Magnetoterapia: cure contro il dolore

La magnetoterapia ha degli effetti miracolosi sui dolori di origine nervosa, traumatica o reumatoide. Perché siano efficaci è sufficiente posizionarli a perpendicolo sulla parte dolente. In questo modo il corpo riuscirà a equilibrarsi rimettendosi in moto e scaricando progressivamente il dolore.

MagnetoterapiaQuanti sono i dolori che non passano mai? Quelli che si fanno sentire nella mani, sulle braccia, lungo tutta la schiena, nelle ossa? A sentire il parere dei malati e a leggere i dati statistici sono tanti, ma tanto quanto spesso si sente parlare di dolori e reumatismi, altrettanto raramente si sente qualcuno che parla di magnetoterapia, e questo fatto è un vero peccato.
Si parla di magnetoterapia riferendosi a quelle cure che servono per il trattamento naturale di dolori e di infiammazioni: è una tecnica del tutto naturale che sfrutta il magnetismo per ridare equilibrio biologico alle cellule, riducendo, grazie alla polarizzazione, il dolore. 
 
Il trattamento magnetico non è sostitutivo di quello tradizionale, per cui possono essere entrambi seguiti contemporaneamente, mentre i tempi non sono fissi, bensì dipendono da persona a persona, da qualche minuto a qualche ora, anche se l’efficacia dei magnetini è perenne. 
 
I magnetini hanno due poli, uno positivo e uno negativo, come tutte le calamite, consentono di curare malattie come i dolori muscolari e articolari, il mal di schiena, la cervicale, la lombalgia, le storte e i dolori in generale di varia origine. 
 
I magnetini vanno posizionati in modo che seguano la North Pole, polarità negativa, in caso contrario, è risaputo, la polarizzazione a Sud eccita, per cui il dolore non potrebbe passare.  
 
Esistono magneti di diverse dimensioni, non sono tutti uguali, conseguentemente anche la loro potenza sarà variabile a seconda della superficie su cui agiscono, ma tutti devono essere posizionati in modo che la polarità negativa vada a perpendicolo con l’epicentro del dolore e conseguentemente i magneti secondari secondo le posizioni previste dal manuale che trovate in vendita insieme ai magnetini. 
 
il magnete funziona in modo che si generi un campo magnetico che, tra uguali (–) (++) si respingono e tra segni opposti si attraggono: ecco il perché dell’importanza a seguire le istruzioni per l’uso. 
 
Il magnete aiuta a mettere ordine nelle cellule del corpo umano aiutando le sostanze presenti nei vasi sanguigni e nei vasi linfatici a ordinarsi con le rispettive cariche elettriche. Queste cariche elettriche che sono presenti nel corpo umano, in tutte le sostanze e in tutte le cellule, sono importanti perché possono determinare la differenza tra salute e malattia, in fatto di infiammazioni, traumi e dolori. 
 
Se nel corpo umano la polarizzazione è ordinata, allora le cariche daranno degli effetti positivi che sono: la circolazione del sangue migliorata, più ossigeno e più calore alle estremità del corpo, vasodilatazione, endorfine che placano il male, aumento del metabolismo cellulare, stimolazione della linfa e del sistema immunitario. 
 
Per saperne di più su come funziona l’energia prodotta dai magnetini potete consultare il vostro medico farmacista o il vostro specialista omeopatico di fiducia.  
 
Fonte: HerboTop Trento  
Foto da Luxury Housing Trends

Continua a leggere
Continua a leggere