Pericolo gotta: non solo una questione alimentare, ma genetica

La gotta non è sempre il risultato di una cattiva alimentazione e dell'obesità. Nuovi studi dimostrano che le persone con una predisposizione ereditaria e genetica possono avere un rischio cento volte maggiore di gotta, rispetto a chi mangia male. Scopriamo i dettagli.

Uomo con gotta al piede
gotta predisposizione genetica Foto Shutterstock | jittawit21

La gotta non è sempre il risultato di una cattiva alimentazione e dell’obesità. Nuovi studi dimostrano che le persone con una predisposizione ereditaria e genetica possono avere un rischio cento volte maggiore di gotta, rispetto a chi mangia male. Scopriamo i dettagli.

Il ruolo della genetica nella gotta

Donna con gotta alle mani
gotta alle mani
Foto Shutterstock | Doucefleur

La gotta in passato era chiamata la “malattia dei re”. Si verifica a causa di alti livelli di acido urico nel sangue. Se questo valore è troppo elevato per molti anni o decenni, si possono formare cristalli di acido urico nelle cartilagini e nelle articolazioni, scatenando reazioni infiammatorie e dolorosi attacchi di gotta.

I sintomi della gotta spesso compaiono prima nell’alluce del piede. Le dita dei piedi sono meno irrorate di sangue, quindi è più probabile che i cristalli di acido urico si depositino qui.

La punta o la caviglia possono quindi essere così gonfie, arrossate e dolorose. Il dolore a volte è talmente forte, che le persone colpite difficilmente possono sopportare anche una coperta sul piede. Camminare anche diventa un’impresa.

Nel corso degli anni, gli attacchi di gotta possono accumularsi, colpire altre articolazioni e causare danni permanenti.

Con un trattamento tempestivo, la gotta regredisce

Se non curati e senza modificare le abitudini alimentari, gli attacchi di gotta continueranno a ripresentarsi. La malattia metabolica può regredire completamente con un trattamento tempestivo.

A lungo termine, è possibile tenere sotto controllo la gotta con un cambiamento nella dieta e nei farmaci. Ad esempio uno dei principi attivi più utilizzati e sicuri, al momento, è l’allopurinolo, che abbassa il livello di acido urico nel sangue.

I pazienti con gotta dovrebbero seguire rigorosamente una dieta a basso contenuto di purine: carne (soprattutto frattaglie) e pesce, alcuni alimenti a base vegetale come i legumi e bevande alcoliche come la birra dovrebbero essere consumati solo con moderazione.

Se il paziente mantiene una dieta costante a basso contenuto di purine, il farmaco può essere interrotto.

La gotta ha anche cause genetiche

Studi recenti mostrano che i geni svolgono un ruolo molto più importante nello sviluppo della gotta di quanto si pensasse in precedenza. In uno studio su larga scala, un gruppo di ricerca dell’Università di Friburgo guidato dalla professoressa Anna Köttgen ha trovato 183 loci genici che hanno un’influenza sull’acido urico.

La frequenza della gotta è 100 volte più alta nel gruppo di persone con un’elevata predisposizione ereditaria rispetto alle persone con una predisposizione ereditaria molto bassa.

Qui trovi tutte le offerte a prezzi bassi su Amazon