Articolo aggiornato il 18 Novembre 2023

Cos’è l’iperemesi gravidica? Quali sono i sintomi, le cause, la terapia e i rimedi che la riguardano? L’iperemesi gravidica è un disturbo che può colpire diverse donne durante la gravidanza, come si intuisce facilmente dal suo nome: si tratta di una forma incontrollabile e acuta di nausea e vomito, che impedisce di svolgere le normali attività quotidiane. È altamente probabile che chi ne abbia sofferto in una gravidanza ne soffra anche nelle successive. Ma qual è la sintomatologia esatta che riguarda questa condizione? Qual è il trattamento adatto all’iperemesi gravidica? Come si cura? Quanto dura? Scopriamo di più in merito.

Cos’è

Durante la gravidanza, è possibile soffrire di nausea e vomito: quando queste due condizioni si presentano in forma acuta e intensa, impedendo di svolgere le proprie attività quotidiane, si parla di “iperemesi gravidica”.
Ma cos’è, nel dettaglio, l’iperemesi gravidica? Questa può presentarsi per via di un rapido aumento dei livelli di estrogeni o del beta hCG – ormone della gravidanza – nell’organismo: pare sia ciò, infatti, a provocare il disturbo, che si presenta con maggiore frequenza durante la gravidanza gemellare.
È probabile, inoltre, che una donna che ne abbia sofferto durante una prima gravidanza ne possa soffrire in una seconda e nelle successive.
Le nausee mattutine – che si manifestano durante i primi tre mesi di gestazione – sono abbastanza comuni in gravidanza, ma l’iperemesi gravidica o Hyperemesis Gravidarum è una condizione più rara e più intensa: si stima, infatti, che ad esserne colpita sia 1 donna su 5.

I sintomi

I sintomi dell’iperemesi gravidica sono caratteristici e possono includere:

La nausea e il vomito si verificano, soprattutto, nelle fasi iniziali della gravidanza: chi soffre di questo disturbo presenta nausea per tutto il giorno e vomita in continuazione. Tali condizioni sono stimolate da alcuni odori, per via di una maggiore sensibilità olfattiva: pensiamo, ad esempio, ad alcune bevande dall’intenso profumo come il caffè o il fumo.
La continua sensazione di vomito e nausea impedisce di trattenere sia cibo che bevande e ciò può provocare perdita di peso e disidratazione progressiva, oltre che disturbi legati all’alimentazione come carenze nutritive importanti.
In determinati casi, l’iperemesi gravidica può provocare un ipertiroidismo transitorio, oltre che danni a livello epatico – come la rottura dell’esofago – quando dura più di 16-18 settimane.
Quanto dura l’iperemesi gravidica? La nausea, normalmente, dura fino alla 12°-14° settimana di gestazione, ma l’iperemesi gravidica può durare anche per tutto il periodo della gravidanza.

Le cause

Le cause dell’iperemesi gravidica non sono del tutto chiare, ma la sua comparsa viene attribuita ad un veloce aumento dei livelli di estrogeni o del beta hCG, ormone della gravidanza.
Si ipotizza, inoltre, che l’insorgenza del disturbo possa essere dovuta a fattori genetici e psicologico-comportamentali: ad esempio, nel caso di una gravidanza indesiderata o una situazione familiare difficile.
Altri fattori di rischio possono essere rappresentati dalla depressione, dal diabete e da disturbi alla tiroide.

Donna incinta in vasca
Donna incinta in vasca-lucas mendes-pexels.com

La diagnosi

Alla comparsa di segni e sintomatologia, è consigliabile contattare, tempestivamente, il proprio medico e/o ginecologo, così che possa stabilire la diagnosi esatta e prescrivere la cura necessaria. Oltre allo studio dei sintomi e alla visita medica, potrebbero essere richiesti dei test di approfondimento, in modo tale da escludere o confermare la presenza di altre malattie: ad esempio, ecografie, la misurazione dei corpi chetonici nelle urine e analisi per valutare la funzione renale.

L’esame obiettivo nelle donne con sospetta iperemesi gravidica di solito non fornisce risultati significativi. Tuttavia, può essere più utile se la paziente presenta sintomi insoliti che suggeriscono altri disturbi (ad esempio, sanguinamento, dolore addominale). Il Pregnancy-Unique Quantification of Emesis and Nausea (PUQE), uno strumento di indagine validato, può essere clinicamente utile, poiché i punteggi sono correlati alle misurazioni della qualità della vita.

L’esame include i seguenti aspetti:

  • Segni vitali, inclusa la pressione sanguigna e il polso in posizione eretta e sdraiata.
  • Stato del volume, come la condizione delle mucose, il turgore cutaneo, le vene del collo e lo stato mentale.
  • Aspetto generale, come nutrizione e peso.
  • Valutazione della tiroide.
  • Valutazione addominale.
  • Valutazione cardiaca.
  • Valutazione neurologica.

Negli studi di laboratorio iniziali per valutare le donne con iperemesi gravidica, dovrebbero essere inclusi:

  • Analisi delle urine per chetoni e peso specifico.
  • Livelli sierici di elettroliti e chetoni.
  • Enzimi epatici e livelli di bilirubina.
  • Livelli di amilasi/lipasi.
  • Hormone stimolante la tiroide, livelli di tiroxina libera.
  • Coltura delle urine.
  • Livello di calcio.
  • Livello di ematocrito.
  • Pannello sull’epatite.

Per quanto riguarda gli studi di imaging, possono essere considerati:

  • Ecografia ostetrica, giustificata per valutare gravitazioni multiple o malattia trofoblastica.
  • Ecografia dell’addome superiore, se clinicamente indicata, per valutare pancreas e/o albero biliare.
  • Tomografia computerizzata addominale o risonanza magnetica, se sospettata appendicite come causa di nausea e vomito in gravidanza.

Ulteriori studi possono essere giustificati in presenza di presentazioni cliniche atipiche o se un altro disturbo è suggerito da anamnesi o risultati dell’esame obiettivo.

La terapia

Come si cura l’iperemesi gravidica? Qual è la terapia adatta? Il trattamento può prevedere l’assunzione di alcuni farmaci, in grado di alleviare i sintomi tipici del disturbo: gli antiemetici sono, ad esempio, indicati per prevenire o fermare il vomito.
Nei casi più gravi – nonché rari – potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale per sottoporsi ad ulteriori trattamenti, tra cui l’alimentazione tramite flebo.

Donna incinta con il compagno tengono le mani sulla pancia
Donna incinta con il compagno tengono le mani sulla pancia-Kei Scampa-pexels.com

La gestione iniziale delle donne in gravidanza con iperemesi gravidica comprende rassicurazione, consigli dietetici e supporto. Terapie alternative come digitopressione e ipnosi possono essere considerate. Per quanto riguarda la farmacoterapia, l’unico farmaco approvato dalla FDA per trattare la nausea e il vomito in gravidanza è la doxilamina/piridossina. Tuttavia, altri farmaci come antistaminici, antiemetici della classe delle fenotiazine e agenti promotori, come il metoclopramide, sono stati utilizzati per gestire la nausea e il vomito durante la gravidanza. Nei casi più difficili, possono essere presi in considerazione l’ondansetron e gli steroidi.

Elenchiamo di seguito alcuni farmaci che possono essere utilizzati per trattare l’iperemesi gravidica:

  • Vitamine (ad esempio, piridossina)
  • Farmaci a base di erbe (ad esempio, zenzero)
  • Antiemetici (ad esempio, doxilamina-piridossina, proclorperazina, prometazina, clorpromazina, trimetobenzamide, metoclopramide, ondansetron)
  • Corticosteroidi (ad esempio, metilprednisolone)
  • Antistaminici (ad esempio, meclizina, difenidramina)

In casi gravi refrattari di iperemesi gravidica, in cui la sopravvivenza materna è minacciata o quando l’iperemesi gravidica provoca un grave impatto fisico e psicologico, può essere presa in considerazione l’interruzione della gravidanza. Affrontare l’iperemesi gravidica (HG) comporta la sfida di valutare i potenziali rischi delle complicazioni e della sofferenza rispetto ai rischi delle terapie anti-vomito (antiemetici). La sospensione dei farmaci efficaci fino al fallimento delle misure conservative può ritardare il trattamento necessario e potenzialmente rendere il vomito più difficile da gestire.

Esistono numerosi farmaci con una lunga storia di utilizzo considerati sicuri; tuttavia, i farmaci più recenti spesso dimostrano maggiore efficacia senza un significativo aumento dei tassi di malformazione. Nonostante la crescente ricerca sui farmaci, ad esempio sull’ondansetron, la maggior parte degli studi suggerisce che i rischi sono molto bassi. Talvolta, gli abstract pubblicati possono rendere poco chiaro il rischio effettivo. Ad esempio, uno studio ampiamente citato indica un leggero aumento del rischio di difetti cardiaci, ma il tasso di questo aumento è inferiore al 2%. Gli operatori sanitari devono esaminare attentamente i dati dettagliati per determinare i rischi specifici per i loro pazienti.

I rimedi

I rimedi per l’iperemesi gravidica possono prevedere la sospensione temporanea dell’assunzione di alimenti per via orale: la dieta potrà tornare alla normalità, gradualmente secondo le linee guida del medico.
Il medico potrebbe, poi, prescrivere degli integratori di vitamine e sali minerali. Oltre all’alimentazione, è importante il riposo e potrebbe rivelarsi utile anche l’agopuntura.
In tutti i casi, è importante seguire sempre i suggerimenti del proprio medico, il quale deciderà il tipo di terapia più adatto, oltre alla sua durata e alle dosi.

La prognosi

Infine, la prognosi dipenderà da diversi fattori: ad esempio, dalla tempestività di intervento e dalla gravità della condizione, oltre che dall’età e dallo stato di salute della futura mamma. L’iperemesi gravidica mette la gravidanza a rischio? Nei casi più gravi questo disturbo può compromettere la corretta crescita del bimbo, per via della perdita dei nutrienti utili per la salute sia della gestante che del feto, ma una diagnosi tempestiva e una cura adeguata possono risolvere il problema alla radice, evitando gravi conseguenze.

A differenza della normale nausea durante la gravidanza, l’iperemesi gravidica (HG) potrebbe non mostrare miglioramenti entro le prime 16-20 settimane. Potrebbe persistere fino al momento del parto, sebbene alcuni sintomi possano attenuarsi intorno alla 20a settimana. È consigliabile consultare il medico di famiglia o l’ostetrica in caso di nausea e vomito severi durante la gravidanza. La maggioranza delle donne in gravidanza sperimenta qualche forma di nausea mattutina (70-80%). Recenti studi indicano che almeno 60.000 casi di nausea mattutina estrema, conosciuta come iperemesi gravidica (HG), sono stati segnalati tra coloro che hanno ricevuto cure ospedaliere. Tuttavia, si stima che i numeri siano più elevati poiché molte donne ricevono cure a casa o in regime ambulatoriale con il loro fornitore di assistenza sanitaria. Sebbene si ipotizzi che l’aumento dei livelli ormonali sia responsabile di questa nausea intensa, la causa esatta rimane sconosciuta. I sintomi dell’HG di solito si manifestano tra la 4a e la 6a settimana di gravidanza, raggiungendo il picco tra la 9a e la 13a settimana. Mentre la maggior parte delle donne trova sollievo tra la 14a e la 20a settimana, circa il 20% può richiedere cure per l’iperemesi per il resto della gravidanza. Attualmente, non esiste una prevenzione nota per l’iperemesi gravidica, ma è confortante sapere che esistono modi per gestirla.

Quando contattare il medico - Foto di MART PRODUCTION/ Pexels.com
Quando contattare il medico – Foto di MART PRODUCTION/ Pexels.com

Cosa fare per i casi più gravi?

Come già accennato, la strada della chirurgia non è purtroppo da escludere. Durante il primo trimestre di gravidanza, molte donne sperimentano attacchi di nausea e vomito, comunemente noti come nausee mattutine, sebbene possano verificarsi sia di giorno che di notte. Questi sintomi iniziano di solito intorno alla sesta settimana di gravidanza, raggiungono il picco intorno alla nona settimana e tendono a diminuire tra la sedicesima e la diciottesima settimana. Nonostante sgradevoli, le nausee mattutine sono considerate una parte normale di una gravidanza sana.

La nausea mattutina grave, tuttavia, si verifica quando la nausea e il vomito diventano così intensi che una donna incinta vomita ripetutamente durante il giorno, perdendo peso e rischiando la disidratazione. Questa condizione, chiamata “iperemesi gravidica,” può influire sulla salute della donna e sulla prosperità del suo bambino se non trattata adeguatamente. Pur seguendo una sequenza temporale simile alla normale nausea mattutina, l’iperemesi gravidica può prolungarsi per l’intera gravidanza, sebbene i sintomi possano attenuarsi col passare del tempo. È più comune nella prima gravidanza di una donna, ma le donne che l’hanno sperimentata hanno maggiori probabilità di riscontrarla nelle gravidanze successive.

La nausea e il vomito associati alle gravi nausee mattutine possono causare danni significativi alla salute della madre e del bambino. L’incapacità di trattenere il cibo rende difficile per la madre soddisfare i suoi bisogni nutrizionali, portando potenzialmente a una perdita di peso. La costante perdita di liquidi, insieme alla perdita di acido gastrico causata dal vomito, può condurre a disidratazione e squilibri elettrolitici. La mancanza di trattamento adeguato per le gravi nausee mattutine può comportare diversi problemi, inclusi il collasso degli organi e il rischio di parto prematuro. Anche se esistono trattamenti comuni raccomandati per le nausee mattutine, come l’assunzione di cracker secchi al mattino o una dieta blanda, potrebbero non essere sufficienti per alleviare i sintomi gravi.

Il trattamento medico può prevedere:

  1. Un breve periodo senza alimenti per permettere il riposo del sistema gastrointestinale.
  2. Somministrazione di liquidi tramite via endovenosa (IV).
  3. Integratori vitaminici e nutrizionali per affrontare eventuali carenze.
  4. L’uso di farmaci antiemetici per controllare il vomito, somministrati per via orale o tramite flebo.

Alcune donne potrebbero beneficiare di cibi con zenzero o integratori di vitamina B6 per alleviare la nausea. Consigli utili includono seguire una dieta blanda, consumare piccoli pasti frequenti, bere liquidi quando la nausea non è presente e evitare cibi piccanti e grassi. Snack ad alto contenuto proteico e l’evitare stimoli sensoriali scatenanti, come odori o rumori specifici, possono anche contribuire a migliorare i sintomi.

In casi di ansia o depressione legate alla condizione, la consulenza con un terapista può essere di aiuto nel gestire questi sentimenti. Con il trattamento adeguato, le donne affette da gravi nausee mattutine possono sperimentare un miglioramento significativo e ottenere il nutrimento necessario per il benessere loro e del bambino. Con il tempo, i sintomi tendono a migliorare, e la gravidanza diventa un’esperienza più piacevole, concludendosi con il meraviglioso viaggio della genitorialità.