Onicogrifosi: sintomi, cause e cure

Unghie

Unghie

L’onicogrifosi è una malattia che interessa le unghie e che provoca sintomi importanti da non sottovalutare. Le sue cause possono essere diverse ed è importante individuarle per poter giungere alle giuste cure. Qual è la sintomatologia esatta legata all’onicogrifosi? Quali sono le sue cause? Quale il trattamento per poter giungere alla guarigione? Scopriamo di più in merito.

Continua a leggere
Continua a leggere

Cos’è

Cos’è l’onicogrifosi? Si tratta di una patologia che colpisce le unghie – in special modo quelle delle dita dei piedi – rendendole deformi e causandone un maggiore ispessimento.

I sintomi

I sintomi dell’onicogrifosi si manifestano, per l’appunto, attraverso le unghie, le quali si ispessiscono e assumono una caratteristica forma ad uncino, deformandosi: esse si allungano, infatti, verso il basso ed è possibile che si formino calli – esistono dei rimedi contro i calli ai piedi – oltre all’insorgere di zoppia. A parte le conseguenze estetiche, le unghie colpite da questa patologia possono essere molto dolorose, per cui è difficile anche solo indossare le scarpe o camminare. Inoltre, le unghie gravemente colpite possono penetrare nelle dita adiacenti, causando infiammazioni.

Le cause

Le cause dell’onicogrifosi possono essere diverse: tale disturbo può, infatti, essere causato da stasi sanguigna, elefantiasi, scarsa igiene, infezioni da germi patogeni o funghi o disturbi congeniti. Altri fattori scatenanti possono essere dei piccoli traumi ripetuti provocati, ad esempio, da calzature troppo strette o da lesioni a seguito di urti violenti. Oltre a ciò, l’onicogrifosi può essere sintomo di molte altre malattie: infezioni – come l’onicomicosi – la psoriasi, la tricofizia, il diabete – per cui è importante seguire una corretta alimentazione – alluce valgo, disturbi circolatori, dermatofitosi, scarsa igiene, l’artrosi o carenze nutrizionali.

Continua a leggere
Continua a leggere

La diagnosi

Alla comparsa di segni e sintomi, è opportuno contattare il medico, il prima possibile, il quale – tramite una serie di esami e analisi – stabilirà la diagnosi e, dunque, la terapia più adatta a seconda del caso specifico. Oltre alla visita medica, allo studio dei sintomi e agli esami del sangue, è possibile che vengano richiesti ulteriori test e indagini per approfondire le circostanze.

Le cure

Quali sono i rimedi contro l’onicogrifosi? Le cure dipendono dalle cause che hanno provocato la patologia, per cui potrebbe essere necessario assumere determinati farmaci. Sicuramente, una attenta igiene è il primo passo per cercare di guarire ed evitare gravi complicazioni, come l’asportazione delle unghie deformate per evitarne la ricrescita.

Continua a leggere

La prognosi

Infine, la prognosi dipende da diversi fattori: dalla tempestività di intervento, dalla causa scatenante e dalla gravità della situazione, oltre che dall’età e dallo stato di salute del paziente.

Continua a leggere