I motivi per cui mangiare la pasta al dente è più indicato rispetto alla pasta ben cotta: che impatto ha sulla salute

pasta dente vantaggi
Pasta al dente: i vantaggi per la tua salute

Articolo aggiornato il 3 Gennaio 2024

Quando si tratta di cucinare, c’è una regola che non puoi permetterti di infrangere. Tutta la pasta deve essere sempre cotta al dente.

Dal punto di vista della cottura, con l’espressione “al dente” si intende quel preciso punto in cui, anche se la pasta è cotta, presenta poca resistenza (sodezza) al morso. Il risultato è speciale: la pasta è soda, ma non dura. La cottura è un po’ più morbida dipende dal gusto personale, ma quello che molti non sanno è che la pasta al dente ha numerosi benefici nutrizionali.

È stato a lungo dibattuto se cuocerla al dente sia il modo migliore per gustarla. Alcuni dicono che è più saporita, mentre altri sostengono che sia più sana. Allora, qual è la risposta? Potrebbe sorprenderti.

La pasta al dente mantiene bassa la glicemia ed è più digeribile

Cucinare la pasta al dente in realtà è più salutare. Ecco perché: quando la pasta è cotta al dente, ha un indice glicemico più basso.

pasta dente benefici
Quali sono i benefici della pasta al dente

Ciò significa che non provoca picchi nei livelli di zucchero nel sangue come fa quando è troppo cotta. Il minor indice glicemico è dovuto al fatto che questa tipologia di cottura è più resistente alla digestione e perché contiene anche amido più resistente. Questo tipo di amido non viene completamente scomposto e assorbito dal corpo.

L’amido resistente ha dimostrato di avere numerosi benefici per la salute, tra cui una migliore sensibilità all’insulina, un migliore controllo della glicemia e una maggiore perdita di peso. Così, ecco qua. Cucinarla in questo modo, non è solo più delizioso, ma è anche meglio per te.

In poche parole, con la cottura al dente, l’indice glicemico è inferiore rispetto a quando si consuma la pasta scotta. Quando consumi alimenti a base di carboidrati come la pasta, i livelli di zucchero nel sangue possono aumentare. La cottura eccessiva della pasta produce una consistenza più morbida perché scompone le molecole proteiche.

L’altro motivo per cui dovresti cucinarla così è il gusto. In generale, la pasta al dente ha un sapore migliore della pasta troppo cotta. Ha più consistenza e completa la salsa in modo univoco, assicurandoti un’esperienza culinaria migliore

Ma non solo, perché quando la pasta non è troppo cotta o poco cotta ci vuole più tempo per essere digerita, il che ti fa sentire sazio più a lungo. Questo è necessario se stai cercando di gestire il tuo peso e vuoi controllarti a tavola. In questo modo, puoi tenere sotto controllo le tue porzioni e non mangerai così tanto da sentire quella sensazione di pienezza.