Disturbi da condizionatore: i sintomi, le cause e i metodi per intervenire subito

disturbi da condizionatore
L’uso eccessivo del condizionatore può compromettere la nostra salute – tantasalute.it

Articolo aggiornato il 3 Gennaio 2024

Con l’arrivo delle stagioni più calde, l’aria condizionata offre un’oasi di freschezza contro il caldo opprimente. Tuttavia, un uso eccessivo può compromettere la nostra salute.

Con l’arrivo delle temperature più elevate, la necessità di rinfrescare gli ambienti in cui viviamo e lavoriamo diventa sempre più impellente. L’aria condizionata sembra essere la soluzione più ovvia per combattere l’afa estiva, ma è importante fare attenzione ai possibili effetti negativi sulla salute. Secondo diverse fonti scientifiche, un utilizzo improprio o eccessivo dell’aria condizionata può portare a diversi disturbi.

Tra questi, si annoverano problemi all’apparato respiratorio come tracheiti e bronchiti, ma anche mal di testa, secchezza oculare e disturbi muscolari come il torcicollo. Inoltre, l’aria condizionata può ridurre la nostra capacità di sopportare il caldo e predisporci a sbalzi repentini di temperatura, causando ulteriori malattie e disagi. Pertanto, pur essendo un valido alleato, è fondamentale utilizzare il nostro condizionatore in modo responsabile e consapevole.

Come proteggersi dagli effetti indesiderati dell’aria condizionata

L’utilizzo dell’aria condizionata può essere benefico durante i mesi più caldi, ma è importante fare attenzione a non abusarne, soprattutto quando si tratta di bambini e anziani. I più piccoli, specialmente se si trovano già in uno stato di sudorazione o calore eccessivo, potrebbero manifestare sintomi come mal di gola, raffreddore o tosse a causa dell’esposizione a una corrente d’aria fredda. L’aria condizionata, infatti, tende a seccare l’aria, riducendo l’umidità necessaria per mantenere le vie respiratorie funzionanti correttamente e ben idratate.

sintomi malessere da condizionatore
Ecco quali sono i sintomi dei disturbi causati dall’eccessiva esposizione al condizionatore – tantasalute.it

La permanenza prolungata in un ambiente climatizzato può, inoltre, causare mal di testa, definita dalla Società Internazionale delle Cefalee come “cefalea da freddo“. Questo tipo di mal di testa si differenzia dall’emicrania comune poiché il dolore si presenta in modo più leggero e diffuso in tutta la testa, invece di concentrarsi in un’unica area. Inoltre, ha una durata solitamente più breve e può scomparire nel giro di mezz’ora, soprattutto se si esce dalla zona esposta all’aria fredda. Un’esposizione prolungata può provocare anche dolori articolari e cervicalgia. Quest’ultima, conosciuta anche come “dolore cervicale“, è una condizione che causa rigidità nel collo e nelle spalle.

I cambiamenti improvvisi di temperatura possono provocare problemi anche alle vie aeree. Quando la temperatura scende drasticamente senza una fase di adattamento, l’organismo può irritarsi e favorire le infezioni nell’apparato respiratorio. Pertanto, è importante utilizzare il condizionatore in modo corretto ed equilibrato, per evitare rischi per la salute. Un suggerimento è quello di indirizzare le bocchette dell’aria condizionata verso l’alto, oppure utilizzare un diffusore per distribuire l’aria in modo più uniforme.

Anche una corretta manutenzione dell’impianto di aria condizionata è un altro aspetto fondamentale da considerare, al fine di ridurre i rischi associati al suo uso. Ti ricordiamo di fare regolari pause all’aperto e ventilare gli ambienti il più possibile per mantenere un ambiente interno salubre e confortevole. In questo modo, il condizionatore può diventare un valido strumento per affrontare il caldo estivo, senza compromettere la nostra salute.