Leucemia: bimbi a rischio, se il padre fuma

Se il padre è un fumatore al momento del concepimento, aumentano le probabilità che il piccoli sviluppi la leucemia linfoblastica acuta, LLA

Il padre fumatore alza il rischio leucemia

Il padre fumatore alza il rischio leucemia Se il padre è fumatore, aumenta il rischio che il piccolo sia affetto da leucemia. Il fumo è un pessima abitudine dai risvolti pericolosi per la salute: se a fumare è il padre al momento del concepimento, il bimbo ha il 15% in più di rischio di sviluppare la forma di cancro infantile più diffusa, la leucemia linfoblastica acuta, LLA.

Continua a leggere
Continua a leggere

Una relazione sospettabile, quella tra la deleteria abitudine al fumo e la comparsa di un cancro, ma dai profili ancora più preoccupanti, stando ai risultati della sperimentazione australiana, pubblicata sulle pagine del Journal of Epidemiology.
 
Non è l’unica causa, esistono anche altri fattori di rischio da non sottovalutare, ma se il padre fuma i risvolti negativi sulla salute del piccolo non mancano. Un padre che non rinuncia alle sigarette, al momento del concepimento, espone maggiormente il bambino a questa forma tumorale, che colpisce circa 3-5 bimbi ogni 100 mila.
 
Per giungere a questa conclusione, che dà un nuovo buon motivo ai padri o aspiranti tali per smettere di fumare, i ricercatori australiani hanno analizzato le famiglie di quasi 300 bambini affetti da LLA. Riservando una particolare attenzione alle abitudini dei genitori riguardo al fumo e confrontando i dati raccolti con quelli ricavati dal monitoraggio di altri 800 bambini in buona salute, gli esperti hanno evidenziato il nesso causale tra il fumo e il cancro infantile.
 
Scagionate le donne, additati gli uomini: le abitudini delle madri, che siano fumatrici o meno al momento del concepimento, non sembrano influire troppo sul futuro stato di salute del piccolo, al contrario di quanto accade per il padre.
 
Il tabacco è un vero e proprio veicolo di tossine pericolose, sostanze cancerogene, che potrebbero incidere negativamente sulle cellule deputate alla produzione dello sperma.