Trucco: quando scegliere il naturale

Quando si parla di trucco al naturale viene spontaneo pensare a prodotti dei mercatini e dei negozi bio, dove però c'è un pò di confusione tra la cosmetica naturale e la cosmetica green. I prodotti naturali veri sono molto pochi, si tratta di polveri e ciprie, mentre nella maggior parte è solo l'origine del prodotto ad essere naturale, mentre il componente è sempre sofisticato.

Mascara Rosaluna
Pochi giorni fa su Tanta Salute ci siamo occupati di trattamenti e make-up che possono causare allergie, specie nei casi di trucco pesante, per cui oggi, in riferimento a questo grave allarme che riguarda le giovanissime alle prime esperienze con i prodotti di bellezza, aiuteremo a spiegare che cosa è davvero naturale e come si riconosce un buon prodotto da una “ciabatta”.
La biocosmesi è una tendenza che sta prendendo piede anche in Italia grazie alla buona sensibilità di estetisti e truccatori, che hanno deciso di aiutare i loro clienti a mantenersi giovani, truccati e sani. 
 
Il mercato, in preda all’entusiasmo, ha un pochino calcato la mano, come si usa dire, in fatto di “prodotti naturali” ingenerando confusione. 
 
La cipria, le polveri per il trucco, per gli occhi e per le labbra, sono definiti come natuarali quando hanno origine vegetale, ma non è detto che questo garantisca di per sé la salubrità. 
 
La ricerca unisce la tradizione all’origine naturale, permettendo però di arrivare a raggiungere uno standard qualitativo alto, che garantisca risultati, effetti estetici e protezione del viso. 
 
I veri prodotti per il make-up naturali sono davvero pochi, ma per capire in che modo distinguerli abbiamo a disposizione un lavoro fatto dal professor Luigi Rigano dell’Università di Milano, in cui sono spiegate le differenze tra un prodotto naturale e un prodotto di origine naturale. 
 
1. I veri prodotti naturali in commercio attualmente sono le cere e gli olii, gli altri prodotti possono contenere parte di prodotto naturale, ma non si possono definire davvero “green”. 
 
2. I pigmenti che sono usati nei cosmetici sono naturali, ma sono poi sottoposti a sofisticazione, non esistono in natura prodotti che non siano ocra-marrone, nero, verde, viola o blu. Tutte le sfumature sono decisamente e rigorosamente artificiali. 
 
3. Solamente prodotti secchi o grassi, cioè polveri o rossetti, possono essere naturali al 100%, perché tutti i prodotti che contengono acqua devono essere corretti per non caricare batteri e diventare pericolosi. 
 
4. Non tutti i prodotti cosmetici biologici sono sani, in quanto potrebbero far parte di un settore non ancora bene inserito nella logica di controllo, quindi potrebbero esserci ancora prodotti che non hanno ultimato o percorso le fasi di test clinico richiesto, per questo si consiglia di comprare solo prodotti sicuri, con la preferenza, se si vuole, verso quelli naturali, specie in fiere e mercatini vari. 
 
5. Il tipico contenuto allergico nelle sostanze chimiche dei cosmetici è il nickel, insieme a kajal e a burro di cacao e latte detergente. Sono questi quattro i prodotti a cui fare attenzione, se si decide di comprare bio-naturale e non certificato. 
 
Foto da Laboratorio Rosaluna
Fonte Salute

Continua a leggere
Continua a leggere