Vaccino antinfluenzale: a chi è rivolto, quando farlo e quanto costa

La stagione invernale è ormai alle porte e con essa i primi malanni: ecco quando fare il vaccino antinfluenzale, a quali categorie di persone è consigliato, dove e quanto costa

Foto Shutterstock | di CGN089

La stagione invernale è ormai alle porte e mai come quest’anno il dibattito sul vaccino antinfluenzale rimane d’attualità: i primi freddi, infatti, portano anche l’arrivo dei primi virus e, anche a causa dell’epidemia di Covid-19, molte persone hanno già iniziato a chiedere al proprio medico come fare il vaccino antinfluenzale.

Quando fare il vaccino antinfluenzale e quali persone devono vaccinarsi

Il ruolo del vaccino contro l’influenza stagionale, va sottolineato, sarà molto importante perché, seppur non ha effetti contro il coronavirus, è utile a diminuire l’incidenza della malattia nella popolazione evitando così confusione e sovrapposizione con i casi di una eventuale seconda ondata di Covid-19, oltre che a ridurre il rischio di sviluppare complicanze dovute all’influenza stessa soprattutto in quella fascia di popolazione più fragile.

Leggi anche: influenza senza febbre, ecco come riconoscerla

A chiarire le fasce più indicate a vaccinarsi contro l’influenza stagionale è una circolare del Ministero della Salute che raccomanda la vaccinazione ai pazienti ad alto rischio di complicanze o ricoveri correlati all’influenza, i soggetti con un’età superiore ai 65 anni, gli addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo, i donatori di sangue e tutto il personale che, per questioni lavorative, sono in contatto con animali. Per tutte queste categorie il vaccino antinfluenzale è consigliato, ma non obbligatorio, come per il resto della popolazione italiana. Per vaccinarsi, inoltre, non esiste una data precisa, ma quella consigliata è compresa nel periodo tra metà ottobre e metà dicembre in modo da essere coperti per tutto il periodo invernale.

Dove fare il vaccino e quanto costa

Per fare il vaccino antinfluenzale i punti di riferimento rimangono sempre gli ambulatori vaccinali delle aziende sanitarie locali, ma è bene, prima di effettuare la vaccinazione, consultare il proprio medico e richiede un consulto specifico. Per effettuare il vaccino, infatti, bisogna prenotare il proprio appuntamento dal medico di base o negli ambulatori dedicati all’interno delle Asl. Parlando dei costi, invece, è importante ricordare che per tutte le fasce copra citate, il vaccino è gratuito e da quest’anno anche le persone tra i 60 e i 64 anni avranno la propria dose gratis. Per tutti gli altri che vorranno vaccinarsi, invece, il costo può andare da un minimo di 14 euro a un massimo di 25 euro con una variabilità in base al tipo di prodotto in vendita nelle farmacie.