Tornare in forma dopo la gravidanza, cosa fare e cosa non fare

È possibile tornare in forma dopo il parto? Lo abbiamo chiesto alla Dott.ssa Sarah Mangione, Consulente del Benessere e della Nutrizione, e questi sono i suoi suggerimenti sul cosa mangiare e cosa evitare per dimagrire e ritrovare il perfetto equilibrio.

Mamma che ha in braccio suo figlio nato da poco
Foto Pexels | Polina Tankilevitch

Tornare in forma dopo la gravidanza presuppone in primis il ritrovare il proprio equilibrio psicofisico, conciliando l’essere mamme e il senso materno, con il desiderio e il bisogno di ritrovare la propria immagine corporea allo specchio e il proprio girovita.

Dimagrire dopo il parto: cosa non fare

Si dice che chi va piano va sano e va lontano, una dieta veloce infatti o non personalizzata secondo i propri bisogni e la propria condizione fisica non saranno di certo la strada corretta da intraprendere.

Diete veloci o ad esempio iperproteiche sono sproporzionate, affaticano il rene e il fegato, squilibrano invece che riequilibrare.

La gravidanza e il parto hanno sottoposto l’organismo della donna ad un forte stress ed è dunque fondamentale che venga ritrovato l’equilibrio. Seguire una dieta corretta in gravidanza è cruciale sia per la futura mamma che per il bambino, ma se questo non è avvenuto nei tre trimestri? Come porre rimedio?

Come dimagrire correttamente dopo una gravidanza

L’alimentazione più corretta è proprio quella che agevola la funzionalità di ogni organo al fine di riequilibrare l’organismo.

Solo un organismo in equilibrio potrà conservare poi nel tempo la salute e la forma fisica che si andrà a recuperare ed è per questo che insisto sul promulgarne l’importanza.

Va ripristinato un equilibrio metabolico che con la gravidanza è stato alterato e non è tanto fondamentale tener conto delle calorie che introduciamo ma è l’azione che ogni cibo e la combinazione tra cibi svolgono sull’organismo a fare la differenza.

Ad esempio, il pancreas ha prodotto un eccesso di insulina che avrà portato un deposito di grasso eccessivo sulla pancia, un buon consiglio sarà dunque il non eccedere con gli zuccheri consumandone uno a pasto quindi ad esempio scegliere tra pasta pane o patate e non creare un mix.

Sarà importante anche coadiuvare il lavoro del fegato, ad esempio, evitando il mix tra alimenti troppo grassi e inserendo nella nostra alimentazione verdure amare cotte in olio extravergine di oliva ben caldo e favorire anche il lavoro del rene con verdure crude come finocchio, rucola, drenanti e diuretiche da inserire ad ogni pasto.

Attenzione agli attacchi di fame, è il campanello di allarme con cui il corpo ci avvertirà della presenza di uno squilibrio ormonale.

Se i pasti vengono composti nel modo corretto e l’organismo è in equilibrio non ci sarà un eccesso di fame fuori dei pasti.

Al bisogno come snack si può consigliare l’assunzione di un frutto poco zuccherino, olive verdi, frutta secca, in linea generale ma è importante affidarsi ad un professionista in quanto potrà indirizzare le scelte alimentari verso ciò che è più appropriato per il singolo caso in base alla costituzione, alla condizione di partenza eccetera.