Nuovi farmaci per l’alopecia: come combattere la perdita dei capelli

L'alopecia areata è una perdita di capelli e di peli che può essere grave o meno grave. Causata da un disturbo autoimmune, può colpire chiunque e più volte nella vita. Scopri quali nuovi farmaci sono stati approvati per curare questa patologia.

alopecia nuovi farmaci

Articolo aggiornato il 28 Febbraio 2023

Per coloro che soffrono di alopecia areata, diversa dall’alopecia androgenetica che è una calvizie irreversibile, ci sono buone notizie.
L’alopecia areata di solito è temporanea e, in alcuni casi non gravi, si risolve spontaneamente e senza alcun trattamento, entro un anno.

Come spiega la dottoressa Bianca Maria Piraccioni sul Corriere della Sera, questa “è una malattia autoimmune per cui le nostre difese immunitarie si sbagliano e danneggiano i follicoli piliferi come se fossero estranei”.

L’alopecia areata totale si ha quando cadono tutti i capelli. L’alopecia areata universale, invece, coinvolge anche i peli del corpo.

Ecco per questo tipo di disturbo, attualmente ci sono nuovi farmaci che danno speranza. Scopriamo i dettagli.

Le cause dell’alopecia areata

A differenza dell’alopecia androgenetica, che si verifica principalmente negli uomini, ma anche in alcune donne dopo la menopausa, quella areata è un disturbo temporaneo e autoimmune.

Le nuove cure, disponibili in Europa e in America, riguardano solo l’alopecia areata, ecco perché è essenziale che il dermatologo arrivi ad una precisa diagnosi.

Le cause di una caduta lieve dei capelli, possono essere:

  • assunzione di farmaci (e quindi effetti collaterali);
  • disturbi della tiroide;
  • anemia da ferro;
  • dimagrimento repentino;
  • infezioni acute.

Di solito in questo caso, risolvendo la causa del problema, si arresta anche la caduta. Nel caso dell’alopecia areata, invece, dove il disturbo è autoimmune, è necessario un intervento specifico e farmacologico.

I nuovi farmaci contro l’alopecia areata

Il dermatologo può prescrivere questi farmaci per contrastare l’alopecia areata:

  • corticosteroidi;
  • antralina;
  • immunoterapia topica.

Ogni cura va seguita per almeno un anno, anche se la guarigione definitva è molto difficile da raggiungere. Il disturbo, infatti, può ripresentarsi con il tempo.

Adesso è stata scoperta e approvata una nuova classe di medicinali, gli inibitori delle Janus chinasi (o JAK inibitori), che si spera apportino risultati migliori.

Con il primo di questi farmaci approvati, baricitinib, il 40% dei 1.200 pazienti adulti con alopecia areata grave trattati a 36 settimane ha raggiunto l’80% di copertura del cuoio capelluto e il 75% è arrivato fino al 90%. Un risultato strabiliante!

L’alopecia areata può colpire chiunque: uomini, donne, anziani e adolescenti. Molti pazienti sperimentano anche ansia e depressione a causa della perdita dei capelli e dei peli, e si sentono condizionati nella vita di ogni giorno.

Poter avere dei nuovi farmaci sui quali contare, è una speranza importantissima per questi pazienti.