Relazioni: nessuna differenza tra reali e virtuali

Relazioni: nessuna differenza tra reali e virtuali

I social network non attenterebbero alla socialità reale, ma ne rispecchierebbero le tendenze e i comportamenti

da in Adolescenti, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica, Socializzazione
Ultimo aggiornamento:

    relazioni

    Le relazioni sociali oggi non si svolgono più soltanto nella realtà, ma anche in modo virtuale. Sono infatti sempre di più le persone che utilizzano i social network per portare avanti la loro vita sociale. In fin dei conti tra i due tipi di rapporti non ci sono molte differenze. Ad affermarlo sono i ricercatori dell’University of Virginia di Charlottesville.

    Lo studio in questione ha coinvolto 172 ragazzi in un arco di tempo molto lungo, che ha permesso di comprendere l’evoluzione nei rapporti interpersonali. In questo modo si è potuto riscontrare che i modelli di comportamento che i soggetti avevano assimilato e portato avanti nell’adolescenza erano continuati a restare tali anche in età adulta.

    In particolare si è visto che coloro che da adolescenti erano estroversi e in quanto tali avevano molti amici, hanno portato avanti nel tempo questo atteggiamento, stabilendo molte relazioni virtuali sulle reti sociali. Coloro che invece avevano difficoltà nello stabilire relazioni con gli altri o non usavano i social network o li utilizzavano per far passare delle reazioni aggressive e improntate alla volgarità.

    Lo studio ha avuto il merito di smentire molte affermazioni che vedono nei social network un possibile pericolo per le relazioni reali, le quali potrebbero risentire in maniera negativa di un isolamento davanti al computer.

    Più che altro le reti sociali virtuali non sarebbero altro che lo specchio della realtà.

    Un po’ a metà strada tra un’esplorazione dei rapporti umani e un rafforzamento degli stessi, i social network quindi non attenterebbero alla socialità degli individui che li usano, ma ne riprodurrebbero i caratteristici comportamenti.

    Immagine tratta da: digilander.libero.it

    344

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiPrimo PianoPsicologiaRicerca MedicaSocializzazione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI