Valore beta hCG: cos’è e per quale motivo è importante durante la gravidanza

beta test perché importante
Perchè è importante l’esame Beta hCG? (tantasalute.it)

Articolo aggiornato il 17 Novembre 2023

Cosa si intende per Valore beta hCG? E perché è così importante in gravidanza? Le motivazioni sono molteplici.

Meglio conosciuto come ormone della gravidanza, la Beta hCG è una sostanza prodotta nelle prime fasi di formazione dell’embrione che determina poi la placenta. Questo ormone stimola inoltre il corpo luteo alla produzione di progesterone. La misurazione dei valori della Beta hCg è indicato per stabilire l’inizio della gravidanza, per la diagnosi di una gravidanza extrauterina, per monitorare una minaccia di aborto e per effettuare uno screening per la sindrome di Down.

Dunque nel caso in cui si sospetti la sussistenza di una gravidanza, il primo esame da effettuare è proprio quello della Beta hCG. La rilevazione dell’ormone nel sangue può essere appurata tra i sei ed i 18 giorni dall’ovulazione. A differenza, invece, della sua misurazione, che può avvenire a partire dall’undicesimo giorno dal presunto concepimento o dal quattordicesimo se nelle urine.

Valore beta hCG, cosa c’è da sapere

Il test Beta hCg viene prescritto per la l’identificazione di gravidanze “normali” e per individuare quelle di natura patologiche e per le minacce di aborti spontanei. Al di là della gravidanza viene anche utilizzato come marcatore tumorale. Ma come funziona? Questo test consente di misurare con esattezza il valore della gonadotropina corionica che si trova nelle urine o nel sangue delle donne per attestare la gravidanza in corso. Al di fuori della gestazione viene indicato per confermare o per eliminare il sospetto di un tumore.

Il test può essere effettuato in via preventiva nel caso in cui la donna si sia sottoposta ad interventi chirurgici o a terapie che possono causare danni al feto. Al di là della gestazione come accennato, può essere utilizzato come marcatore tumorale. In taluni casi infatti nell’organismo vengono rilasciate tracce di Beta hCg in presenza di tumori di natura sia benigna che maligna, soprattutto nel caso di patologie a carico dell’ovaio o del testicolo.

Esame Beta
Test Beta hCG, cosa indicano i valori alti? (tantasalute.it)

Al di là della gravidanza, i valori alti di Beta hCg possono indicare la presenza di un cancro, disturbi endocrini, presenza di anticorpi anomali nel sangue, alterazioni dovute all’assunzione di medicinali per la fertilità.

Ecco perché è estremamente necessario rivolgersi ad un ginecologo il quale saprà indicare cosa fare e quali esami eventualmente eseguire. In ragione infatti della specifica situazione clinica, il professionista sarà di prescrivere anche i controlli ecografici ai quali la donna deve sottoporsi nel corso della gravidanza se la causa del valore alto è la gestazione, o nel caso contrario, cioè di altre patologie in corso saprà indicare alla paziente cosa fare.

Altre informazioni da conoscere

È importante notare che la produzione di livelli elevati di hCG non è necessariamente indicativa di una gravidanza problematica. Una gravidanza normale può presentare livelli di hCG variabili e comunque portare a una nascita sana. Per una valutazione più accurata, l’ecografia dopo 5-6 settimane di gestazione è preferibile rispetto al monitoraggio dei numeri di hCG. Un livello di hCG inferiore a 5 mIU/ml è considerato negativo per la gravidanza, mentre valori superiori a 25 mIU/ml sono considerati positivi. Livelli compresi tra 6 e 24 mIU/ml rientrano in un’area grigia, e potrebbe essere necessario ripetere il test per confermare una gravidanza.

I livelli di hCG sono misurati in “milli” per millilitro (mIU/mL). Un’ecografia transvaginale può rivelare un sacco gestazionale quando i livelli di hCG raggiungono tra 1.000 e 2.000 mIU/mL. Tuttavia, la diagnosi basata sugli ultrasuoni dovrebbe essere effettuata con cautela fino a quando i livelli di hCG non superano almeno 2.000 mIU/ml, dato che le variazioni e la datazione del concepimento possono influire sui risultati.

Per una diagnosi più affidabile, è consigliato effettuare diversi test di hCG in giorni consecutivi. I livelli di hCG non dovrebbero essere utilizzati come unico criterio per la datazione della gravidanza, poiché possono variare significativamente. Esistono due tipi di test hCG comuni: il test qualitativo, che rileva la presenza di hCG nel sangue, e il test quantitativo (o beta), che misura la quantità effettiva di hCG presente nel sangue.

Donna incinta in vasca
Donna incinta in vasca-lucas mendes-pexels.com

Perché e come si effettua il test

L’hCG appare nel sangue e nelle urine delle donne incinte già 10 giorni dopo il concepimento. La misurazione quantitativa dell’hCG è essenziale per determinare con precisione l’età del feto e può essere utile nella diagnosi di gravidanze anomale, come gravidanze ectopiche, gravidanze molari e possibili aborti spontanei. Inoltre, l’hCG è parte di test di screening per condizioni come la sindrome di Down. Questo test può anche essere impiegato per diagnosticare condizioni anomale non correlate alla gravidanza, che possono contribuire ad un aumento dei livelli di hCG. Mentre l’ago viene inserito per prelevare il sangue, alcune persone possono percepire un moderato dolore, mentre altre avvertono solo una sensazione di puntura o bruciore. Successivamente, potrebbero manifestarsi anche leggere palpitazioni.

Esempio di un comune test di gravidanza
Esempio di un comune test di gravidanza-RDNE Stock project-pexels.com

Bassi ed alti livelli di hCG cosa indicano?

Un basso livello di hCG può indicare diverse condizioni, tra cui un possibile aborto spontaneo o ovulo rovinato, nonché una gravidanza extrauterina. È consigliabile ripetere il controllo entro 48-72 ore per valutare eventuali cambiamenti nei livelli. D’altra parte, un livello elevato di hCG può essere associato a condizioni come la gravidanza molare o gravidanze multiple. Anche in questo caso, è consigliabile un follow-up entro 48-72 ore per monitorare le variazioni dei livelli.

I medici solitamente non controllano regolarmente i livelli di hCG a meno che non ci siano segni di un potenziale problema, come sanguinamento, forti crampi o una storia di aborti spontanei. In caso di perdita di gravidanza, la maggior parte delle donne può aspettarsi che i livelli di hCG ritornino a un range non gravidico circa 4-6 settimane dopo l’evento, a seconda del modo in cui si è verificata la perdita (aborto spontaneo, procedura di D & C, aborto, parto naturale) e dell’entità dei livelli al momento della perdita. Gli operatori sanitari spesso continuano a monitorare i livelli di hCG dopo un aborto spontaneo per assicurarsi che ritornino a valori inferiori a 5,0.

I valori considerati normali

I risultati dei livelli di hCG sono espressi in mUI/mL. Ecco alcuni intervalli normali dai medici: per le donne non in gravidanza, meno di 5 mUI/mL, per gli uomini sani, meno di 2 mUI/mL. Durante la gravidanza, i livelli di hCG aumentano rapidamente nel primo trimestre e poi diminuiscono leggermente. Gli intervalli attesi di hCG nelle donne in gravidanza variano in base alla durata della gravidanza: 3 settimane: 5 – 72 mUI/mL; 4 settimane: 10-708 mUI/mL; 5 settimane: 217 – 8.245 mUI/mL; 6 settimane: 152 – 32.177 mUI/mL; 7 settimane: 4.059 – 153.767 mUI/mL, ecc. Ricorda che gli intervalli di valori considerati normali possono presentare lievi variazioni tra diversi laboratori. Per ottenere una comprensione precisa del risultato del tuo test, è consigliabile discuterne con il tuo medico, in modo da valutare il significato specifico dei tuoi dati.

Cosa può interferire con i miei livelli di hCG

Se il risultato del test è positivo, è probabile che tu sia incinta. I falsi positivi sono estremamente rari, ma alcune condizioni come alcuni tipi di cancro e aborti precoci potrebbero causare risultati fuorvianti. Gli anticorpi e i farmaci contenenti hCG, spesso utilizzati nei trattamenti contro l’infertilità, potrebbero interferire con i livelli di hCG e influenzare i risultati del test. È consigliabile consultare il medico, specialmente se si stanno assumendo farmaci che contengono hCG, per ottenere informazioni più dettagliate sulla possibile influenza e per valutare ulteriori esami diagnostici, se necessario. Altri farmaci come antibiotici, antidolorifici, contraccettivi o farmaci ormonali generalmente non dovrebbero influire sui test che misurano l’hCG.

HCG per indurre ovulazione e per favorire la gravidanza

La principale ragione di assumere questa sostanza è stimolare la produzione di un uovo sano. Il processo inizia il secondo giorno del ciclo mestruale con un’ecografia eseguita poco prima dell’inizio dell’assunzione dei farmaci per via orale. Il farmaco orale comune in questo contesto è il Clomifene, prescritto da assumere dal secondo al sesto giorno o dal quinto al nono giorno del ciclo mestruale. All’undicesimo giorno, viene eseguita un’ecografia di controllo per monitorare lo sviluppo dei follicoli. Una volta che il follicolo primario raggiunge un diametro di 18-20 mm, i medici consiglieranno un rapporto sessuale programmato o potrebbero optare per l’iniezione di gonadotropina corionica umana (hCG) per indurre l’ovulazione.

Nel corso delle procedure terapeutiche, è possibile che siano necessarie 3-4 ecografie per monitorare attentamente il ritmo e lo sviluppo della crescita follicolare. Quando il follicolo primario raggiunge il diametro richiesto di 16-18 mm, i medici prescrivono iniezioni di hCG (gonadotropina corionica umana), che inducono l’ovulazione. Durante questo periodo, le donne potrebbero sperimentare sintomi come nausea, crampi, gonfiore e tensione mammaria. I giorni in cui viene somministrata l’iniezione e i due giorni successivi rivestono un ruolo critico in questo processo.

Le donne che sperimentano irregolarità nei loro cicli menstruali e hanno difficoltà ad ovulare sono candidate ad assumere l’hCG. Questo ormone aiuta ad indurre l’ovulazione, aumentando le possibilità di concepimento. Circa il 40% delle donne trae vantaggio dall’uso di hCG, e può essere particolarmente utile anche nei casi di infertilità inspiegabile. L’hCG contribuisce a migliorare la qualità degli ovuli, favorendo così un processo di fecondazione più efficace.

Qui trovi tutte le offerte a prezzi bassi su Amazon