transaminasi alte.

    Le cause

    Le cause delle transaminasi alte possono essere differenti. In genere potrebbero rappresentare la spia di un danno a livello epatico, ma anche di uno muscolare, a livello del pancreas o del cuore. Per comprendere meglio quali sono i motivi che stanno alla base della condizione, è necessario valutare i livelli degli altri enzimi epatici. In condizioni normali le transaminasi (a livello scientifico la relazione è indicata con il rapporto AST/ALT o GOT/GPT) sono presenti a livelli molto bassi nel circolo sanguigno.

    Le transaminasi lievemente aumentate sono tipiche del fegato grasso, delle epatiti virali che non hanno raggiunto ancora una fase acuta e dei danni provocati dai farmaci. Nel tumore al fegato generalmente l’aumento delle transaminasi è contenuto. I livelli molto alti suggeriscono un danno ingente al fegato, che si può verificare in seguito ad un’epatite virale acuta, quando non vi è un sufficiente afflusso del sangue o derivato dall’ingestione di tossine o farmaci a dosi elevate.

    I valori di riferimento, che possono essere considerati normali sono:

    • ALT
    • Uomini: 7-55 U/l
    • Donne: 7-45 U/l
    • AST
    • Uomini 1-13 anni: 8 – 60 U/l
    • Uomini adulti: 8-48 U/l
    • Donne 1-13 anni: 8-50 U/l
    • Donne adulte: 8-43 U/l

    I sintomi

    I sintomi delle transaminasi alte non sono particolarmente evidenti. In genere il tutto appare asintomatico. In certi casi, però, può presentarsi una forma di debolezza e di stanchezza e certe volte il colorito della pelle può essere giallastro.

    La dieta

    Per quanto riguarda la dieta nella condizione delle transaminasi alte, ci sono alcuni cibi da evitare. In maniera particolare non bisognerebbe mangiare fritture e conserve, panna, burro, maionese e salse, insaccati e carni grasse, dolci elaborati. Inoltre sono da evitare la frutta secca, l’alcool e le bibite gassate e, fra le verdure, i peperoni, le melanzane, i funghi, il cavolo, il cavolfiore, i piselli e le fave. Altri alimenti, invece, vanno consumati con moderazione. Tra questi, possiamo ricordare le uova, i formaggi stagionati, il prosciutto cotto, la carne di maiale e il brodo di carne. I cibi permessi sono la pasta e il riso, il pane e le patate lesse, il latte scremato o parzialmente scremato, lo yogurt e i formaggi magri, il pesce e le carni magre. L’acqua, le spremute e le bibite non gassate si possono bere.

    581

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Analisi del sangueFegato
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI