Ebola, presto sarà creata una riserva globale di vaccini

Ad annunciare la creazione della riserva di vaccini anti ebola Unicef, Oms, Ifrc e Medici senza Frontiere, con l'obiettivo di assicurare una risposta contro le epidemie

iniezione vaccino contro l'ebola
Foto Getty Images | John Moore

Quattro organizzazioni umanitarie e sanitarie internazionali, Unicef, Oms, Ifrc e Medici senza Frontiere, hanno annunciato la creazione di un riserva globale di vaccini contro l’ebola. Tutto questo, attraverso il sostegno finanziari di Gavi, ha come obiettivo quello di “assicurare un risposta alle epidemie”.

Come si legge in un comunicato sul sito di Unicef, la creazione della scorta è stata guidata dall’International Coordinating Group on Vaccine Provision. Questa scorta permetterà non solo di poter contenere future epidemie di ebola e garantire “tempestivamente i vaccini per le popolazioni a rischio” durante le epidemie.

Gli esperti hanno inoltre spiegato che le epidemie di ebola, essendo rare, sono anche piuttosto imprevedibili. Quindi “non esiste un mercato naturale per il vaccino. Ma i vaccini sono garantiti solo attraverso la costituzione di scorte e sono disponibili in quantità limitate”.

Come funzionerà l’assegnazione del vaccino

Le scorte di vaccino contro l’ebola sono stoccate in Svizzera e saranno poi pronte per essere spedite nei Paese per eventuali emergenze. Dopo la richiesta da parte dei Paesi, la decisione sull’assegnazione dei vaccini anti ebola sarà presa entro 48 ore. Secondo il programma, il tempo di consegna del vaccino sarà di 7 giorni. Ad oggi, secondo quanto riportato, sono disponibili 6.800 dosi iniziali e saranno inserite ulteriori quantità utili per il 2021 e oltre.

Siamo orgogliosi di far parte di questo sforzo senza precedenti per contribuire a mettere rapidamente sotto controllo i potenziali focolai di ebola” ha detto il direttore generale di Unicef, Henrietta Fore.

Sappiamo che quando si tratta di epidemie, la preparazione è fondamentale. Questa riserva di vaccino contro l’ebola è un risultato notevole. Ci permetterà di consegnare i vaccini a chi ne ha bisogno il più rapidamente possibile” ha concluso Fore.

Il vaccino anti ebola è stato autorizzato dall’Ema nel 2019

Unicef ha spiegato che il vaccino monodose per l’ebola è quello prodotto da Mercks, Sharp & Dohme (MSD) Corp., sviluppato con il sostengo economico del governo USA. Autorizzato dall’Ema nel 2019, il siero adesso è autorizzato dalla Food and Drug Administration e “prequalificato” dall’Oms.

La pandemia da Covid-19 ci ricorda l’incredibile potere dei vaccini di salvare vite umane da virus mortali” ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms.

I vaccini contro l’ebola hanno reso prevenibile una delle malattie più temute sulla terra. Questa nuova riserva è un eccellente esempio di solidarietà, scienza e cooperazione tra le organizzazioni internazionali e il settore privato per salvare vite umane”.

Il vaccino anti ebola, prima di ottenere la licenza, è stato somministrato a più di 350mila persone in Guinea e tra il 2018-2020 nella Repubblica Democratica del Congo. Questo, in base al protocollo per “uso compassionevole”.