Infezione da muffa domestica e bimbi in ospedale: l’allarme di Tori Spelling. Potrebbe succedere a chiunque

Infezione da muffa
Le infezioni da muffa sono pericolose: cosa sapere – (tantasalute.it)

Articolo aggiornato il 3 Gennaio 2024

Tori Spelling solleva l’allarme sull’infezione da muffa domestica e i rischi per la salute dei bambini. Scopri i sintomi e le precauzioni.

L’infezione da muffa domestica è un problema serio che può colpire chiunque, compresi i bambini. Recentemente, l’attrice Tori Spelling ha sollevato l’allarme riguardo a questa minaccia per la salute, dopo aver affrontato personalmente il problema nella sua casa.

La muffa domestica può provocare sintomi e problemi di salute significativi, specialmente nei bambini. Inoltre, i più piccoli possono essere particolarmente sensibili agli effetti della muffa a causa dei loro sistemi immunitari ancora in via di sviluppo. Di seguito troverai alcuni suggerimenti da considerare.

Come evitare l’infezione da muffa

La muffa si sviluppa in ambienti umidi e poco ventilati, come cantine, bagni o aree con infiltrazioni d’acqua. È importante essere consapevoli dei segni di presenza di muffa, come macchie scure sulle pareti, odori sgradevoli o la comparsa di muffa visibile. Come fare, però, per tenere la situazione sotto controllo? Continua a leggere, ecco alcune accortezze a cui dovrai prestare particolare attenzione.

Infezione muffa come controllare
Come controllare se in casa si ha la muffa – (tantasalute.it)

Per prima cosa ispeziona attentamente le aree problematiche controllando le zone umide o con evidenti segni di muffa nella tua casa. Potrebbe essere necessario richiedere l’aiuto di un professionista per una valutazione accurata. Se è presente rimuovi la muffa in modo sicuro. Nel caso in cui si trovi in piccole aree, puoi provare a rimuoverla con acqua e sapone o con prodotti specifici. Tuttavia, se l’infestazione è diffusa o riguarda superfici porose come il cartongesso, è consigliabile chiamare un esperto per una rimozione efficace.

Inoltre migliora la ventilazione assicurandoti che le aree soggette all’umidità, come il bagno o la cucina, siano ben arieggiate. Utilizza estrattori d’aria o apri finestre per favorire il ricircolo dell’aria e ridurre l’umidità. Controlla e ripara sempre le perdite d’acqua, poiché le infiltrazioni possono favorire lo sviluppo della muffa. Infine mantieni la pulizia e l’igiene, infatti mantenendo una buona pulizia in tutta la casa si può contribuire a prevenire la formazione di muffa.

Le infezioni da muffa tendono a colpire principalmente le prime vie respiratorie e in casi più gravi possono coinvolgere anche le vie polmonari. Se sospetti la presenza di muffa nella tua casa, è fondamentale prendere misure immediate per risolvere il problema e proteggere la salute della tua famiglia.

I sintomi più comuni da monitorare in presenza di infezioni da muffa includono naso che cola, occhi arrossati, raffreddore, asma, dermatite, congestione nasale, prurito alla gola e, nei casi più gravi, broncopolmonite e respiro sibilante. Fortunatamente, le infezioni da muffa non sono comuni e colpiscono solo circa il 3% delle persone allergiche. Tuttavia, in presenza di sintomi persistenti, è consigliabile sottoporsi a test e controlli medici per una diagnosi tempestiva. Solo dopo la diagnosi è possibile accedere a eventuali terapie farmacologiche.