Ematoma cerebrale: sintomi, conseguenze, terapia e operazione

L’ematoma cerebrale ha fra i sintomi il dolore alla testa e il vomito

ematoma cerebrale sintomi conseguenze terapia operazione

Articolo aggiornato il 31 Maggio 2013

ematoma cerebrale sintomi conseguenze terapia operazioneL’ematoma cerebrale consiste in una fuoriuscita di sangue che interessa, all’interno del cranio, il parenchima cerebrale. A seconda della loro localizzazione, gli ematomi sono detti intracerebrali, intradurali o extradurali. In ogni caso i sintomi in cui si incorre sono molto simili. Il paziente lamenta un dolore alla testa ed è soggetto al vomito. Compaiono poi, come conseguenze, disturbi della memoria e sonnolenza. A volte si può arrivare al coma. Il tutto può essere provocato da un trauma cranico, anche dopo una caduta, da un ictus, da malattie emorragiche, da tumori o dall’uso di farmaci anticoagulanti. Tutte queste possono essere le cause della rottura di un vaso arterioso. Vediamo i dettagli, considerando anche la terapia e l’operazione.

I sintomi

I sintomi dell’ematoma cerebrale dipendono dalla sede del danno e dalla gravità del problema. In ogni caso, in generale, la raccolta di sangue all’interno del cranio tende ad accrescersi man mano che passa il tempo e determina una compressione del cervello. Proprio per questo il soggetto lamenta dei dolori continui alla testa e poi insorge il vomito.
A poco a poco si manifestano disturbi della memoria, difficoltà di concentrazione e sonnolenza. Nel momento in cui la compressione cerebrale raggiunge il suo massimo grado, il soggetto può entrare in coma. Caratteristici sono anche i sintomi neurologici, come gli attacchi convulsivi.

Le conseguenze

Le conseguenze di un ematoma cerebrale possono consistere anche nella morte del soggetto. Se questi sopravvive, restano dei segni evidenti. A volte, ad esempio, si verifica una paralisi che interessa un lato del corpo e che, generalmente, coinvolge il lato opposto a quello in cui si è verificata la rottura del vaso.
Il paziente può avere difficoltà nel parlare e inoltre può presentare, anche nel caso di coma, una deviazione della testa e degli occhi. Altre conseguenze sono costituite da disturbi respiratori gravi, da anomalie alle pupille e da problemi che riguardano la frequenza cardiaca.

La terapia e l’operazione

Più che parlare di vera e propria terapia dell’ematoma cerebrale, si dovrebbe puntare sull’operazione. Il tutto dovrebbe essere affrontato con una certa tempestività. Il paziente deve essere sottoposto ad una tac del cervello, per comprendere dove è situato e quanto è grave l’ematoma. Si tiene conto anche dell’età del paziente, dei deficit neurologici e delle eventuali altre patologie.
Se vi è un inondamento delle cavità ventricolari, si deve controllare che non si formi un accumulo eccessivo di liquidi all’interno del cervello (idrocefalo). In questo caso è possibile inserire una piccola sonda, per far defluire i liquidi stessi.
L’intervento chirurgico consiste nella craniotomia, cioè l’apertura del cranio, per svuotare il sangue che si è accumulato e per ridurre l’ematoma. La prognosi dipende dalla lesione subita. Si deve comunque puntualizzare che la percentuale di decessi per emorragia cerebrale va dal 60 al 90% dei casi.