Frattura del perone composta o scomposta: i tempi di recupero e guarigione

La frattura del perone, composta o scomposta, presuppone tempi di recupero che durano circa due mesi

frattura del perone composta scomposta tempi di recupero guarigione

Articolo aggiornato il 22 Giugno 2024

La frattura del perone può essere composta o scomposta. Nel primo caso le ossa mantengono un allineamento, mentre nel secondo caso le estremità fratturate sono separate o angolate. Fra i sintomi, il più evidente è rappresentato dal dolore. La caviglia si presenta gonfia e tumefatta. A volte si può verificare un sanguinamento interno, che forma una ecchimosi. Si guarisce completamente, dopo un eventuale intervento chirurgico e un’adeguata riabilitazione, nell’arco di due mesi. Questi sono, infatti, i tempi di recupero in vista di una guarigione della frattura.

I tempi di recupero

Il trattamento della frattura del perone, anche nel caso in cui coinvolga il malleolo e la tibia, dipende dalla tipologia della rottura e dal danno subito. Se la frattura è composta, bisogna optare per un’azione di conservazione attraverso l’uso di un gambaletto gessato, fino a che si guarisca.
Quando viene applicato il gesso, l’arto deve essere tenuto sollevato per le prime 24 ore. In questo modo si può contrastare il gonfiore. Se invece la frattura è scomposta, si deve fare ricorso all’intervento chirurgico, in modo che vengano riallineate le parti dell’osso.
Con l’operazione si interviene applicando delle placche o delle viti in acciaio o in titanio e si rimuovono gli eventuali frammenti ossei. Anche dopo l’intervento la caviglia viene immobilizzata con il gesso, ma in questo modo il tempo di immobilità si riduce.
Occorrono circa due mesi per recuperare, mentre la fase conservativa dura in media tre settimane e poi il soggetto può cominciare a camminare servendosi delle stampelle.
E’ da tenere in considerazione, comunque, che, anche nel momento in cui si ricomincia a camminare, può passare ancora un po’ di tempo per il processo di rimodellamento dell’osso, quindi è possibile provare ancora una sensazione dolorosa fino ad un anno.

La guarigione

La guarigione della frattura del perone non può avvenire in maniera adeguata, se non si procede ad una specifica riabilitazione. Quest’ultima serve ad eliminare la rigidità e a far riacquistare la forza muscolare. Si eseguono delle sedute di fisioterapia, che si basano sull’esecuzione di esercizi di mobilizzazione della caviglia e di rinforzo muscolare.
Vengono svolti anche degli esercizi propriocettivi, che hanno lo scopo di far recuperare l’equilibrio neuromotorio. Si può fare ricorso a dei farmaci, come il paracetamolo contro il dolore e l’eparina, che riduce la tendenza del sangue a coagulare, evitando i rischi di embolia.
La guarigione avviene in maniera più rapida nei bambini, perché essi sono in grado di sviluppare una minore rigidità, pur avendo il gesso. Più difficoltoso è invece il recupero negli anziani, perché, se rimangono immobili a lungo, possono poi incontrare problemi di mobilità.

Come ampiamente accennato e discusso, una frattura del perone si verifica quando l’osso del perone si rompe a causa di un impatto significativo che provoca danni. Questo tipo di lesione può anche verificarsi quando l’osso è sottoposto a una pressione o uno stress superiore a quanto può sopportare. Il perone è un osso situato nella parte inferiore della gamba, che si estende dal ginocchio alla caviglia ed è visibile dall’esterno. Svolge un ruolo importante nel supportare i muscoli della caviglia e della parte inferiore della gamba. Le fratture possono essere diverse e possono variare in base a una serie di fattori.

Esistono varie tipologie di fratture del perone, e il tipo specifico che si verifica dipende dalla natura della lesione ossea, dalla sua localizzazione e dalla sua gravità. Di seguito sono elencate alcune delle fratture del perone più comuni:

  1. Fratture del malleolo laterale: Si tratta di fratture del perone che si verificano a livello della caviglia.
  2. Fratture della testa del perone: Queste fratture coinvolgono la parte dell’osso del perone situata vicino al ginocchio.
  3. Fratture da avulsione: Questi tipi di fratture si verificano quando una porzione dell’osso viene staccata dal tendine o dal legamento a cui è collegata.
  4. Fratture da stress: Le fratture da stress sono il risultato di stress ripetuti sulle ossa e sono più comunemente osservate in attività sportive come la corsa su lunghe distanze, il basket, il tennis, la ginnastica, la danza e l’atletica leggera.
  5. Fratture dell’albero del perone: Queste fratture interessano la parte centrale dell’osso del perone.

Il tipo di frattura che si verifica dipenderà da diversi fattori, tra cui il meccanismo di lesione e le circostanze specifiche in cui avviene la frattura.

Le fratture del perone comunemente derivano da diverse cause:

1. Infortuni a bassa energia: Questi includono cadute comuni, incidenti che avvengono a livello del suolo o lesioni sportive che spesso coinvolgono gli atleti.

2. Lesioni ad alta energia: Queste fratture sono spesso il risultato di incidenti gravi come collisioni automobilistiche o ferite da arma da fuoco.

3. Talvolta, le fratture del perone possono anche essere il risultato di maltrattamenti su minori o di un eccessivo stress sull’osso.

Un ragazzo che sta soffrendo a causa di una lesione al perone – Foto di Andrea Piacquadio.pexels.com

Quando dovresti consultare un medico? Ecco perché è importante!

Le fratture del perone richiedono un immediato trattamento medico e dovresti consultare un medico se sospetti di averne una. In caso di un grave trauma come un incidente automobilistico o una ferita da arma da fuoco, chiama il numero di emergenza locale. Inoltre, è necessario cercare assistenza medica immediata se si verificano i seguenti sintomi: mancanza di respirazione, mancanza di risposta o incapacità di muoversi, presenza di sanguinamento abbondante, dolore al minimo contatto o tocco, evidenza di deformità visibile, protrusione ossea attraverso la pelle, sensazione di intorpidimento o colorazione bluastra delle dita dei piedi.

L’ infortunio verrà valutato fisicamente dal medico, il quale eseguirà dei test per determinare il tipo e la gravità della lesione. Durante l’esame fisico, il medico effettuerà una valutazione completa, che comprende la ricerca di segni di deformità, la palpazione delle ossa e delle articolazioni, nonché il controllo della debolezza muscolare, dei riflessi e dell’ampiezza del movimento. Potrebbe essere necessaria anche la richiesta di radiografie per ottenere una migliore visione della lesione e per verificare la presenza di fratture o lussazioni.

Paziente donna in fase di recupero dopo la frattura del perone - Foto di Yan Krukau/ pexels.com
Paziente donna in fase di recupero dopo la frattura del perone – Foto di Yan Krukau/ pexels.com

Una lussazione si verifica quando un osso viene spostato dalla sua posizione originale. In alcuni casi, il medico potrebbe anche richiedere una TAC, una scintigrafia ossea o una risonanza magnetica. Questi esami consentono di identificare eventuali fratture non visibili alle radiografie e di ottenere immagini più dettagliate delle strutture interne dell’osso e dei tessuti molli. Inoltre, potrebbero essere necessari ulteriori test come l’angiogramma o radiografie speciali dei vasi sanguigni per rilevare eventuali danni ai tessuti circostanti l’osso.

Molte persone, soprattutto quelle che svolgono attività fisica, vogliono sapere sin da subito per quanto tempo si resta fermi per un infortunio del genere. Rispondere a questa domanda non è semplice, ma ora cercheremo di dare una risposta abbastanza dettagliata e precisa.

Solitamente, il tempo di recupero da una frattura va dalle quattro alle sei settimane, ma può variare. In alcuni casi, potrebbe essere necessario che un medico consigli una procedura chirurgica. Il medico prescriverà dei farmaci per aiutare a gestire il dolore che si sta provando. Potrebbe anche essere richiesta una visita di follow-up e delle radiografie per monitorare il processo di guarigione dell’osso. Quando si è in grado di iniziare a muovere la gamba o la caviglia, il medico potrebbe suggerire una terapia fisica o esercizi, noti anche come riabilitazione. È importante seguire attentamente questi esercizi, poiché possono contribuire a una guarigione più rapida, ridurre la rigidità e migliorare la libertà di movimento. Si consiglia di chiedere al medico quando sarà possibile riprendere l’attività normale o gli esercizi con i pesi. Inoltre, è importante consultare il medico prima di riprendere qualsiasi attività sportiva.

Come curare al meglio il perone? Ecco alcuni consigli salvavita

Per assicurarti un completo recupero dopo aver ferito il perone, è importante iniziare il trattamento il prima possibile. Applica del ghiaccio sulla zona lesionata e mantieni la gamba sollevata subito dopo l’incidente. In alcuni casi, potrebbero essere consigliati stampelle, scarponcini o un tutore per immobilizzare la parte inferiore della gamba. Se hai subito un intervento chirurgico o se puoi recuperare a casa, è consigliabile fare fisioterapia, stretching ed esercizi regolari per rafforzare l’area.

È fondamentale cercare assistenza medica il prima possibile dopo un infortunio per garantire un recupero completo e non rischiare ulteriori danni all’osso. Gli esercizi in acqua, come il nuoto, sono efficaci per riabilitare un perone indebolito dopo una frattura. Ricorda che il tuo corpo ha bisogno di tempo per guarire, che potrebbe richiedere fino a sei settimane. Non seguire il consiglio medico aumenta il rischio di nuovi infortuni e prolunga la guarigione. Nel frattempo, segui le precauzioni di sicurezza come indossare la cintura di sicurezza durante l’attività sportiva e mantenere un programma di esercizi regolari per ridurre il rischio di cadute o fratture del perone.

Immobilizzare la zona lesionata è una delle cose più importanti da fare

L’immobilizzazione è un elemento essenziale nel processo di guarigione che permette di mantenere i frammenti della frattura vicini, favorendo così la guarigione come spiegato in precedenza. Inoltre, fornisce compressione ai frammenti fratturati per offrire supporto e mantenerli stabili, riducendo anche lo stress sui punti chirurgici. Esistono diversi tipi di immobilizzazione utilizzati nel trattamento delle fratture del perone, tra cui lo scarpone da passeggio CAM. Questo scarpone è disponibile sia in versione non gonfiabile che con gonfiaggio regolabile, offrendo libertà di movimento. Inoltre, viene utilizzato anche lo stivale con fondo roccioso.

Lo scarpone da passeggio CAM avvolge il piede, la caviglia e la parte inferiore della gamba fino sotto il ginocchio. Lo scarpone non gonfiato fornisce un supporto di base ai frammenti fratturati, mentre lo scarpone gonfiato viene utilizzato per aumentare la stabilità e adattarsi al gonfiore della gamba, grazie alla camera d’aria presente al suo interno. Lo stivale con fondo roccioso consente invece un movimento oscillatorio naturale del piede durante la camminata. Con il progressivo miglioramento della guarigione della gamba fratturata, lo stivale CAM viene sostituito da un tutore in plastica a staffa ad aria o da un tutore allacciato alla caviglia.

Guarire un perone rotto attraverso la camminata e la terapia fisica

Non è consigliabile camminare su un perone fratturato senza l’adeguata assistenza medica e una valutazione. La frattura al perone può causare dolore, gonfiore e instabilità all’articolazione della caviglia e della gamba, e camminarci sopra può peggiorare la lesione e ritardare la guarigione. Tuttavia, rimanere seduti sul divano e aspettare che guarisca da solo non è l’approccio migliore. Durante la guarigione del perone, è importante rimanere attivi utilizzando uno scarpone da passeggio e recarsi a terapia fisica.

Nonostante il perone sia considerato un osso portante, sopporta solo il 17% del peso corporeo totale quando si è in posizione verticale. Utilizzare uno scarpone da passeggio può ridurre i tempi di recupero, poiché immobilizza la gamba e protegge l’osso senza limitare il movimento del tessuto muscolare circostante.

Atleta sofferente dopo un brutto colpo al perone - Foto di Johann Van der Linde/ pexels.com
Atleta sofferente dopo un brutto colpo al perone – Foto di Johann Van der Linde/ pexels.com

Camminare aiuta a prevenire l’atrofia muscolare, rendendo la terapia fisica più efficace. Questa teoria si applica a tutti i tipi di fratture, non solo a quelle non scomposte. Una volta pronti per iniziare la terapia fisica, verrà fornita una valutazione e un piano di trattamento personalizzati. Gli esercizi di rafforzamento non solo aiuteranno la guarigione della parte inferiore della gamba, ma aiuteranno anche a tornare alle attività quotidiane. La combinazione di camminare con uno scarpone da passeggio e la terapia fisica accelererà il ripristino della tua andatura rispetto al semplice riposo. Una volta che sarai in grado di camminare comodamente, correre, andare in bicicletta e svolgere tutte le attività che facevi prima della frattura, potrai tornare a goderne presto.

Quindi, se hai una frattura al perone, non preoccuparti. Parla con il tuo medico riguardo all’uso di scarponi da passeggio. Man mano che il tuo recupero progredisce, lavoreremo insieme al tuo medico per sviluppare un programma che incrementi la tua forza, la tua gamma di movimento e la tua flessibilità. Il nostro obiettivo è aiutarti a riprendere le attività quotidiane. Sappiamo che hai cose più importanti da fare che girare con un gesso alle persone!

Cosa fare e cosa no se mi fratturo il perone? Tutti i consigli più importanti da seguire

Come anticipato, il trattamento consigliato per questa frattura è l’utilizzo di uno scarpone da passeggio. Questo stivale speciale dovrà essere indossato per circa sei settimane (in base alla gravità della situazione). In caso di necessità, potranno essere fornite delle stampelle per fornire un supporto, ma è importante che il peso venga caricato attraverso lo scarpone al fine di rafforzare i legamenti.

È normale che si verifichino gonfiore e lividi nella zona della frattura. Per ridurre il gonfiore e il dolore, si consiglia di assumere antidolorifici da banco e di applicare ghiaccio sull’area interessata. L’applicazione del ghiaccio, avvolto in un canovaccio, per 20 minuti tre o quattro volte al giorno sarà di aiuto.

Ecco cosa dovresti fare:
– Assumere antidolorifici da banco secondo necessità per tenere sotto controllo il dolore.
– Utilizzare il ghiaccio e sollevare la gamba per ridurre il gonfiore.
– Indossare lo scarpone per tutto il tempo consigliato. Lo scarpone può essere rimosso durante la notte, il riposo e per l’igiene.
– Caricare peso sullo scarpone solo nella misura in cui il dolore lo permetta.
– Iniziare a muovere delicatamente la caviglia per prevenire la rigidità, sempre tenendo conto del dolore.

Ecco cosa non dovresti fare:
– Riprendere gli sport ad alta intensità o di contatto per almeno sei settimane, a meno che il medico non lo raccomandi.
– Non mancare all’appuntamento con lo specialista, se te ne è stato fissato uno.

Seguire questi consigli agevolerà non poco il processo di recupero e risanamento del perone. Ad ogni modo, richiedere un parere medico sarà di fondamentale importanza, perciò, a tal proposito, non bisognerà mai esitare a chiedere un consulto specialistico.