Memoria e capacità cognitive migliorate dall'esercizio fisico

La memoria e le capacità cognitive migliorerebbero grazie ad un’attività fisica regolare, rispetto ad una vita sedentaria

memoria capacita cognitive esercizio fisico

memoria capacita cognitive esercizio fisicoL’esercizio fisico, utile per mantenersi in forma ed in buona salute, migliora anche le capacità cognitive e la memoria. Il movimento aiuterebbe l’attività delle cellule nervose grazie alla produzione di una proteina, che aumenterebbe il benessere di queste ultime. Il detto latino “mens sana in corpore sano”non è sicuramente un classico modo di dire da sottovalutare, anzi è da tenere in considerazione, soprattutto, dopo questi studi.

I miglioramenti della memoria e delle capacità cognitive dovuti ad una giusta attività fisica, rispetto ad una vita sedentaria, sono stati oggetto di studio di un gruppo di ricercatori irlandesi, i cui risultati sono stati pubblicati sul New York Times. Gli studiosi hanno eseguito l’esperimento su dei giovani universitari sedentari: inizialmente a tutto il gruppo sono state proiettate una serie di foto con facce e nomi sconosciuti. Dopo di che è stato chiesto loro di ricordare le associazioni che avevano appena visto. Successivamente, i ragazzi sono stati divisi in due gruppi, ad alcuni è stato chiesto di pedalare per un certo tempo su una cyclette sino a sfinimento, mentre gli altri dovevano stare tranquilli nel divano.
 
Ultima tappa dell’esperimento è stata quella di richiedere ad entrambi i gruppi di ricordarsi i nomi e le facce delle foto viste precedentemente. La prova dei giovani che avevano appena eseguito l’attività fisica è andata sicuramente meglio rispetto a chi era rimasto seduto nel divano. Perché? Analizzando i campioni di sangue, gli studiosi verificarono che i ragazzi ai quali era stato chiesto di eseguire dell’attività fisica mostrarono la presenza di elevati livelli di una proteina, il fattore neutrofico cervello derivato (bdnf), la cui azione è benefica nei confronti delle cellule nervose. Ecco perché la memoria e le capacità cognitive migliorerebbero e la loro salute verrebbe preservata.