Mal di testa in gravidanza: possibili cause e rimedi consentiti

Il mal di testa è un disturbo che interessa prevalentemente le donne, infatti non le risparmia neanche durante la gravidanza. Tale problema è un tipico sintomi del periodo, a causa dello squilibrio ormonale in atto. Tuttavia, anche altre possono essere le cause, a seconda del periodo gestazionale in cui compare. Per curarlo sono disponibili dei rimedi, ma solo alcuni sono consentiti.

da , il

    Mal di testa in gravidanza: possibili cause e rimedi consentiti

    Scopriamo quali sono le cause del mal di testa in gravidanza e i rimedi consentiti, sia naturali che farmacologici, per stare meglio in poco tempo. Il dolore alla testa in questo particolare periodo della vita di una donna è molto comune, per cui non è necessario preoccuparsi; tuttavia, è un disturbo di per sé fastidioso, che, se associato agli ulteriori sintomi della gravidanza, può condizionare le attività quotidiane e l’umore. Nella maggior parte dei casi il mal di testa è solo un fenomeno temporaneo delle prime settimane della gestazione; altre volte invece può essere uno specifico segnale del corpo. Vediamo di che cosa si tratta e i rimedi per tornare a stare bene.

    Cause del mal di testa in gravidanza

    Iniziamo con una premessa: il mal di testa in gravidanza è normale. Solitamente la causa del mal di testa in gravidanza, soprattutto nelle prime settimane, è da imputare ai cambiamenti di tipo ormonale che avvengono nel corpo della donna: il delicato equilibrio, infatti, viene meno, così come avviene durante il ciclo mestruale e nel periodo della menopausa. Alcune donne che soffrono di emicrania cronica, però, possono rilevare un miglioramento della sintomatologia e del dolore: fino al 70% di loro, infatti, può non presentare più crisi emicraniche durante la gestazione.

    Oltre a quella che può considerarsi una vera e propria tempesta ormonale, le cause imputate alla comparsa di mal di testa in gravidanza possono essere:

    • Anemia
    • Disidratazione
    • Stress
    • Disturbi del sonno
    • Bassi livelli di zuccheri nel sangue
    • Aumento della pressione: in gravidanza la pressione alta può essere un disturbo da trattare farmacologicamente, poiché può portare alla gestosi
    • Alimentazione sbilanciata o ricca di cibi grassi

    Mal di testa e trimestre di gravidanza

    È anche possibile tentare di spiegare il mal di testa valutandolo in base al periodo di comparsa. Infatti, il mal di testa in gravidanza può insorgere nel primo, nel secondo e/o nel terzo trimestre della gestazione, e i fattori di rischio e le cause associate sono diversi. Vediamo in dettaglio cosa significa.

    Periodo di gestazioneCause principali
    Primo trimestre (dalla 1° alla 13° settimana)Aumento dei livelli di progesterone
    Difficoltà digestive
    Vomito gravidico
    Mancanza di sonno
    Affaticamento
    Stress
    Diminuzione della pressione arteriosa
    Repentino calo della glicemia
    Sovrappeso od obesità
    Sospensione di alcuni farmaci come gli antidepressivi
    Secondo trimestre (dalla 14° alla 27° settimana)Affaticamento e stanchezza
    Stitichezza
    Progressive difficoltà digestive
    Insonnia
    Diminuzione dei livelli di ferro nel sangue e lieve anemia
    Aumento della pressione arteriosa
    Terzo trimestre (dalla 28° settimana alla fine della gravidanza)Postura scorretta a causa del peso del pancione
    Ansia, stress e stanchezza fisica
    Insonnia reiterata
    Persistenti problemi di stomaco
    Stipsi
    Ipertensione arteriosa
    Disidratazione
    Gestosi EPH

    Nel primo trimestre di gravidanza, il mal di testa è da imputare, nella maggioranza dei casi all’aumento del progesterone, un ormone naturalmente prodotto durante la gestazione; ma anche la nausea gravidica e i disturbi del sonno possono incidere negativamente sulla qualità della vita della gestante, causando mal di testa. Anche la sospensione di alcuni farmaci a causa dello stato interessante può provocare la comparsa di dolore alla testa.

    Durante il secondo trimestre di gravidanza, invece, il mal di testa è causato soprattutto dalle difficoltà digestive e dall’aumento della pressione arteriosa, oltre che dallo stress accumulato e dall’insonnia reiterata. Anche l’anemia può essere fonte di mal di testa. Soprattutto in questa fase è bene monitorare altri sintomi che si accompagnano al dolore cranico, come gonfiore degli arti e fotobia, poiché potrebbero indicare la prima comparsa di gestosi, anche detta preeclampsia, una grave sindrome che deve essere trattata il prima possibile.

    Nel terzo trimestre di gravidanza, il mal di testa si associa a cause come la già detta gestosi, posture scorrette dovute al peso del bambino, ansia e persistenti problematiche di stomaco o insonnia.

    Rimedi naturali

    Anche il mal di testa in gravidanza può indicare altri disturbi come una cefalea primaria, come la cefalea tensiva, la cefalea a grappolo o l’ emicrania.

    L’Agenzia italiana del farmaco suggerisce di non assumere in gravidanza una terapia farmacologica, se non necessaria e soprattutto, mai senza controllo medico. In genere, quando il dolore alla testa colpisce nella prima fase della gravidanza, il consiglio migliore è quello di provare a riposare di più e di rilassarsi. È poi importante ricordarsi di bere almeno 2 litri d’acqua al giorno per evitare la disidratazione e di evitare gli alimenti che possono creare disturbi di stomaco. Se il disturbo persiste, però, è possibile alleviarlo con alcuni rimedi che possono essere molto utili nella fase acuta del mal di testa.

    Nonostante si tratti di rimedi naturali, il consiglio è sempre quello di contattare il proprio ginecologo o medico curante, prima di metterli in pratica, specialmente durante il primo trimestre di gestazione; alcune piante, poi, possono essere fortemente controindicate poiché possono portare a contrazioni premature.

    Borsa del ghiaccio

    Il freddo svolge un’azione vasocostrittrice sulla zona del corpo sulla quale viene appoggiato. Per alleviare il mal di testa lieve in gravidanza può essere sufficiente applicare del ghiaccio, avvolto in panno, sulla testa, nel punto esatto del dolore, per un massimo di 10 minuti. Tale rimedio può essere ripetuto più volte nell’arco della giornata. È anche possibile applicare un panno bagnato con acqua fresca sulla fronte e sulla tempia dolorante.

    Melissa officinalis

    La Melissa officinalis è una pianta dalle proprietà calmanti, spesso anche usata per alleviare il mal di testa da ciclo. Pertanto, è un rimedio che può essere assunto sottoforma di infuso, facendo bollire le foglie della pianta in acqua calda, oppure utilizzando l’olio essenziale. Questo agisce sul sistema nervoso, andando a eliminare le tensioni che causano il mal di testa in gravidanza.

    Massaggi

    Per ridurre la tensione del mal di testa, è possibile ricorrere a massaggi alla zona della cervicale, alle spalle e ai muscoli del dorso. La pressione esercitata sulla zona non deve essere eccessiva ed è possibile renderla più fluida con l’applicazione di un olio per bambini. Se si tratta di una cefalea muscolo-tensiva (dovuta cioè, in principale misura, a una postura scorretta), il massaggio con l’assunzione di una posizione corretta e dritta può curare il dolore.

    Esercizio fisico

    Svolgere quotidianamente una leggera e regolare attività fisica può contribuire a prevenire e combattere il mal di testa in gravidanza. Un rimedio peso in considerazione da molte donne è quello di fare una passeggiata di trenta minuti all’aria aperta o seguire delle sedute di yoga, appositamente studiate per le donne incinte: infatti, lo yoga in gravidanza fa bene sia al fisico che alla mente, aiutando a eliminare lo stress e a sciogliere le tensioni muscolari.

    Cosa prendere contro il mal di testa in gravidanza

    Durante la gravidanza, come è noto, è bene non assumere medicinali che potrebbero avere anche gravi conseguenze sul feto. Pertanto, potrebbe sorgere spontaneo chiedersi cosa prendere contro il mal di testa in gravidanza, per evitare di soffrire in questo momento così delicato della vita di ogni donna.

    Prima di tutto, il consiglio è sempre quello di contattare il proprio medico curante, o il ginecologo, che saprà indicare la soluzione più adatta alla problematica esposta dalla paziente; nella maggior parte dei casi, verrà prescritto il riposo insieme ad alcune indicazioni per prevenire la comparsa del mal di testa.

    I FANS (farmaci anti-infiammatori non steroidei) sono sconsigliati in gravidanza, in quanto alcuni studi hanno dimostrato come possano, in alcuni casi, aumentare il rischio di aborto spontaneo; normalmente i medici prescrivono l’assunzione di paracetamolo a basso dosaggio per curare tutti gli stati infiammatori durante la gestazione.

    Prevenzione del mal di testa in gravidanza

    Come abbiamo precedentemente sottolineato, la prevenzione è, specialmente in questa fase delicata, la miglior arma contro il mal di testa in gravidanza; occorrerà, perciò:

    • Idratarsi correttamente

    Bere almeno 2 litri di acqua al giorno, senza attendere di avere sete, perché potrebbe comparire nel frattempo una prima avvisaglia di mal di testa.

    • Seguire una dieta sana

    La regolarità nell’alimentazione è uno dei primi passi che consente di prevenire la comparsa di attacchi di dolore alla testa. Alimentarsi sempre alla stessa ora e seguire una dieta equilibrata può davvero aiutare in gravidanza.

    • Fare una leggera attività fisica

    Non esagerare, soprattutto durante la gestazione, è d’obbligo. Praticare uno sport leggero, come lo yoga o l’acquagym (appositamente studiati per le donne incinte) può aiutare nella produzione degli ormoni che agiscono come antidolorifici naturali, cioè le endorfine. Visto che l’assunzione di antidolorifici è, in sostanza, vietata, è bene prendere in considerazione questo metodo preventivo. Fare sport, poi, fa bene a tutto il corpo, e alla mente: soprattutto, aiuta a mantenere la giusta postura anche quando il peso del pancione sarà molto elevato.

    • Riposarsi

    Quando lo stress e l’ansia, conseguenze della gravidanza, sono alti è il metodo più efficace per prevenire il mal di testa.