Pompelmo: proprietà, benefici e controindicazioni

Le proprietà, i benefici e le controindicazioni del pompelmo sono molteplici: si tratta, infatti, di un frutto ricco di proprietà benefiche preziose per la salute dell’organismo ma che in qualche caso è meglio non assumere. In generale, quando si parla di “pompelmo” ci si riferisce anche all’albero da frutto, che appartiene al genere Citrus della famiglia delle Rutaceae. Ne esistono diverse varietà, come il pompelmo rosa, il più famoso: questo agrume – uno dei più grandi, come dimensioni – proviene dall’Asia ma è, ormai, coltivato nelle zone a clima temperato di tutto il mondo. Il pompelmo e i suoi semi sono ricchi di proprietà nutrizionali benefiche per il corpo, tanto che è sempre più consigliata l’assunzione dell’estratto di questo frutto per i suoi valori nutrizionali. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su questo agrume così amato e prezioso per la salute.

Questa pagina contiene:

I valori nutrizionali

Pompelmo proprietà benefici controindicazioni

I valori nutrizionali del pompelmo sono quello che fa di questo frutto un alleato della salute dell’organismo. Scopriamo, nella tabella seguente, tutti i valori nutrizionali del pompelmo.

Sostanze nutritiveQuantità per 100 grammi di prodotto
Acqua91 g
Vitamina A924 µg
Vitamina B10,04 mg
Vitamina B20,02 mg
Vitamina B30,02 mg
Vitamina B50,3 mg
Vitamina B60,04 mg
Vitamina C34 mg
Vitamina E0,1 mg
Vitamina J7,7 mg
Folati10 mcg
Alfa-carotene4 mcg
Beta-carotene553 mcg
Luteina Zeaxantina6 mcg
Criptoxantina Beta6 mcg
Licopene1131 mcg
Calcio12 mg
Potassio139 mg
Ferro0,1 mg
Fosforo8 mg
Magnesio8 mg
Zinco0,06 mg
Rame0,05 mg
Fluoro1 mcg
Manganese0,01 mg
Selenio0,3 mcg
Proteine0,6 g
Fibre1,1 g
Acido aspartico0,11 g
Acido glutammico0,16 g
Arginina0,06 g
Fenilalanina0,04 g
Glicina0,01 g
Leucina0,01 g
Lisina0,02 g
Prolina0,05 g
Serina0,02 g
Treonina0,01 g
Triptofano0,06 g
Valina0,01 g
Carboidrati8 g
Grassi0,1 g
Ceneri0,3 g

Il pompelmo è un frutto particolarmente povero di calorie e di zuccheri semplici, ma apporta notevoli concentrazioni di acqua e soltanto delle tracce di proteine. Anche le fibre non sono abbondanti, mentre grassi e colesterolo sono del tutto assenti. Le vitamine sono presenti in buone quantità, così come i sali minerali.

La buccia di pompelmo contiene oli essenziali come il limonene, il citrale e il pinene, i quali svolgono un’azione antidepressiva e antitumorale. Non mancano i flavonoidi, come la naringenina, anch’essi dall’attività antitumorale e antiossidante.

Le calorie del pompelmo

Per quanto riguarda le calorie del pompelmo, il valore energetico di questo frutto è pari a 42 kcal per 100 grammi di prodotto.

I benefici del pompelmo

I benefici del pompelmo sono molteplici. Parlando in generale, questo frutto è particolarmente ricco di flavonoidi, fibre e vitamine – come la vitamina A, la vitamina B e la vitamina C – per cui si tratta di un valido alleato del fegato e dell’apparato cardiovascolare. Oltre a ciò, la presenza di sali minerali – come il calcio, il potassio, il magnesio e il fosforo – gli conferiscono la capacità di stimolare la digestione e di dimagrire. La sua assunzione rappresenta, poi, un valido aiuto in casi di disturbi del fegato, capillari fragili e infezioni polmonari.

I semi di pompelmo pare, inoltre, abbiano delle proprietà antibatteriche e che siano utili per combattere la cistite. Ma le proprietà del pompelmo non finiscono certamente qui, per cui analizziamole tutte, una ad una, nel dettaglio.

Le proprietà digestive

Come anticipato, il pompelmo vanta delle proprietà digestive ed è per questa ragione che ne è consigliata l’assunzione a fine o ad inizio pasto: questo prezioso frutto contiene, infatti, molte fibre, acqua e flavonoidi, sostanze che svolgono un’importante funzione per la salute del fegato, nonché in grado di stimolare la digestione e combattere la costipazione.

Il succo estratto dal pompelmo, inoltre, è utile per prevenire la formazione di acidi e agevola la motilità intestinale a beneficio della digestione. Il succo di pompelmo è in grado di ridurre l’acidità, in quanto crea una condizione alcalina nell’intestino adatta per una corretta digestione.

Le proprietà dimagranti

Sono note anche le proprietà dimagranti di questo frutto. Il pompelmo pare che acceleri la trasformazione dei grassi in energia, aiutando a ridurre i livelli di insulina nel sangue: l’insulina è, infatti, un ormone che – se in eccesso – aumenta il peso. Secondo alcuni studi condotti in California, l’assunzione quotidiana di mezzo pompelmo, dopo ciascun pasto, aiuta a perdere peso.

Il pompelmo contribuisce anche alla diminuzione dell’appetito, riducendo la voglia di mangiare, grazie al suo elevato potere saziante ed è per tale ragione che questo agrume è spesso incluso nelle diete per dimagrire. Il pompelmo – che può essere assunto anche come spremuta – contiene, inoltre, poche calorie.

Le proprietà analgesiche

Il pompelmo sembra sia ottimo per sconfiggere il mal di testa: ha, infatti, proprietà analgesiche. Cosa fare? Aggiungete un cucchiaino di succo di pompelmo ad una tazzina di caffè amaro e il dolore dovrebbe passare – o, quantomeno, diminuire – in poco tempo.

Le proprietà per il sistema immunitario

Il pompelmo – frutto amato da molte persone in tutto il mondo – è noto per la sua capacità di aumentare e rafforzare le difese immunitarie, così da sviluppare una protezione contro gli agenti infettivi. Il merito è del fatto che questo frutto è ricco di vitamine: contiene, infatti, la A, la B e la C.

Le proprietà antibatteriche

Il pompelmo contiene molti sali minerali – tra cui il fosforo, il calcio, il magnesio, il potassio, lo zolfo, il cloro, il sodio, il rame e il ferro – e flavonoidi dall’azione antivirale, antibatterica e antifungina. Può essere utilizzato l’estratto di pompelmo, in fitoterapia, il quale è ottenuto dalla polpa disidratata per il 60 per cento e dai semi contusi, oltre che da una soluzione acquosa di glicerina vegetale per il 40 per cento: tale estratto è considerato uno dei più potenti antibiotici naturali privi di tossicità, il cui meccanismo d’azione sembra possa inibire l’efficienza e la struttura della membrana cellulare microbica, rendendola incapace di assorbire gli amminoacidi dall’ambiente intorno e provocando la morte dei microrganismi per mancato apporto nutritivo.

I semi di pompelmo pare, dunque, che abbiano delle proprietà antibiotiche da non sottovalutare: fu un immunologo americano, Harich Jacob, ad accorgersi che i semi di pompelmo presenti nel suo giardino – tra il materiale da compostaggio in decomposizione – non erano soggetti a mutazioni e, quindi, non si decomponevano, grazie alle loro proprietà antibiotiche e antibatteriche.

Le proprietà contro i disturbi gastrointestinali

Grazie all’azione antiparassitaria e antimicrobica, il pompelmo è utile anche nei disturbi del tratto gastrointestinale e, dunque, negli squilibri cronici della flora batterica contro dissenteria e diarrea provocati da protozoi e microrganismi di vario genere: l’estratto di semi, nello specifico, è, infatti, in grado di attaccare i parassiti dell’intestino.

Le proprietà antitumorali

Il pompelmo è una fonte ricca di antiossidanti, come la vitamina C: queste sostanze sono in grado di contrastare i radicali liberi, rallentando l’invecchiamento cellulare e riducendo il rischio di sviluppare tumori.

Il pompelmo contiene, inoltre, naringenina e limonene, i quali svolgono azione antitumorale. Anche la presenza di licopene – come dimostrato da alcuni studi recenti – riesce ad offrire protezione per quanto riguarda il tumore alla prostata, proteggendo anche la pelle dai raggi UVA.

Le proprietà disintossicanti

Sebbene non sia ancora ben noto come, pare che il pompelmo vanti delle proprietà disintossicanti: pare, infatti, che alcuni dei suoi principi attivi – come la bergamottina e la naringenina – siano in grado di calmare – almeno in parte – le crisi di astinenza e ad essere utili, quindi, nella disintossicazione dalle droghe pesanti.

Le proprietà contro il diabete

Grazie alla presenza di flavonoidi, i pompelmi possono regolare anche i livelli di zucchero nel sangue, riuscendo ad evitare così picchi glicemici e rappresentando un notevole aiuto per chi soffre di diabete.

Le proprietà contro l’insonnia

Essendo una buona fonte di triptofano, pare che bere un bicchiere di succo di pompelmo, prima di andare a dormire, possa conciliare il sonno, contrastando l’insonnia.

Le proprietà per il colon

Il pompelmo presenta una buona quantità di pectina, ovvero un tipo di fibra insolubile che aiuta nella protezione della mucosa del colon: la pectina si lega, infatti, alle sostanze tossiche, diminuendo i tempi di esposizione del colon a queste e proteggendo, di conseguenza, da tumori e malattie.

Le proprietà per gli occhi

A beneficiare del consumo di pompelmo sono anche gli occhi e la vista: questo frutto vanta, infatti, un’elevata percentuale di sostanze antiossidanti – come la vitamina A, la vitamina C, il licopene, la luteina, il beta-carotene, la zeaxantina, la naringenina e la naringina – le quali svolgono un ruolo fondamentale per la salute di vista e occhi, rallentando l’invecchiamento di questi ultimi.

Le proprietà per la bocca

Secondo uno studio del 2005, pubblicato sul British Dental Journal, consumare regolarmente il pompelmo pare riduca il sanguinamento gengivale in quei soggetti che soffrono di malattie gengivali. Inoltre, l’estratto di semi di pompelmo pare riesca a contrastare l’insorgere di diverse infezioni a carico della bocca.

Le proprietà contro il colesterolo

Il pompelmo, contenendo pectina, contribuisce anche a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, diminuendone il riassorbimento nel colon. Questo frutto rappresenta, quindi, un buon metodo di prevenzione contro la formazione di placche nelle arterie e, dunque, per le malattie cardiache e l’arteriosclerosi.

Le proprietà antinfluenzali

Il succo di pompelmo e la sua polpa sono in grado di contrastare l’influenza e di abbassare la febbre, diminuendo la sensazione di bruciore quando si ha la febbre alta. L’elevato contenuto di vitamina C rappresenta, poi, un ottimo alleato contro l’insorgere di influenza, per l’appunto.

Come detto prima, grazie alla sua azione antibatterica e antibiotica, l’estratto dei semi di pompelmo rappresenta un valido alleato contro le malattie da raffreddamento causate da virus influenzali come il mal di gola, la rinite, la sinusite, l’otite, la tosse, il raffreddore e la febbre, oltre a varie affezioni delle vie respiratorie, in quanto rinforza anche il sistema immunitario.

Le proprietà energetiche

Ma il pompelmo è un alleato anche contro l’affaticamento: il suo consumo, infatti, apporta benefici in caso di stanchezza, aumentando i livelli energetici dell’organismo. Il pompelmo contiene il nootkatone, un composto aromatico molto raro che è in grado di migliorare il metabolismo energetico del corpo, comportando una maggiore resistenza e, di conseguenza, più energia.

Le proprietà antimicotiche

Il succo di pompelmo, i semi di pompelmo e l’estratto di semi di pompelmo rappresentano degli alleati anche per l’apparato urinario: basti pensare che i semi pare siano attivi contro circa 800 ceppi di batteri, tra cui gli stafilococchi, gli streptococchi e gli Helicopbacter Pylori. Per tale motivo, il pompelmo svolge un’azione antimicotica utile per i disturbi e le infezioni urologiche, come la cistiteo la candida.

Le proprietà per il cuore e il cervello

Potassio e vitamina C funzionano come vasodilatatori, rilassando i vasi sanguigni e le arterie: agevolano, quindi, la riduzione della pressione sanguigna e allontanano il rischio di attacchi di cuore e di ictus. L’aumento dei livelli di potassio, inoltre, sono associati ad una migliore funzione cognitiva, grazie all’aumento del flusso di ossigeno e sangue al cervello.

Le proprietà per la pelle

Da non sottovalutare, poi, le proprietà benefiche del pompelmo per la pelle. Questo frutto contiene per il 91 per cento dell’acqua e questo lo rende uno dei frutti più idratanti disponibili, con notevoli benefici anche per la salute della pelle. Inoltre, la presenza di un antiossidante come la vitamina C può essere di aiuto nella lotta ai danni causati dall’inquinamento e dal sole, favorendo la formazione di collagene, il principale sistema di supporto della pelle.

Le proprietà contro la flatulenza

Bere due dita di succo di pompelmo prima di ogni pasto è indicato per chi soffre di flatulenza: questo frutto può avere lo stesso comportamento di un enzima digestivo, prevenendo appunto gli episodi di flatulenza.

Le proprietà antidepressive

Esistono varie cause per la depressione, ma sapevate che, dalla buccia del pompelmo, è possibile ricavare degli oli essenziali che vengono utilizzati – tra le altre cose – per combattere questo male? Il limonene, il citrale e il pinene sono tra queste sostanze.

Secondo uno studio giapponese del 1995, pubblicato sul Journal of Psychopharmacology, respirare il profumo degli agrumi – come quello del pompelmo – ha degli effetti benefici contro la depressione, l’ansia e lo stress.

Le proprietà antimalariche

Il pompelmo, grazie alla presenza di chinino – alcaloide naturale dalle proprietà antimalariche – rappresenta un alleato per il trattamento della malaria. In realtà, questa sostanza preziosa funge da alleata anche contro artrite, crampi alle gambe e lupus.

Come mangiare il pompelmo

Come mangiare il pompemo? Questo frutto può essere consumato crudo, come della normale frutta, da solo, come macedonia o come succo di frutta. Inoltre, il pompelmo può essere utilizzato per creare dolci, marmellate, biscotti, torte, yogurt e molto altro ancora.

Il pompelmo potrebbe, inoltre, essere aggiunto a fette ad insalate per pranzo o cena.

Pompelmo e farmaci

Secondo alcuni studi recenti, il pompelmo potrebbe essere in grado di inibire o aumentare l’azione di alcuni farmaci: alcuni dei flavonoidi contenuti nel pompelmo possono, infatti, ridurre nell’intestino i coenzimi adibiti alla metabolizzazione dei medicinali, ma anche bloccare l’azione dell’enzima OATP1A2, fondamentale per la stessa metabolizzazione dei farmaci.

Da prestare estrema attenzione anche nel caso di assunzione di pillola anticoncezionale, con cui il pompelmo potrebbe interferire. Il succo di pompelmo aumenta la tossicità di certi farmaci antiaritmici e contro la disfunzione erettile. Non associare neanche il consumo di pompelmo agli ansiolitici.

Inoltre, il pompelmo può interagire con farmaci come la ciclosporina e la simvastatina, portando ad alcuni effetti collaterali anche gravi: è sempre consigliabile consultare il proprio medico prima di consumare del pompelmo in associazione ai farmaci.

Le controindicazioni

Infine, da non sottovalutare sono le controindicazioni del pompelmo. Oltre a fare attenzione alle terapie mediche in corso, è necessario non esagerare nel consumo di pompelmo: secondo alcuni studi, infatti, consumare eccessive dosi di questo frutto aumenterebbe il rischio di melanoma e cancro alla pelle.

Chi soffre di insufficienza renale non dovrebbe consumare pompelmo: troppo potassio, infatti, può essere dannoso in chi ha problemi renali.

Origini e caratteristiche

Il pompelmo è un frutto appartenente alla famiglia delle Rutaceae e le sue tre principali varietà sono rappresentate dal Citrus Grandis, dal Citrus Decumana e dal Citrus Maxima. Il pompelmo è un frutto di tipo esperidio – il che significa che si tratta di una bacca – che va classificato tra gli agrumi.

L’albero sempreverde del pompelmo proviene dal Sud dell’Asia e dalla Malesia, dove è noto da oltre 4 mila anni: venne, ad ogni modo, introdotto in Cina attorno al 100 d.C. ma, oggi, è coltivato ormai in tutto il mondo, in special modo nelle zone a clima temperato.

Il fusto del pompelmo può arrivare all’altezza di 15 metri; le sue foglie sono di colore verde scuro; i fiori della pianta sono bianchi e sono composti da quattro petali; la sua buccia è, invece, verde e liscia, ma la polpa può essere di colore giallo, rosa, bianco o rossa e presenta un diametro che va dai 10 ai 15 centimetri, oltre ad essere caratterizzata dal sapore meno dolce e acidulo. Il pompelmo è il più grande tra i frutti dei Citrus, arrivando a pesare fino ai 10 kg con un diametro fino ai 30 centimetri.

Tra le molte varietà del pompelmo in commercio, è possibile trovare il pompelmo rosa: questo è un ibrido che deriva dal pompelmo tradizionale e dall’arancia; presenta un gusto meno amaro e una minore presenza di vitamina C.

Dalla buccia del frutto, è possibile ricavare anche degli oli essenziali, che vengono utilizzati soprattutto per aumentare le difese immunitarie e come antidepressivo naturale. I semi del pompelmo sono, invece, ricchi di flavonoidi e, dunque, dall’azione antibatterica, antifungina e antivirale. Il frutto contiene, inoltre, molta acqua, vitamina C e antiossidanti. Si tratta di un frutto tipicamente invernale.