È un momento indimenticabile quando il cordone ombelicale viene tagliato. Un istante indolore e madre e figlio sono “fisicamente” separati 

Fino ad allora, il cordone ombelicale fungeva da ancora di salvezza per tuo figlio, collegandolo alla placenta e fornendo ossigeno e sangue ricco di sostanze nutritive, rimuovendo allo stesso tempo i prodotti di scarto. Una volta che il tuo bambino viene alla luce, il cordone sarà tagliato: in questo modo sarà servito allo scopo.

Ma sapevi che anche allora il cordone ombelicale del tuo bambino potrebbe ancora salvare delle vite? Si tratta di un argomento molto dibattuto, ma sicuramente attuale sul quale è importante scoprire di più. I dettagli.

Un po’ di numeri: cosa sapere sul cordone ombelicale

Il sangue del cordone ombelicale contiene un tipo speciale di cellule del sangue, chiamate cellule staminali emopoietiche. Queste cellule sono utilizzate per trattare e curare disturbi del sangue, deficienze immunitarie, malattie metaboliche e persino alcuni tipi di cancro.

Le cellule ematopoietiche sono considerate cellule immature e possono svilupparsi in tutti i tipi di cellule del sangue, compresi i globuli bianchi o rossi e le piastrine. La loro flessibilità le rende particolarmente adatte per i trapianti e utili se nessun donatore adulto è adatto al paziente o se il paziente ha bisogno di un trapianto in tempi rapidi.

cordone ombelicale neonato
Perché non dovresti “buttare via” il cordone ombelicale – tantasalute.it

Le malattie trattate dal sangue del cordone ombelicale non sono molto comuni, quindi le possibilità che un dato bambino le sviluppi sono basse, ma in tutto il mondo colpiscono milioni di persone. Ecco perché le banche del sangue in Italia, che sono 18, chiedono maggiore attenzione all’argomento.

Infatti, sono stati resi noti i numeri del 21022: poco meno di 7.000 donazioni, pari al 2,8% dei parti ospedalieri italiani utilizzati per la raccolta. Prima della pandemia, quel livello era del 3,8% nel 2019, ma c’è da dire che il calo delle donazioni è dovuto anche al calo delle nascite: sotto i 400.000 per il secondo anno di seguito.

Il sangue rimasto nel cordone ombelicale e nella placenta, dopo la nascita di un bambino, contiene cellule speciali che potrebbero trattare e persino curare alcune gravi malattie. Il sangue può essere raccolto e conservato, ed è quello che molte banche del sangue del cordone ombelicale incoraggiano i genitori a fare, nel caso in cui il loro bambino (o qualcun altro in famiglia) sviluppi una di queste malattie in futuro.

Queste cellule possono trasformarsi in qualsiasi tipo di cellula del sangue e possono essere utilizzate per trapianti che possono curare diverse malattie. La ricerca sta rivelando sempre più modi in cui può salvare vite umane. È prezioso, quasi magico, e vale assolutamente la pena conservarlo. Farlo è completamente sicuro per il bambino e non influisce sul parto.

Se una famiglia ha un problema genetico noto che la mette a rischio di sviluppare una malattia che potrebbe essere curata con il sangue del cordone ombelicale, allora ha senso tenerlo per uso familiare. Ma se non è così, ha più senso donarlo, perché è molto più probabile che sia necessario a un’altra famiglia.