Start the Future: il 7 aprile l’evento sulle sfide globali targato WMF

Sfide globali e come affrontarle: è il fulcro del primo evento internazionale online dedicato all'analisi e allo sviluppo di strategie innovative contro le emergenze mondiali, ideato dal Web Marketing Festival

In piena emergenza Coronavirus, il tema delle grandi sfide globali da affrontare è passato in testa all’agenda politica e sociale. Eppure, strategie di attacco e risoluzione di emergenze di questa portata dovrebbero essere costantemente all’ordine del giorno per evitare di agire (male) in contesti di massima urgenza. È per questo che il primo evento internazionale online organizzato dal WMF, Start the Future, porta sul tavolo analisi e prospettive future sull’uso dell’innovazione tecnologica e digitale per combattere le battaglie sanitarie e ambientali dei nostri giorni. Partecipare è facilissimo.

Start the Future: la nuova frontiera per le sfide globali

Il 7 aprile 2020 si terrà il primo evento internazionale online, gratuito e aperto a tutti, che il Web Marketing Festival (WMF) ha ideato per affrontare le grandi sfide globali che interessano il mondo. Si tratta dell’appuntamento Start the Future, dove si punta sull’uso dell’innovazione tecnologica e digitale e sulla ricerca per contrastare problemi come l’epidemia di Covid-19 e altre 4 aree di rilievo: educazione, salute, cambiamenti climatici e digital transfomation.
È stata lanciata una call utile a presentare progetti e proporre soluzioni, oltre che testimonianze, prodotti e servizi innovativi per affrontare l’oggi e guardare con maggiore serenità al domani. Dotati degli strumenti giusti per scendere in campo e gestire correttamente le situazioni di massima urgenza per gli uomini e l’intero pianeta.
L’appuntamento del 7 aprile è nel segno della cooperazione digitale, e la data scelta è proprio quella dedicata alla Giornata mondiale della Salute.

Anticipare i problemi per avere soluzioni tempestive ed efficaci

Anticipare i nuovi fronti su cui impegnare le proprie risorse è il leitmotiv dell’evento internazionale Start the Future: studiare gli attuali scenari (come quello dell’emergenza Coronavirus) e analizzare i limiti della società moderna nell’affrontarli è il passo fondamentale per affinare le armi tecnologiche e digitali necessarie a massimizzare le aree di intervento, razionalizzando gli sforzi e arrivando a soluzioni sostenibili dal punto di vista sanitario, economico, sociale e ambientale.

Le tematiche che verranno analizzate

All’interno di Start the Future i temi su cui riflettere e trovare soluzioni sono interconnessi e appartengono a 4 ambiti chiave:

• Education: EduTech, accesso ad una formazione equa ed inclusiva, opportunità di apprendimento continuo, servizi e soluzioni a supporto dei processi formativi;

• Health: Digital Health, soluzioni al Covid-19, migliorare la salute e la qualità della vita, innovazione, promozione e ricerca in ambito sanitario. Facendo riferimento alla call attivata dal Ministro per l’Innovazione, per questo ambito in particolare verrà posta un’attenzione particolare a tutte le proposte utili al reperimento di dispositivi di protezione individuale (come mascherine e respiratori artificiali), strumenti per la diagnosi facilitata (tamponi, test…) e tecnologie per il monitoraggio della diffusione e del contrasto del virus;

• Climate Change: Big Data for Innovative Services, energia sostenibile, AI for Earth Observation, smart cities e mobilità sostenibile;

• Digital Transformation: Manufacturing, Retail, Tourism, Industry 4.0, Business Intelligence, Blockchain, Tourism, Cultura e Intrattenimento.

I progetti e le idee presentate – ha dichiarato Cosmano Lombardo, ideatore del WMF e dell’evento – devono avere l’obiettivo di supportare cittadini, aziende, enti regionali e istituzioni per ricercare dispositivi e soluzioni tecnologiche utili al contrasto, al contenimento e al monitoraggio dell’emergenza attuale. Situazioni come quella legata al Covid-19 possono essere risolte solo grazie ad attività strategiche condivise e alla cooperazione internazionale digitale“.

Come partecipare all’evento del WMF

L’obiettivo principe dell’evento è quello di stabilire una connessione, tramite la formula dell’Open Innovation e la cooperazione digitale, tra i diversi attori internazionali della società. Il fine è quello di individuare soluzioni che siano di supporto a cittadini, imprese, scuole, strutture sanitarie ed enti governativi che oggi affrontano una situazione di grande complessità, ma non l’unica.
Prendere parte all’evento del 7 aprile è facile, gratuito e possibile per tutti in tre modalità: come partecipante, come supporter oppure in qualità di speaker, presentando progetti, prodotti, servizi e testimonianze che preventivamente selezionate attraverso la call (attiva fino al 2 aprile a questo indirizzo). I nomi delle realtà selezionate a presentare i propri progetti saranno diffusi il 4 aprile. La call è rivolta a startup, ONP, imprese sociali, aziende e centri di ricerca, media e professionisti della comunicazione e non solo: ammessi anche singoli cittadini, investitori, giornalisti, policy maker, ricercatori e innovatori. Le candidature dovranno riguardare uno dei 4 ambiti oggetto dell’analisi.

Numerosi i partner, italiani e internazionali, che hanno dato sostegno all’evento Start the Future: Digital Magics, Tim W Cap, APT (Azienda Promozione Turistica Emilia-Romagna), DOT – Digital on Things, I3P Torino, San Marino Innovation, Seedble, The Hive, ZICER – Italian Croatian Chamber of Commerce, Zagreb Innovation Centre (Croazia), Wake Up Scale (Bulgaria), Maltese Italian Chamber of Commerce (Malta). Tra gli esperti che interverranno, Paolo Cevoli e il sociologo Francesco Morace (Future Concept Lab).

Abbiamo a disposizione un enorme potenziale tecnologico – ha aggiunto Cosmano Lombardo – che, abbinato a genio, creatività e capitale umano, può essere utilizzato per affrontare le grandi sfide del nostro tempo”.

Il WMF è il più grande Festival sull’innovazione digitale e sociale. Nel corso di 3 giorni, nella passata edizione, ha superato le 21mila presenze con 500 espositori e partner e 500 speaker da ogni angolo del mondo. Giunto all’ottava edizione, sonderà a fondo l’universo dell’innovazione attraverso attività formative, show, intrattenimento, business e networking.