Una lunga esposizione al freddo può provocare una paresi facciale che provoca un blocco del viso, quali sono le cause e le soluzioni? 

Sembra impossibile ma è proprio vero: una lunga permanenza a basse temperature può danneggiare il nervo facciale.

Cosa succede in questi casi e quali sono le conseguenze? In questo articolo approfondiamo l’argomento scoprendo come prevenire la paresi facciale e come curarla.

Paresi facciale, cos’è e come affrontarla

La paresi facciale da freddo è una condizione che colpisce il nervo facciale a causa dell’esposizione prolungata al freddo intenso. Questo disturbo, noto anche come paralisi di Bell, può causare debolezza, contrazioni muscolari e perdita temporanea del controllo dei muscoli del viso.

Le cause esatte della paresi facciale da freddo non sono ancora del tutto chiare, ma si ritiene che l’esposizione al freddo estremo possa danneggiare il nervo facciale, causando infiammazione e riducendo la sua funzionalità. I sintomi possono variare da lievi a gravi e possono includere difficoltà nel muovere le labbra, sorridere, chiudere gli occhi o sollevare le sopracciglia.

paresi facciale come affrontare
Paresi facciale o paralisi di Bell, come affrontarla – Tantasalute.it

La buona notizia è che nella maggior parte dei casi, la paralisi del viso dovuta al freddo guarisce con il tempo, ma il recupero può richiedere settimane o addirittura mesi. Nel frattempo, ci sono alcune cure e accorgimenti che possono essere di aiuto per accelerare il processo di guarigione.

Uno dei primi passi da compiere è riposare e assegnare un adeguato riposo ai muscoli del viso colpiti. Questo significa evitare movimenti facciali eccessivi o stressanti che potrebbero aggravare i sintomi. Come nel caso di qualsiasi paralisi, il riposo è fondamentale per consentire ai muscoli di riprendersi e rigenerarsi.

L’applicazione di calore può essere benefica per stimolare la circolazione e alleviare l’infiammazione. Puoi utilizzare un impacco caldo o una bottiglia d’acqua calda per applicare calore sulla zona interessata per alcuni minuti alla volta, diverse volte al giorno.

Le tecniche di massaggio possono essere utili per stimolare la circolazione sanguigna e migliorare il flusso di ossigeno ai muscoli colpiti. Tuttavia, è importante essere delicati e fare attenzione a non applicare troppa pressione sulla zona colpita.

Sebbene non esistano rimedi specifici per il paresi facciale da freddo, l’adozione di alcune misure generali può contribuire al processo di guarigione. Mantenere uno stile di vita sano e equilibrato è fondamentale, assicurandoti di seguire una dieta sana, ricca di frutta e verdura, e di bere a sufficienza per mantenerti idratato.

In alcuni casi, il medico potrebbe prescrivere farmaci antivirali o corticosteroidi per ridurre l’infiammazione e promuovere la guarigione. Assicurati di seguire attentamente le indicazioni del medico e di discutere qualsiasi preoccupazione o effetto collaterale che potresti riscontrare durante l’assunzione dei farmaci prescritti.

L’aspetto psicologico è altrettanto importante durante il periodo di guarigione. Affrontare il paresi facciale da freddo può causare stress e frustrazione. In questi casi, cercare l’aiuto di uno psicologo o di un gruppo di supporto può essere utile per affrontare le emozioni associate alla malattia e per imparare strategie di coping.