Vaccino anti Covid in gravidanza e allattamento: le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità

Secondo il documento pubblicato dall'ISS la somministrazione del vaccino anti Covid nelle donne in gravidanza o allattamento non è controindicata

donna incinta gravidanza
Foto Unsplash | freestocks

La somministrazione del vaccino anti Covid-19 nelle donne in gravidanza, o che stanno allattando, non è controindicata. Secondo le indicazioni elaborate dall’Italian Obstertric Surveillance System dell’ISS, le donne che avrebbero un rischio alto di contrarre il virus dovrebbero discutere della vaccinazione con il proprio medico.

Il documento ad interim su “Vaccinazione contro Covid-19 in gravidanza e allattamento” è condiviso e sottoscritto da tutte le principali società scientifiche del settore. Inoltre, serve per dare le indicazioni principali da adottare sia a livello nazionale che internazionale.

Secondo quanto riportato nel documento, tra l’altro, le donne che scoprono di essere incinte dopo la prima o la seconda dose di vaccino non avranno alcuna motivazione per interrompere la gravidanza.

Confrontarsi con i professionisti sanitari per capire se fare o meno il vaccino anti Covid

Al fine di prendere la giusta decisione, con informazioni adeguate e dettata dalla consapevolezza, le donne dovranno discutere con i professionisti per capire eventuali controindicazioni.

In Italia si offre alle donne in gravidanza e allattamento la possibilità di scegliere, con il supporto dei professionisti sanitari, se sottoporsi o meno alla vaccinazione. Questo dopo una valutazione individuale del profilo rischio/beneficio”.

Cosa fare se si scopre di essere incinte tra la prima e la seconda dose

Le donne in gravidanza e allattamento non sono state incluse nei test di valutazione dei vaccini, sia Pfizer-BioNTech che Moderna. Quindi, non si dispone dei dati sull’efficacia in questi soggetti. Quello che gli studi hanno rivelato è che non sono stati evidenziati meccanismi che potrebberoprovocare effetti avversi in gravidanza e allattamento. Comunque, questi soggetti attualmente non rientrano nel target prioritario della campagna vaccinale italiana.

Come già detto, se una donna scopre di essere incinta tra la prima e la seconda dove non deve interrompere la gravidanza. Quello che può fare, invece, è decidere di rimandare la seconda somministrazione del vaccino a gravidanza completata. Per quanto riguarda le mamme che allattano, invece, non dovranno interrompere l’allattamento a causa del vaccino anti Covid-19.