Tic nervosi che rovinano la salute: ecco i 10 più comuni [FOTO]

I tic nervosi danneggiano la salute

Cosa sono i tic nervosi che rovinano la salute? Quali sono i dieci più comuni? Un tic è un movimento (o una vocalizzazione o un movimento stereotipato) che insorge improvvisamente ed è ripetuto involontariamente. Essi possono avere origine organica o funzionale, ovvero non giustificata da una condizione medica. E’ importante distinguere se tale origine del disturbo sia attribuibile o meno a fattori psicogeni, perché il decorso e la prognosi cambiano in maniera significativa. In caso di tic transitori e variabili, infatti, quest’ultima è benevola: essi tendono a diradarsi nel corso del tempo e si attenuano sensibilmente al termine dell’adolescenza. Se, invece, i tic sono cronici ed evidenziano anche tratti ossessivi del comportamento la prognosi tende ad essere più severa.

Continua a leggere
Continua a leggere

1. Torcere i capelli

L’irrefrenabile impulso di tirare (e talvolta strappare) i capelli dal cuoio capelluto, torcerli e toccarli insistentemente protratto nel tempo può provocare la comparsa di chiazze glabre a livello delle aree di cute coinvolte, indebolire il fusto, rendere i capelli stessi meno lucidi e sani. Inoltre, se tale tic sfocia in patologie più serie (come la tricotillomania) è necessario l’intervento di specialistici e cure mirate.

2. Mordere la mucosa interna della guancia

Questo tic rischia di diventare una vera e propria dipendenza se aggravato da situazioni di noia o ansia. Le contorsioni facciali necessarie a questo tipo di morso interno favoriscono la formazione di rughe premature. Viene intaccata, inoltre, la struttura dentale ed è elevato il rischio di infiammazione cronica, con possibili emorragie e cicatrici interne.

3. Toccarsi la faccia

Questo vizio, se protratto nel tempo, può causare alterazioni cutanee evidenti e/o permanenti quali cicatrici, ecchimosi, sanguinamenti e nei casi più gravi importanti danni ai tessuti e vere e proprie deturpazioni. Generalmente vengono toccate con insistenza le normali alterazioni cutanee quali lentiggini, nei, croste, piaghe o imperfezioni acneiche che rischiano, così, di infettarsi e di causare inestetismi permanenti a causa di batteri o sporcizia.

Continua a leggere
Continua a leggere

4. Mordersi le unghie

Le unghie sottoposte per anni ai morsi dei denti ricrescono fragili e indebolite. La zona che circonda l’unghia, inoltre, è facilmente dolorante, arrossata, piena di pellicine e può essere terreno fertile per le infezioni. L’abitudine a rosicchiare l’unghia può intaccare anche lo smalto dei denti favorendo così l’insorgere di carie.

5. Digrignare i denti

L’abitudine a digrignare i denti viene definita bruxismo: termine al quale viene ricondotto anche il vizio di serrarli o stringerli. Questo vizio fortemente influenzato dallo stress comporta una notevole usura dentale, col rischio di spaccature sullo smalto dovute all’eccessiva pressione. L’indolenzimento muscolare, specie al risveglio, è un’altra controindicazione diffusa, così come l’ingrossamento dei linfonodi del collo, le cefalee, le emicranie e l’eccessiva tensione muscolare alla testa.

Continua a leggere

6. Mordersi il labbro

Gli enzimi della saliva possono seccare la pelle delle labbra, portando a vere e proprie forme di dermatite e di cheilite, fastidiosa infiammazione del labbro. Mordicchiare le labbra può, inoltre, favorire la comparsa di fibromi, la cui rimozione facilmente implica un intervento chirurgico.

Continua a leggere

7. Succhiare caramelle dure

Gli zuccheri contenuti nelle caramelle aumentano il rischio di carie e diabete. Addentarle, invece, rientra tra le abitudini sbagliate che possono rovinare denti o otturazioni. Inoltre, un’eccessiva assunzione incide sui problemi intestinali e sulla cattiva digestione causando, talvolta, gonfiore e diarrea. Il continuo apporto di zuccheri comporta, inoltre, stanchezza, affaticamento e debolezza muscolare.

8. Masticare chewing gum

Anche questo vizio rischia di influire sulla salute dentale, così come sulla funzionalità dell’articolazione temporomandibolare. Ma non solo: consumare quantità esagerate di gomme da masticare può causare gonfiori, avere un effetto lassativo e rallentare la digestione.

Continua a leggere

9. Torcere il collo

Questo gesto può esporre i legamenti circostanti le vertebre al rischio di danni particolarmente seri, incidendo anche sulle articolazioni. Se prolungata nel tempo, questa cattiva abitudine può favorire la comparsa di artrite, cervicali e in caso estremi anche ictus.

Continua a leggere

10. Masticare penne e matite

Mordere ed addentare con insistenza penne e matite può facilmente danneggiare denti, otturazioni e gengive. Ma, ancora peggio, questo vizio facilita l’ingestione di patogeni aumentando, così, il rischio di infezioni.