Farmaci: ogni regione ha un ticket diverso, che caos!

E così grazie a questo studio constatiamo che nel Lazio il ticket è il più pesante in assoluto, 4 euro per farmaci che costano più di 5 euro e 2,50 euro per quelli che hanno un prezzo inferiore ai 5 euro, mentre due euro per ogni confezione sono richiesti ai cittadini residenti in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Veneto e Puglia, bisogna pagare un ticket di 2 euro per ogni confezione,

da , il

    Farmaci: ogni regione ha un ticket diverso, che caos!

    E’ proprio divenuta una jungla la normativa che regola il prezzo del ticket sanitario sui farmaci regione per regione, ciò da quando ognuna di queste amministrazioni è stata lasciata libera di applicare la quota a carico del cittadino a seconda delle proprie esigenze e dei propri bilanci. Il risultato è che predisponendo delle linee generali per classi di farmaci, anzicchè intervenire sulla singola confezione, si può verificare il caso che certi farmaci, come la Cardioaspirin, ovvero l’Aspirina a basso dosaggio indicata per prevenire eventuali patologie cardiovascolari, costa di più a pagare il ticket presentandosi in farmacia con la ricetta medica, anzicchè pagare il farmaco per cassa ovvero corrispondendo l’intero valore della confezione stessa.

    Il problema è che certi paradossi accadono in certe zone del Paese ed in altre no e la conseguenza è che in Italia si assiste, a seguito dell’autonomia resa ad ogni regione, ad un vero e proprio caos, come rileva il dossier “ le gabbie sanitarie” voluto dall’Osservatorio Salute&Diritti del Movimento Difesa del Cittadino.

    E così grazie a questo studio constatiamo che nel Lazio il ticket è il più pesante in assoluto, 4 euro per farmaci che costano più di 5 euro e 2,50 euro per quelli che hanno un prezzo inferiore ai 5 euro, mentre due euro per ogni confezione sono richiesti ai cittadini residenti in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Veneto e Puglia, bisogna pagare un ticket di 2 euro per ogni confezione, indipendentemente dal prezzo del farmaco. In modo diversi si fa in Abruzzo dove la richiesta è sempre di due euro a confezione ma, se il prezzo del farmaco è inferiore a 5 euro, il ticket scende a 0,50 euro; la Calabria fa pagare ai non esenti 1 euro a ricetta più 2 euro a confezione, la Campania 1,50 euro a confezione e il Molise 1 euro a confezione, 0,50 euro per i generici, gratis i farmaci inferiori a 5 euro. In Valle d’Aosta, Provincia di Trento, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Basilicata e Sardegna non esiste alcun pagamento per i farmaci a carico dell’assistito.

    Insomma, regione che vai ticket che trovi!