Dolore a metà schiena? Ecco cosa può causarlo e come rimediare

Dolore a metà schiena - TantaSalute.it
Dolore a metà schiena – TantaSalute.it

Articolo aggiornato il 13 Giugno 2024

Il dolore alla schiena è spesso associato all’età avanzata, ma moltissime persone sanno che purtroppo ciò non è una regola fissa. Il dolore alla schiena, infatti, può occorrere a tutte le età per le ragioni più svariate, sebbene sia ovviamente più frequente con il passare degli anni.

Potrebbe suonarti davvero sorprendente ma il mal di schiena, soprattutto nella zona centrale di quest’ultima, è una delle cause più comuni di consultazione di un fisioterapista. La causa più frequente che si nasconde dietro questa problematica i è l’irritazione cronica dei muscoli e dei tessuti molli. Talvolta questo dolore può rendere le tue giornate davvero invivibili, ed in quel caso è consigliabile consultare un medico specialista per una diagnosi accurata. Di seguito spieghiamo quali sono le principali cause di questo dolore specifico!

Per colonna dorsale si intende proprio la zona centrale della schiena: questa è composta da 12 vertebre che si articolano con 12 paia di costole (7 vere, 3 false e 2 fluttuanti). La forma delle vertebre e dei dischi, e le articolazioni con le costole, condizionano i movimenti della zona media della schiena, o colonna dorsale, o colonna vertebrale toracica, essendo la zona di minor mobilità della schiena. In quest’area vengono eseguiti movimenti di flessione, estensione, inclinazione laterale e rotazione, e tante altre combinazioni. Una zona fondamentale, dunque, ed anche molto sensibile: non stupisce che spesso si possa avvertire dolore.

Ci sono fattori che influenzano la mobilità della zona media della schiena, come l’età: maggiore è l’età, minore è la mobilità della zona media della schiena. Questa mobilità, si precisa, è maggiore nelle donne rispetto agli uomini. La posizione in cui eseguiamo il movimento in piedi, seduti o sdraiati, influisce sulla conseguente sintomatologia della schiena. Il mal di schiena comprende un gruppo di problemi come: lombalgia, lombalgia cronica, sciatica ed ernia del disco, patologie che hanno in comune il fatto che il dolore diventa localizzato nella colonna vertebrale.

Le principali cause

Le principali cause del mal di schiena - TantaSalute.it
Le principali cause del mal di schiena – TantaSalute.it

Tra il 7 e il 30% degli uomini e tra il 9 e il 38% delle donne soffre di mal di schiena nella zona centrale della spina dorsale. Il mal di schiena nella zona centrale può avere origine da diverse cause che possono essere classificate come:

  • Traumatico: Cadute, trauma diretto alla zona dorsale;
  • Meccanica: La causa meccanica va ascritta a dolori muscolari, presenza di punti trigger, problema statico acquisito, scoliosi instaurata nell’adolescenza, problemi respiratori, cifosi adolescenziale e così via;
  • Degenerative: Problemi legati all’invecchiamento o alla sedentarietà, artrosi, fratture vertebrali (osteoporosi);
  • Fisiologico: Essere in sovrappeso, stile di vita sedentario, visceri localizzati all’interno della cavità toracica, stress continuo e ansia sono solitamente cause abbastanza comuni per il mal di schiena;

Sforzo muscolare acuto: Questo tipo di dolore è spesso causato da incidenti stradali, lesioni sportive o sollevamento di pesi e si manifesta in modo acuto. Di solito, è possibile identificare il momento preciso dell’infortunio.

Frattura: Persino una frattura nella zona toracica può scatenare dolori diffusi sulla schiena. Le fratture vertebrali di solito si verificano a seguito di traumi significativi, come cadute da altezze considerevoli o incidenti automobilistici ad alta velocità. Va sottolineato che soprattutto le persone anziane con ossa fragili sono più suscettibili alle fratture vertebrali anche senza un trauma significativo, in particolare in caso di osteoporosi acuta.

Lesione del midollo spinale: Il midollo spinale, composto da nervi che si estendono dal cervello al resto del corpo, è una delle parti più importanti del nostro corpo. In caso di lesioni nella zona toracica o della schiena, i dolori possono diventare davvero molto forti. Lesioni gravi possono anche portare a perdita di controllo della minzione e defecazione. Queste lesioni del midollo spinale di solito si verificano in contesti traumatici, spesso in combinazione con fratture vertebrali.

Cause meccaniche

È comune provare occasionali dolori alla schiena, spesso risolvibili con riposo, ma a volte questi possono segnalarci problemi sottostanti, specialmente nella parte superiore-centrale della schiena o tra le scapole. Questo può essere correlato a condizioni polmonari, poiché i polmoni occupano lo spazio nella cavità toracica. Problemi respiratori come infezioni o condizioni più gravi come pleurite o cancro ai polmoni possono causare dolore alla schiena. Lesioni polmonari, infezioni come bronchite o polmonite, e condizioni più serie come embolia polmonare o cancro ai polmoni possono essere associati a sintomi come tosse persistente, mancanza di respiro e dolore al petto o alla schiena. Anche l’iperinflazione polmonare e la pleurite possono contribuire al mal di schiena, richiedendo valutazione medica. Inoltre, l’attacco di cuore è una condizione grave che può causare dolore al petto e alla schiena, richiedendo cure immediate.

Per quanto riguarda la postura della schiena, e il suo impatto con il dolore alla zona centrale della schiena, si è parlato di scoliosi e cifosi, ma ci sono dei punti da chiarire. Capiamo bene di cosa si tratta.

In molti casi (80%), la scoliosi non ha una causa chiara e non può essere evitata. Nel restante 20%, può essere collegata a problemi di nascita o malattie che cambiano la forma della schiena. Controllare attentamente le ragazze, soprattutto prima del loro primo ciclo, è molto importante. Durante questo periodo di crescita veloce della schiena, una curvatura leggera (<20°) potrebbe peggiorare improvvisamente se non trattata. È fondamentale sapere che la scoliosi non è solo una postura sbagliata, ma una deformità della schiena, a volte con rotazione. È diversa dall’atteggiamento scoliotico, che è un problema di postura che può essere corretto. Le cause dell’atteggiamento scoliotico includono la postura in classe, problemi muscolari e differenze nella lunghezza delle gambe. Queste abitudini possono indurre a dolori alla zona centrale della schiena.

La cifosi è una curvatura della spina dorsale che può provocare dolori e difficoltà respiratorie. Trattamenti comuni includono l’uso di busti e la terapia fisica, con l’intervento chirurgico considerato in situazioni gravi. I segni evidenti, come una schiena incurvata e il dolore associato, spesso emergono durante la crescita adolescenziale.

I tipi di cifosi comprendono la congenita, presente dalla nascita, la posturale, legata a posture scorrette e correggibile in piedi, e la cifosi di Scheuermann, caratterizzata da vertebre a forma di cuneo e incapacità di raddrizzare la schiena in piedi. Le cause variano, dall’origine sconosciuta nella cifosi congenita al legame con cattive abitudini posturali nella cifosi posturale, fino a una predisposizione familiare nella cifosi di Scheuermann. La diagnosi coinvolge esami della spina dorsale e radiografie. Il trattamento può spaziare da busti e fisioterapia a interventi chirurgici nei casi più gravi, mentre l’osservazione periodica è un’opzione per situazioni meno gravi, considerando che la cifosi tende a stabilizzarsi con la fine della crescita adolescenziale.

Cause Fisiologiche

Come menzionato, l’eccesso di grasso addominale può provocare significative alterazioni alla postura, contribuendo al mal di schiena attraverso la modifica delle curve naturali della colonna vertebrale. Questo fenomeno è stato associato a condizioni come la lordosi, caratterizzata da una curva eccessiva verso l’interno della parte bassa della schiena. A differenza di impianti mammari che non influenzano negativamente la postura, un addome prominente può portare a cambiamenti significativi nella meccanica corporea.

Sappiamo tutti che l’obesità è una condizione dai molteplici effetti collaterali. Come è stato ampiamente dimostrato dalla comunità scientifica, oltre agli effetti sulla postura, l’obesità può danneggiare addirittura anche gli ammortizzatori spinali, causando una forte pressione sui dischi che possono tramutarsi in ernie e problemi neurologici di svariato tipo. Il grasso addominale infatti rilascia sostanze chimiche che contribuiscono all’infiammazione ossea, potenzialmente indebolendo la struttura scheletrica nel tempo. La posizione specifica dei depositi di grasso è cruciale, con il grasso addominale che sembra svolgere un ruolo significativo nel rilascio di sostanze chimiche rispetto al grasso depositato in altre zone del corpo. Un grasso addominale importante può dunque causare problemi diffusi su tutta la schiena.

back pain-Kindel Media-Pexels.com

Cause Reumatologiche Collegate al Dolore

La maggior parte dei dolori frequenti alla schiena è classificabile come acuto, soprattutto quando si protrae dagli uno ai sette giorni. Se il dolore perdura oltre questo lasso temporale, una diagnosi medica può considerarlo cronico e spesso associato all’artrite. Il dolore alla schiena correlato all’artrite colpisce spesso la parte bassa della schiena, e diverse forme di artrite rientrano nella categoria delle spondiloartropatie, un insieme di condizioni che interessano in special modo la colonna vertebrale. Contrariamente a quanto si possa immaginare, sia gli adulti che i bambini possono essere suscettibili alle spondiloartropatie, manifestando sintomi come dolore, gonfiore e rigidità nella schiena.

LArtrite Spondiloassiale (axSpA) è una malattia infiammatoria cronica che colpisce principalmente le articolazioni dell’anca e l’articolazione che collega l’osso alla base della colonna vertebrale al bacino (articolazione sacroiliaca). L’axSpA si divide in axSpA radiografica, visibile alle radiografie, e axSpA non radiografica, rilevabile mediante immagini a risonanza magnetica (RM). Ma analizziamo altre patologie reumatologiche collegate ai dolori schienali:

  • L’Osteoartrite (OA), la forma più comune di artrite, è caratterizzata dalla progressiva rottura della cartilagine articolare. Nell’OA spinale, vengono interessate le articolazioni delle faccette, portando a rigidità, dolore e alla formazione di speroni ossei che possono premere sui nervi.
  • L’Artrite psoriasica è un’altra variante che colpisce articolazioni e pelle, e circa il 20% dei casi coinvolge la colonna vertebrale, causando la possibile fusione delle vertebre e la conseguente rigidità.
  • L’Artrite reattiva segue spesso infezioni del sistema genitale, urinario o gastrointestinale, causando potenzialmente infiammazione delle articolazioni, degli occhi e dell’intestino, con coinvolgimento dell’articolazione sacroiliaca.
  • L’Artrite enteropatica, che si verifica in circa il 5% delle persone con malattie infiammatorie intestinali, in particolare colite ulcerosa e morbo di Crohn, colpisce comunemente l’articolazione sacroiliaca, provocando dolore nella parte bassa della schiena.
  • La Stenosi spinale, correlata a un eccesso di crescita ossea e ispessimento dei legamenti, è associata all’osteoartrite o all’artrite spondilite. Si verifica un restringimento del canale spinale, premendo sui nervi e causando vari problemi nella parte inferiore del corpo, tra cui dolore alla schiena e intorpidimento alle gambe.

Altre condizioni legate all’artrite che possono causare dolore alla schiena includono la Polimialgia Reumatica (PMR), la fibromialgia e la Malattia Ossea di Paget. Una diagnosi precisa è cruciale per una gestione efficace.

I dolori alla schiena possono essere anche direttamente collegati alla cervicale. Dopo una visita specialistica per la diagnosi che individuerà la causa esatta di questi dolori, il medico potrebbe consigliarti di andare da un osteopata. Ci sono più tecniche e più aree su cui lavorare tra gli osteopati per alleviare il dolore al collo. Se le vertebre nelle stesse vene sono interessate da un blocco o da una disfunzione, l’osteopata ha nel suo kit di strumenti ulteriori tecniche per aiutare a migliorare la mobilità. Il dolore alla colonna cervicale può anche essere causato da un’eccessiva tensione muscolare che provoca uno sforzo nelle vertebre dei muscoli attaccati, diminuendone così la mobilità. Esistono altre tecniche osteopatiche che rilassano i muscoli, riducendo così il dolore.

I rimedi più diffusi

Il dolore cronico della schiena può diminuire la qualità della vita. A seconda dell’origine dei tuoi problemi, potresti notare un dolore che durerà a lungo, e che potrebbe causare danni permanenti ai tuoi nervi. Le procedure intraprese per l’individuazione e mappatura del dolore prevedono l’applicazione farmaci ai nervi sensibili per ridurre il dolore temporale e determinare immediatamente la posizione esatta del problema. Ti consigliamo inoltre di predisporre di un programma di diagnostica per immagini, come un TAC o un NMR. Una volta identificata la posizione esatta del dolore, puoi sviluppare strategie efficaci e sicure per trattare la tua problematica.

Con l’intento chiaro di alleviare la sintomatologia, si possono ricorrere ad alcuni rimedi casalinghi come un impacco di ghiaccio e antidolorifici da banco come paracetamolo, aspirina, ibuprofene o naprossene. Nel caso di mal di schiena cronico, si consiglia di dormire su un materasso medio-fermo e, se necessario, posizionare un cuscino tra le ginocchia o sdraiarsi sulla schiena con un cuscino sotto le ginocchia. Mantenere una buona postura durante il giorno è cruciale, ascoltando il proprio corpo e apportando modifiche quando necessario. Si consiglia di sedersi in modo chiaro, effettuare pause durante attività che coinvolgono posture statiche, e praticare regolarmente esercizi di stretching.

Inoltre, l’esercizio e la terapia fisica sono fondamentali per il recupero. Evitare il riposo a letto e iniziare un’attività normale, come camminare, entro pochi giorni dall’insorgenza del dolore acuto. Rafforzare sia i muscoli addominali che quelli della schiena stabilizza la colonna vertebrale, con esercizi di Pilates che possono contribuire a questo scopo. L’attività in acqua è particolarmente sicura per il mal di schiena, mentre lo yoga migliora flessibilità, forza ed equilibrio.

Nel trattamento farmacologico, antidolorifici da banco come paracetamolo, aspirina, ibuprofene possono essere utili. In casi di dolore persistente, il medico potrebbe prescrivere farmaci più forti o rilassanti muscolari, ma con attenzione ai potenziali effetti collaterali.

Altri approcci terapeutici includono la chiropratica, l’osteopatia, l’agopuntura e la stimolazione del nervo. La terapia cognitivo-comportamentale e il counseling possono contribuire a cambiare la prospettiva sul dolore e migliorare la gestione.

agopuntura-RDNE Stock project-Pexels.com

Per i casi estremi, l’intervento chirurgico, come la fusione spinale, può essere considerato, ma è spesso l’ultima risorsa. Esistono anche opzioni come la simpatecctomia, ovvero l’impiego sistemi di somministrazione di farmaci spinali impiantabili e i sistemi di stimolatore del midollo spinale per il trattamento di dolore cronico resistente.