Ipotermia: sintomi, cause e rimedi

Freddo

I sintomi

L’ipotermia è caratterizzata da un repentino abbassamento della temperatura corporea sotto i 35 gradi – in condizioni normali, infatti, la temperatura del corpo è di circa 36-37 gradi – e ciò può provocare serie conseguenze, come il rallentamento delle funzioni vitali dell’organismo: di queste, ovviamente, fanno parte quelle cardiovascolari, respiratorie, nervose e intellettive. La sintomatologia include tremori, brividi, perdita della sensibilità con rischio di lesioni e necrosi a diverse parti del corpo, scoordinamento muscolare, confusione mentale, rigidità muscolare, colore blu della cute, difficoltà a parlare, pelle fredda, battito del cuore irregolare, riduzione del polso e della respirazione, amnesia, depressione – di cui è importante riconoscere i sintomi – difficoltà a camminare e, nei casi più gravi, sonnolenza, incoscienza, arresto cardiaco e respiratorio e morte. Si possono, inoltre, distinguere diversi gradi di ipotermia: quella lieve – presenta una temperatura che non scende sotto i 34 gradi – quella moderata – con una temperatura del corpo compresa tra 34 gradi e 30 gradi – e quella severa, caratterizzata da una temperatura corporea inferiore ai 30 gradi. L’ipotermia è da considerarsi, dunque, un disturbo potenzialmente pericoloso da non sottovalutare.