La frittura è veramente deliziosa, ma fa male? Una lista dei pro e contro

Frittura - TantaSalute.it
Frittura – TantaSalute.it

Articolo aggiornato il 30 Novembre 2023

La frittura è uno dei piatti più gustosi che la maggior parte delle persone ama in assoluto consumare. Si tratta di un vero e proprio cibo che provoca l’acquolina, ma è molto importante sapere che il suo consumo deve avvenire con attenzione e moderazione, poiché abusarne può avere effetti abbastanza negativi sulla salute. Oggi, in realtà molte credenze a riguardo sono state smentite e dunque la frittura sembra avere anche degli effetti benefici sulla salute per la gioia di tutti i golosi. In questo articolo, andremo a vedere insieme quali sono i pro e i contro della frittura.

La frittura è veramente deliziosa, ma fa male? Una lista dei pro e contro
  1. I contro della frittura
  2. I pro della frittura

I contro della frittura

Come abbiamo accennato, la frittura ha sia dei pro che dei contro. Iniziamo proprio da questi ultimi e in questo caso non possiamo non parlare dei rischi collegati all’incremento del diabete di tipo 2 o degli effetti negativi sulla digestione. Il cibo fritto è infatti spesso ricco di grassi saturi e può essere difficile da digerire. Inoltre,  può essere anche causa di perdita di nutrienti, viste le alte temperature con cui vengono cotti i cibi fritti.

I pro della frittura

Contro dell'assunzione di frittura - TantaSalute.it
Contro dell’assunzione di frittura – TantaSalute.it

Passiamo adesso ai pro e quindi ai benefici che si ottengono dall’assunzione dei cibi fritti, che sembrano essere di più rispetto ai contro.

  • La frittura non comporta aumento peso: Questo succede solo se la frittura viene cotta correttamente in quanto la crosta che la forma dovrebbe essere in grado di contrastare la penetrazione dell’olio e di contenere la produzione di insulina.
  • Diminuzione del colesterolo: Se la pastella per fritti viene eseguita con sola acqua e farina, la frittura che andremo a consumare non comporta un aumento del colesterolo, al contrario può diminuirlo stimolando la produzione della bile.
  • La frittura sazia: I cibi fritti saziano, di conseguenza sarà minore la voglia di continuare a mangiare durante il corso della giornata.
  • Preserva i nutrienti degli alimenti: Anche se questa può sembrare una contraddizione, in realtà la frittura se eseguita con olio di prima scelta e in maniera corretta, è in grado di preservare alcuni nutrienti degli alimenti. I nutrienti riescono ad “incastrarsi” all’interno della crosta.

Concludendo, i cibi fritti devono essere consumati in maniera corretta e con moderazione, non sono infatti, la scelta più salutare per la tua dieta quotidiana. Consigliamo di consumare la frittura occasionalmente come parte di uno stile di vita equilibrato, evitando l’eccesso e facendo attenzione alla scelta degli oli e dei vari ingredienti utilizzati nella preparazione. Inoltre, per ridurre l’assunzione di grassi saturi basta scegliere un tipo di cottura diversa, come ad esempio quella al forno.