Dieta: sì al giorno libero, ecco perché mangiare tutto una volta a settimana

dieta giorno libero motivo
Sì al giorno libero quando si è a dieta: il motivo – (tantasalute.it)

Sai perché ogni dieta dovrebbe contenere un giorno libero? Il motivo è incredibile e a spiegare sono stati i migliori nutrizionisti.

Ormai il concetto di dieta come regime restrittivo per perdere peso è antiquato. Con questo termine oggi si intende un percorso alimentare volto non solo al raggiungimento di obiettivi come il dimagrimento ma anche e soprattutto strutturato per imparare a mangiare bene.

Quello dell’alimentazione è un tasto dolente per parecchi italiani. Uno studio condotto da SWG sulla nota piattaforma Deliveroo ha portato alla luce il rapporto tra italiani e dieta. Stando all’esito delle ricerche, sembrerebbe che solo 1 persona su 2 ritiene di dover migliorare la propria alimentazione. I più attenti sono i giovani, sempre più propensi ad adottare uno stile di vita sano fatto di attività fisica e corretta alimentazione.

Il rapporto con il cibo, però, non è sempre facile e spesso nelle diete si fa confusione tra ciò che può essere mangiato e ciò che invece sarebbe da evitare. In particolare, ogni dieta che si rispetti contiene almeno un giorno cosiddetto “di sgarro”: sapete il perché e a che cosa serve?

Giorno libero a dieta: i motivi per cui non andrebbe mai saltato

Il giorno libero in una dieta è importantissimo e non andrebbe mai saltato. Dopo una settimana di attenzione a ciò che si introduce nell’organismo, il giorno “di sgarro” è un po’ come una boccata d’aria fresca. In questa giornata (generalmente collocata dai professionisti dell’alimentazione nel weekend) è possibile dare libero sfogo alle proprie voglie, dolci e non solo. Sebbene molto considerino lo sgarro come un errore, non è altro che un vero e proprio must di ogni dieta. Insomma, non c’è regime alimentare corretto ed equilibrato senza il giorno libero!

perché giorno libero dieta importante
Perché il giorno libero nella dieta è molto importante (tantasalute.it)

I motivi sono due: uno fisico e uno psicologico. Quando si è a dieta (e, quindi, in deficit calorico) il corpo registra il minor numero di calorie introdotte come una situazione di emergenza. Quando questo avviene, l’organismo si “difende” rallentando il metabolismo, per fare scorta di energie. Il giorno libero serve per introdurre più calorie del solito, dando così al corpo un messaggio ben chiaro: non c’è nessuna situazione di pericolo. Il metabolismo può quindi riprendere a pieno ritmo!

Il secondo motivo per cui non si dovrebbe mai saltare il giorno libero in una dieta è di natura psicologica. Un regime alimentare di deficit calorico può essere visto come una restrizione e, a lungo andare, il soggetto può stancarsi e fare fatica a rimanere costante. Ecco perché una giornata in cui dare libero sfogo alle proprie voglie aiuta non solo a soddisfare un bisogno di golosità momentanea, ma anche a godersi lo sgarro senza sensi di colpa e a rimettersi in carreggiata con più motivazione.