Vertigine parossistica posizionale, cos’è e come si cura

La famosissima cantante italiana, Elisa, è stata costretta a rimandare tutti i suoi concerti a causa del suo disturbo di salute: la vertigine parossistica posizionale. Questa patologia si differenzia dalle semplici vertigini, scopriamo cos'è e come si cura. 

Ragazza con vertigini
vertigine parossistica Foto Unsplash | mojtaba mosayebzadeh

Articolo aggiornato il 22 Dicembre 2022

La famosissima cantante italiana, Elisa, è stata costretta a rimandare tutti i suoi concerti a causa del suo disturbo di salute: la vertigine parossistica posizionale. Questa patologia si differenzia dalle semplici vertigini, scopriamo cos’è e come si cura.

Cos’è la vertigine parossistica posizionale?

ragazza che si mantiene la testa
vertigine posizionale
Foto Unsplash | Element5 Digital

La vertigine parossistica posizionale benigna (BPLS) è una vertigine rotatoria parossistica che si verifica ripetutamente quando la testa si trova in una determinata posizione. Dura pochi secondi ed è spesso accompagnata da forte nausea e vomito.

Questa è una malattia dell’orecchio interno ed è innescata da depositi in alcune parti del sistema vestibolare. È la causa più comune di vertigine rotatoria. Le manovre di posizionamento sono utilizzate sia per la diagnosi  che per il trattamento.

Se non trattata, la vertigine posizionale parossistica benigna si risolve in oltre il 50% dei casi entro pochi giorni o settimane; raramente dura per mesi.

Il trattamento precoce di solito riduce la durata dei sintomi. La vertigine posizionale parossistica benigna si verifica principalmente in età avanzata e può svilupparsi più volte nella vita, anche dopo lunghi periodi senza sintomi.

La vertigine posizionale parossistica benigna è causata da depositi calcarei che si muovono liberamente in un canale semicircolare dell’organo vestibolare (organo dell’equilibrio) nell’orecchio interno. Questi depositi sono chiamati otoconia o otoliti.

Le cellule sensoriali nei canali semicircolari registrano i movimenti di rotazione della testa e trasmettono queste informazioni di movimento al cervello. I canali semicircolari sono pieni di un fluido (endolinfa). I depositi che possono muoversi liberamente nell’endolinfa di un canale semicircolare portano a un’attivazione errata di queste cellule sensoriali durante determinati movimenti.

La vertigine posizionale parossistica benigna si verifica spesso quando ci si siede o ci si gira nel letto dopo aver dormito o dopo essere stati sdraiati a lungo ( ad esempio a causa di una malattia).

Può verificarsi anche dopo un incidente ( soprattutto una contusione del cranio) o dopo un cedimento acuto del labirinto (perdita temporanea della funzione del sistema vestibolare).

La carenza di vitamina D sembra essere un fattore di rischio per la recidiva della vertigine posizionale parossistica benigna e forse anche per lo sviluppo di questa malattia.

Come si cura la vertigine parossistica?

Il medico può formulare una diagnosi sospetta sulla base dei sintomi tipici e con un attento esame può escludere altre cause.

La diagnosi si fa attraverso alcune manovre di posizionamento, attraverso l’utilizzo di lenti speciali per valutare il movimento oculare. Inoltre, viene eseguito un esame neurologico clinico per escludere una malattia neurologica.

Il trattamento della vertigine posizionale parossistica benigna di solito può essere effettuato in regime ambulatoriale. Una degenza ospedaliera è necessaria solo in caso di grave compromissione dovuta a vertigini o vomito grave.

Per il trattamento si esegue una manovra di posizionamento (es. manovra di liberazione di Epley ), con la quale i depositi vengono trasportati fuori dal canale semicircolare. A seconda del canale semicircolare interessato, vengono utilizzate diverse manovre.

La manovra è innocua e molto efficiente, ma solitamente scomoda per la persona interessata. Può essere scatenata una sensazione pronunciata di vertigini, nausea e vomito. In alcuni casi, il medico prescrive un antivertigine (farmaco che riduce la sensazione di vertigini) e raramente una benzodiazepina (sedativo) prima del trattamento.