I funghi con proprietà curative: quali sono e come usarli

Funghi

Articolo aggiornato il 3 Gennaio 2024

Funghi

Quali sono i funghi con proprietà curative? Come usarli? La natura ci fornisce diversi rimedi naturali per la salute e di questi fanno parte i funghi. Anticamente, in Giappone, India e Cina si conosceva, perfettamente, il potere curativo di alcune specie di funghi, i quali venivano – per questa ragione – utilizzati per combattere diverse malattie: è in Asia, infatti – nella medicina tradizionale cinese – che ha origine la micoterapia e che si utilizzano, da millenni, i funghi per la prevenzione e la cura di molte patologie e malattie croniche gravi. Oggi, anche in Europa e negli Stati Uniti d’America si stanno, poco a poco, iniziando a conoscere i benefici per la salute e le proprietà medicinali dei funghi: in tal senso, non mancano, infatti, gli studi in merito a conferma dell’enorme potenziale di certi funghi nel trattamento di determinate patologie. Quali sono questi funghi dalle proprietà terapeutiche? Come usarli? Scopriamo di più in merito.

Trametes Versicolor

Trametes Versicolor

Il Trametes Versicolor è un fungo multicolore che cresce in diverse parti del mondo, spesso nel legno in decomposizione: questa specie di fungo pare abbia delle proprietà anticancro – in special modo, contro i tumori al colon, alla mammella, ai polmoni e all’esofago – dimostrate da alcuni studi effettuati in merito al cancro al seno. Questo fungo sembra, inoltre, che riesca a ridurre gli effetti della chemioterapia e della radioterapia nei pazienti di cancro.

Hericium Erinaceus

Hericium Erinaceus

L’Hericium Erinaceus – caratterizzato dalla tipica forma a cascata e dalla presenza di spore bianche – rappresenta, invece, un alleato contro le malattie gastrointestinali e la lotta all’insonnia, alla depressione – per uscirne è possibile seguire alcuni consigli – e all’ansia. Inoltre, pare che questo fungo contrasti anche le malattie degenerative legate all’invecchiamento.

Inonotus Obliquus

Inonotus Obliquus

L’Inonotus Obliquus è un fungo che cresce nelle zone più fredde, in particolar modo in Russia: pare sia considerato un antibiotico e antivirale naturale di notevole valore e che apporti dei benefici nei confronti dei disturbi metabolici, come il diabete. Questo fungo pare anche sia utile per la sua azione antiossidante e disintossicante e che abbia delle proprietà contro il cancro.

Ganoderma Lucidum

Reishi

Il Ganoderma Lucidum o Reishi è uno dei funghi orientali più utilizzati per via delle sue proprietà immunostimolanti e antitumorali confermate da diverse ricerche: è, infatti, utile per la prevenzione di metastasi tumorali, per ridurre il dolore provocato dal cancro, per combattere l’artrite e per il rallentamento della malattia, grazie agli antiossidanti presenti che purificano l’organismo e indeboliscono le cellule cancerogene.

Lentinula Edodes

Shiitake

Il Lentinula Edodes o Shiitake è un fungo particolarmente amato in Asia dal punto di vista culinario, ma anche per i suoi effetti terapeutici: è, infatti, benefico per il sistema immunitario e nel trattamento contro il cancro e viene utilizzato contro i virus influenzali.

Cordyceps Sinensis

Cordyceps Sinensis

Il Cordyceps Sinensis è un fungo che vanta proprietà tonico-rinvigorenti, in grado di stimolare il sistema immunitario e con effetti immunomodulatori e antitumorali, in special modo contro il cancro ai polmoni e quello alla pelle. Questo fungo, inoltre, è un ottimo antipertensivo ed è indicato per la salute epatica, cardiaca e renale.

Maitake

Maitake

Il Maitake è un altro dei tanti funghi antitumorali, in grado di migliorare la risposta immunitaria dell’organismo e con proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Il Maitake è, poi, indicato nei trattamenti per la pressione alta.

Champignon

Champignon

E, poi, c’è il famosissimo Champignon, che è in grado di abbassare i livelli del colesterolo cattivo e contrastare sia l’alito cattivo che l’insufficienza renale, oltre che di agire come chemio-preventivo su molti tumori.

Come usarli

Funghi raccolti

Alcuni di questi funghi possono essere reperiti freschi o secchi: ad esempio, in alcuni casi, è possibile trovare anche gli estratti e, generalmente, possono essere reperiti nei negozi di cibi naturali e in erboristeria; mentre, nel caso degli champignon, anche nei supermercati classici. Per consumarli, esistono molte ricette da provare: ad esempio, possono essere cucinati in padella, bolliti o cotti per una zuppa. Infine, è bene specificare che è sempre opportuno chiedere consiglio al proprio medico – in special modo, se si soffre di determinate patologie – per evitare che il consumo di funghi possa provocare effetti collaterali imprevisti.