Le 10 maggiori cause di morte

Ecco una selezione delle cause maggiori di morte nel mondo, 10 delle principali cause di decesso

10 maggiori cause di morte

10 maggiori cause di morte Tra i timori più diffusi c’è, sicuramente, la paura di morire. Spesso, però, ansie e paure si concentrano su motivi sbagliati o, meglio, meno diffusi di quanto si creda. Tra le maggiori cause di morte al mondo, ci sono gli “incubi” peggiori di molti e ben noti a tutti, come i tumori e gli incidenti, ma anche malattie ed eventualità meno riconosciute, come le infezioni o le malattie dell’apparato respiratorio. Più che una vera e propria classifica, difficile, se non impossibile, perché i tassi di incidenza variano in base a molti fattori, come la collocazione geografica, l’età o la predisposizione genetica, ecco una panoramica con 10 delle maggiori cause di morte, in base alle ultime statistiche in materia.

Continua a leggere
Continua a leggere

1. Le malattie cardiovascolari

Sembrano, dati alla mano, essere proprio loro, le patologie del sistema cardiovascolare, la prime responsabili di decesso nel mondo. Che si tratti di malattie ereditarie o legate allo stile di vita, all’accumulo di colesterolo in eccesso o al pessimo vizio del fumo, ipertensione, attacchi cardiaci & co. si aggiudicano il primo posto tra le cause di morte.

2. I tumori

Non è una grande sorpresa, la seconda causa più frequente di morte, soprattutto nei Paesi industrializzati, è il tumore. Il cancro, nelle due mille sfaccettature e forme diverse, colpisce milioni di persone ogni anno. Tra le forme tumorali più “letali” e diffuse ci sono, sicuramente, il cancro ai polmoni, al seno e al colon retto.

3. Le malattie cerebrovascolari

Con tassi di mortalità e di incidenza elevati, il terzo gradino del podio spetta alle malattie cerebrovascolari e, in particolare, all’ictus, conosciuto anche come infarto cerebrale. Questa pericolosa eventualità si verifica quando un’arteria, deputata al trasporto di sangue ricco di ossigeno al cervello, di ostruisce.

Continua a leggere
Continua a leggere

4. Le malattie croniche dell’apparato respiratorio

Possono avere “volti” differenti, ma il loro tasso di mortalità rimane elevato, le malattie croniche dell’apparato respiratorio, dall’enfisema alla broncopneumopatia cronica ostruttiva, BPCO, entrano di diritto tra le 10 maggiori cause di morte nel mondo.

5. Gli incidenti

Più che una malattia, è una fatalità, che, complici disattenzione, fattori di rischio, mancanza di prevenzione o omessa attuazione di norme di sicurezza, provoca il decesso di milioni di persone ogni anno. Si tratta degli incidenti, che possono essere di trasporto, ma anche professionali o domestici.

Continua a leggere

6. Le malattie degenerative

Legate, soprattutto, all’invecchiamento, ma non solo, le malattie degenerative che colpiscono il sistema nervoso, rendendo progressivamente la persona colpita sempre meno autonoma e autosufficiente, sono tra le cause di morte più frequenti. Un esempio su tutti? L’Alzheimer.

Continua a leggere

7. Il diabete e le malattie metaboliche

Il diabete è una delle malattie croniche più diffuse nel mondo, che può essere sia giovanile sia il risultato di stili di vita e abitudini scorrette, ha un tasso di mortalità, soprattutto per le sue complicanze, molto elevato.

8. L’influenza, la polmonite e le infezioni delle vie respiratorie

Morire per una banale influenza? E’ possibile, soprattutto, ma non solo nei Paesi del sud del mondo. Complici virus sempre più potenti e microrganismi sempre più difficili da individuare e prevenire, le infezioni delle vie respiratorie possono contare numerose vittime.

Continua a leggere

9. Le malattie renali

Particolarmente debilitanti, difficili da gestire e da trattare, le malattie renali mettono a dura prova l’organismo e, in molti casi causano il decesso.

Continua a leggere

10. Le infezioni, l’Aids e l’Hiv

Le infezioni e le malattie infettive sono “nemici” che non vanno mai sottovalutati, responsabili, ancora, di numerosi decessi nel mondo. Così come l’Aids che, diversamente da quanto credono in molti, è una patologia ancora troppo diffusa.