Dimagrire in menopausa: dieta e consigli pratici

Dimagrire in menopausa può essere facile con la dieta giusta e i consigli pratici adeguati: frutta e verdura, integratori naturali ed esercizio fisico.

dimagrire in menopausa dieta consigli pratici

Dimagrire in menopausa non è un obiettivo irraggiungibile, basta adottare la dieta giusta e seguire alcuni consigli pratici che possono aiutarvi. Con il passare degli anni, diventa sempre più difficile mantenere il peso forma. Ed è nel periodo che segue la menopausa che molte donne iniziano ad ingrassare. I cambiamenti ormonali che si verificano in questo periodo influiscono notevolmente sul peso, soprattutto sul girovita. Inoltre, l’avanzare dell’età comporta anche una diminuzione della massa muscolare, e bisogna fare qualcosa per ricostituire la massa magra che è andata persa. Tuttavia, seguire un’alimentazione sana e scegliere uno stile di vita attivo possono evitare di prendere troppi chili in menopausa. Vediamo alcuni consigli utili.

Perché in menopausa non si dimagrisce?

Accade a molte donne: sulla soglia della menopausa, pur mantenendo stile di vita e abitudini alimentari inalterate, ci si vede sempre più gonfie e ingrassate. Perché con l’arrivo della menopausa diventa così difficile dimagrire? Si tratta di una questione del tutto fisiologica: le improvvise alterazioni ormonali, in particolare il repentino calo nella produzione di estrogeni, comporta un rallentamento del metabolismo basale.

Questo significa che il corpo consuma meno calorie a riposo, ed è dunque più facile prendere peso in eccesso. Vi sono poi altri fattori che entrano in gioco nel periodo che segue la menopausa. Spesso si verifica un aumento dei livelli di cortisolo, che può provocare fame nervosa e un maggior rischio di accumulare grasso addominale. Inoltre la massa muscolare inizia a diventare ipotrofica, rendendo il corpo meno tonico e più tendente ad ingrassare.

Per poter dimagrire in menopausa è importante avere qualche accorgimento in più. Seguire diete troppo restrittive non è utile e, anzi, può rivelarsi pericoloso. Mai come in questa fase della vita è fondamentale avere un regime alimentare sano ed equilibrato, e fare un po’ di attività fisica è l’ideale per raggiungere più in fretta l’obiettivo.

Come riattivare il metabolismo dopo i 50 anni?

Se alla base della tendenza ad ingrassare in menopausa c’è un rallentamento del metabolismo, viene spontaneo chiedersi quali sono i metodi per riattivarlo e ricominciare così a perdere peso. Oltre alla dieta, di cui parleremo più avanti, è importante fare un po’ di movimento. La pratica di un regolare esercizio fisico aiuta non solo a dimagrire, ma anche a migliorare la salute cardiovascolare e ad aumentare il tono muscolare.

Non occorre per forza un programma intensivo: è ad esempio sufficiente passeggiare, per accelerare il metabolismo e per tenere in buon allenamento i muscoli. Tra le pratiche più consigliate c’è quindi la camminata (da praticare per almeno un’ora al giorno), il pilates e lo yoga.

Ci sono poi alcuni rimedi naturali che aiutano a perdere peso. Il primo consiste nell’adottare uno stile di vita sano: andare a dormire presto, riposare per almeno 8 ore ogni notte e fare almeno 30 minuti di attività fisica subito dopo essersi alzati la mattina sono piccoli accorgimenti che possono contribuire a riattivare il metabolismo.

Prima di colazione, provate a bere un bicchiere di acqua e limone, che permette di disintossicare l’organismo. Inoltre, potete ricorrere ad alcuni integratori naturali. Quelli a base di trifoglio rosso, passiflora, salvia e cimifuga aiutano a ridurre i sintomi caratteristici della menopausa come le vampate, la sudorazione e la secchezza vaginale, aumentando nel contempo l’energia.

Quale dieta adottare per dimagrire in menopausa?

Vi state chiedendo come perdere i chili accumulati in menopausa? La dieta è ovviamente il primo passo da fare per combattere la tendenza ad ingrassare. Dal momento che il metabolismo basale rallenta con l’avanzare dell’età, dovrete ridurre l’apporto calorico giornaliero. Occorre tuttavia fare attenzione a non esagerare: un regime alimentare troppo restrittivo, oltre ad aumentare lo stress, può privare il vostro organismo di elementi nutritivi fondamentali.

Partendo dal presupposto che non esiste una dieta standard che si adegui alle specifiche esigenze di ogni donna, possiamo stabilire alcuni principi di base validi per tutte. Ad esempio, è importante fare 5 pasti al giorno per spezzare la fame ed evitare di esagerare durante il pranzo e la cena. Inoltre è bene prediligere metodi di cottura leggeri e non esagerare con i condimenti.

Cosa mangiare in menopausa?

Tra gli alimenti che non devono mai mancare in menopausa ci sono la frutta e la verdura. Sono cibi ricchi di vitamine e sali minerali, fondamentali in questo periodo della vita. Come il calcio, che riduce il rischio di osteoporosi, e la vitamina D, che contribuisce a migliorarne l’assorbimento da parte dell’organismo.

Via libera anche a legumi (senza esagerare, per evitare il gonfiore addominale) e i cereali, ottimi sostituti della pasta per quanto riguarda la quota di carboidrati. È meglio invece ridurre i grassi animali, i dolci e alcune bevande come il caffè, le bibite zuccherate e gli alcolici. Ricordate di idratarvi bevendo almeno due litri d’acqua al giorno: potete aiutarvi aggiungendo tè o tisane depurative.

Come abbiamo detto, non esiste un’unica dieta adatta a tutte le donne, per questo motivo è bene consultare uno specialista per individuare il regime alimentare giusto per ogni esigenza. Abbiamo comunque stilato uno schema esemplificativo di menù per la menopausa, da cui prendere spunto.

Colazione: 50 ml di latte, 60 grammi di pane, 8 grammi di burro o 2 cucchiaini di marmellata, un frutto a scelta.
Spuntino: una banana.
Pranzo: 50 grammi di pasta o di riso, un piatto di verdure cotte o crude, 100 grammi di carne magra, 2 cucchiaini d’olio per condire e un frutto.
Merenda: 40 grammi di formaggio.
Cena: un piatto di minestrone o 200 grammi di verdure (anche 100 grammi di patate o lenticchie), 80 grammi di pesce condito con un cucchiaino d’olio, uno yogurt o un frutto a scelta.