Nictalopia: sintomi e cause della cecità diurna

La maggior parte delle persone ha difficoltà a vedere chiaramente al buio o in ambienti scarsamente illuminati. Ma molti non vedono quasi nulla in condizioni di luce viva, mentre vedono meglio quando c'è la luce tenue o il buio. Questa caratteristica può essere l'indicazione di un sintomo chiamato nictalopia, che può rivelarsi estremamente pericolosa.

Uomo seduto al buio che guarda le stelle
Foto Shuttestock | i make photo 17

Articolo aggiornato il 7 Novembre 2022

La maggior parte delle persone ha difficoltà a vedere chiaramente al buio o in ambienti scarsamente illuminati. Ma molti non vedono quasi nulla in condizioni di luce viva, mentre vedono meglio quando c’è la luce tenue o il buio. Questa caratteristica può essere l’indicazione di un sintomo chiamato nictalopia, che può rivelarsi estremamente pericolosa.

Nictalopia: sintomi della cecità diurna

Coppia che guarda il tramonto su New york
Foto Shutterstock | elewin

Come afferma il chirurgo oftalmologo Dr. Anastasios-I. Kanellopoulos, professore di Oftalmologia alla New York University, la nostra capacità di vedere al buio dipende da quattro strutture oculari di base: cornea, la pupilla, il cristallino e la retina.

La cornea è il tessuto trasparente situato sopra la pupilla, nella parte anteriore dell’occhio. La luce deve attraversarlo senza ostacoli per creare il senso della vista. Se non è chiara o non ha una forma normale, non sarà possibile creare un’immagine chiara. È così che si sviluppa la nictalopia.

La pupilla è il “disco” nero che vediamo al centro dei nostri occhi. Il suo diametro oscilla a seconda dell’illuminazione. Al buio, si espande (si ingrandisce) in modo che quanta più luce possibile possa passare nell’occhio e possiamo vedere meglio (nella misura in cui ciò è possibile).

Il cristallino è la struttura che, una volta che la luce entra nell’occhio, la focalizza sulla retina. Ciò è necessario perché la retina, situata nella parte posteriore dell’occhio, trasporta le cellule del recettore della luce. In condizioni di scarsa illuminazione, il cristallino non ha molta luce da mettere a fuoco per produrre un’immagine nitida.

Le cellule del recettore della luce nella retina sono bastoncelli e coni. Le bacchette assorbono ed elaborano la luce, anche al buio. I coni sono responsabili dei dettagli e dei colori, ma hanno bisogno di molta luce per funzionare correttamente. Pertanto, in penombra non possiamo distinguere colori e dettagli. Vediamo principalmente immagini grezze con colore bianco, nero e grigio.

Nictalopia: quali sono le cause?

Una diagnosi corretta è molto importante. Se con la luce si ha difficoltà a vedere, mentre in condizioni di penombra o buio, si vede meglio, bisogna fare una visita oculistica.

Le possibili cause di nictalopia includono:

Glaucoma congenito o meno. Questa patologia è caratterizzata da un aumento patologico della pressione intraoculare. La sua conseguenza a lungo termine è il danno al nervo ottico. Con il progredire della malattia, i malati perdono gradualmente la capacità di vedere.

La cataratta, provoca annebbiamento di parte o dell’intero cristallino, con la conseguenza che il passaggio della luce è ostruito.  Questi sintomi possono essere risolti con la correzione chirurgica della cataratta e la nictalopia corretta.

Cheratocono: è una malattia degenerativa dell’occhio che cambia la forma della cornea e la fa gonfiare verso l’esterno come un cono. Ciò ha la conseguenza di provocare:

  • Troppa miopia
  • Astigmatismo significativo
  • Grave distorsione delle immagini viste dal paziente

Retinopatia pigmentosa. Si sviluppa a causa di alcune malattie genetiche che degenerano progressivamente le cellule retiniche. Poiché è genetico, può manifestarsi anche nei bambini. Quando le cellule del recettore della luce sono danneggiate, si verifica anche la nictalopia.

Retinopatia diabetica. È una complicanza del diabete mellito e danneggia la retina. Come con altre condizioni, a lungo termine può portare alla nictalopia.

La visione notturna è trattata in base alla sua causa. Sfortunatamente, molte malattie degli occhi si sviluppano silenziosamente, insidiosamente, per un certo numero di anni. Nel momento in cui causano sintomi, la vista ha già subito danni significativi e spesso irreversibili.

Per questo motivo si consiglia una visita oculistica preventiva una volta all’anno, in modo che ogni nuovo problema emergente possa essere diagnosticato in tempo e trattato in modo appropriato.