Influenza 2018, picco questa settimana: a letto 5 milioni di italiani, già 6 morti

L'influenza 2018 ha già colpito l'Australia, sta mettendo in ginocchio la Gran Bretagna e nei prossimi giorni ci sarà il picco stagionale anche in Italia. Si prevedono 5 milioni di casi e si contano già diverse vittime tra morti e ricoverati in gravi condizioni. Vediamo come riconoscere l'influenza 2018 e come difendersi.

da , il

    Influenza 2018, picco questa settimana: a letto 5 milioni di italiani, già 6 morti

    Secondo gli esperti, ci sarà in questa settimana il picco dell’influenza 2018 e saranno almeno 5 milioni gli italiani che saranno colpiti e che dovranno restare a letto. Le notizie che arrivano dall’estero sono preoccupanti: il virus australiano, particolarmente aggressivo, ha già fatto diverse vittime in Australia e sta mettendo in ginocchio il sistema sanitario britannico a causa di un boom di ricoveri. In Italia, sono già 6 i morti per influenza, tutti in Puglia; tra le malattie infettive, il virus influenzale è quello che causa più morti dopo tubercolosi e Aids, quindi è importante non sottovalutare il problema e cercare di prevenire la malattia.

    I numeri dell’influenza 2018

    Nell’ultima settimana sono stati colpiti dall’influenza 672mila italiani e il picco è atteso per i prossimi giorni, indicativamente a metà gennaio. Le vittime di quest’anno sono già 6, tutti anziani e malati cronici pugliesi; inoltre, a Udine due uomini sono ricoverati in coma e si registra un aumento del 20% dei bambini portati al Pronto Soccorso con sintomi dell’influenza, mentre i medici di famiglia hanno notato un incremento del 30% dell’affluenza dei pazienti rispetto agli anni precedenti. Il motivo di questo boom di casi starebbe nel fatto che quest’anno sono in circolo diversi tipi di virus contemporaneamente.

    Sono disponibili anche i primi dati relativi alla campagna vaccinale, anche se non ci sono ancora i numeri definitivi: si parla di una leggera ripresa tra gli anziani over 65, anche se si rimane intorno al 50% di vaccinati, che è ancora troppo basso.

    Sintomi influenza 2018

    L’influenza 2018 è una delle più aggressive e preoccupanti degli ultimi anni e ha già fatto diversi morti in tutto il mondo. In vista del picco previsto per questa settimana, ecco quali sono i sintomi caratteristici: riconoscere immediatamente l’influenza è importante per curarsi come si deve ed evitare di diffondere il virus.

    La vera influenza si caratterizza per l’insorgere di tre sintomi contemporaneamente: febbre elevata, dolori muscolari e mal di gola (o comunque problematiche alle vie respiratorie). Se invece presentate uno solo di questi sintomi e altri disturbi più leggeri, avete probabilmente contratto una delle tante sindromi parainfluenzali: seppur non pericolose come l’influenza vera e propria, sono comunque debilitanti e fastidiose, oltre che altamente contagiose; per questo motivo, sarebbe bene prendersi qualche giorno di riposo e guarire del tutto prima di ricominciare con il lavoro e le attività quotidiane.

    Come prevenire l’influenza

    Il modo più efficace per prevenire l’influenza è sicuramente quello di vaccinarsi: attualmente esiste il vaccino per proteggersi dai virus A-H1N1, A-H3N2 e B, che può rappresentare un vero e proprio salvavita per le categorie più deboli come anziani, bambini e malati cronici.

    Oltre al vaccino antinfluenzale, ci sono una serie di misure che gli esperti consigliano di adottare per proteggersi dall’influenza: avere un’alimentazione ricca di frutta e verdura che apportano vitamine preziose per stimolare il sistema immunitario; lavarsi spesso le mani, coprirsi naso e bocca in caso di starnuti e tosse e restare a casa per qualche giorno dall’inizio della malattia, in modo da evitare di diffondere il virus e contagiare altre persone.