Quando rivolgersi ad uno psicologo? Consigli e trattamenti

Block notes con degli appunti presi dallo spicologo

Articolo aggiornato il 3 Gennaio 2024

Parlare dei propri problemi non è facile, soprattutto perché i luoghi comuni sono tantissimi. Rivolgersi ad un professionista del settore non viene sempre accolto in maniera corretta, tante volte a causa dei giudizi delle persone si fa un passo indietro preferendo non esporsi direttamente.

Quando si prende la decisione di farsi seguire da uno psicologo è perché le tante sofferenze hanno portato ad un cambio della vita, quando il sostegno delle persone care non è sufficiente e il malessere sta portando via la propria linfa vitale.

Cerchiamo di capire insieme quando rivolgersi ad uno psicologo e perché è importante prendere questa decisione.

Rivolgersi ad uno psicologo, contrariamente a quello che molte persone pensano, non significa essere matti o sentirsi tali. In realtà, una persona che decide di chiamare un professionista è perché ha cura la propria salute mentale e vuole eliminare tutti i blocchi che condizionano la propria vita personale.

Nel momento in cui si individua un disagio e non si riesce a superarlo in autonomia, bisogna avere il coraggio di chiedere aiuto ed esporre quelle che sono le problematiche in essere.

Il primo passo è cercare uno psicologo on line tramite il sito psicologionline.net e iniziare un primo step, quello delle conoscenza. Ci si affida a una persona e si chiede come uscire da alcuni blocchi che possono compromettere la propria esistenza.

Questa chiacchierata è importante anche per ottenere una crescita personale, oltre che per ritrovare se stessi quando una incomprensione rende impossibile un percorso professionale e personale.  In altri casi è necessario comprendere gli stati d’ansia e come superarli, oltre che valutare se qualcosa nella propria vita sia di ostacolo o negativo.

Ci si rivolge ad uno psicologo anche quando la situazione è complicata e perdura da molto tempo, incidendo non poco negativamente sul percorso che si sta compiendo. Ovviamente, un aiuto è ancora più importante nel caso di eventi traumatici da superare o un lutto inatteso che ha lasciato impotenti e senza forze.

Insomma, tutto ciò che diventa un grande ostacolo deve essere superato con l’aiuto di chi sa usare le parole e comprendere lo stato d’animo del suo paziente. Ci sono anche delle problematiche che incrementano le intensità di un evento trasformandolo in cronico tanto da incidere sulla sfera affettiva e sociale.

Gli strumenti usati da un professionista

Gli strumenti usati da un professionista del settore sono tanti e si basano sempre sull’ascolto, oltre che comprensione. Il paziente è invitato a riattivare le energie personali e ritornare ad un momento di lucidità per prendere in mano la propria vita.

Creando uno spazio isolato diverso da quello di tutti i giorni, si potranno prendere i pensieri negativi e isolarli sino a trovare man mano le risposte.

L’aiuto da parte di uno psicologo è dedicato e personalizzato, ma perché abbia successo deve essere condiviso. L’empatia reciproca è solo il primo fattore per affrontare un lungo percorso insieme, ma se il paziente non si apre alla connessione tutto lo sforzo sarà sicuramente vano. Affidarsi significa trovare anche la giusta soluzione.