Dieta Paleontologica: come funziona e cosa mangiare

Scopri come la dieta paleontologica, basata sull'alimentazione dei nostri antenati, può aiutarti a perdere chili in eccesso e migliorare la tua salute generale. Impara quali cibi mangiare e quali evitare per ottenere i migliori risultati.

dieta paleontologica
Foto Shutterstock | Roman Chazov

Articolo aggiornato il 4 Febbraio 2024

La dieta paleontologica, o dieta Paleo, si basa sull’alimentazione dei nostri antenati, degli uomini delle caverne, per intenderci. Essi si nutrivano di alimenti naturali e biologici, seguendo inconsapevolmente un’alimentazione sana, escludendo gli alimenti trasformati e chimicamente conservati. Scendiamo nei dettagli e vediamo in cosa consiste questa dieta e quanti chili potremmo perdere.

Cosa si mangia nella dieta Paleo?

cos'è la dieta paleontolgica?

I cibi permessi nella dieta Paleo sono i seguenti:

  • carne;
  • pesce;
  • frutti di mare;
  • uova;
  • frutta;
  • verdura;
  • funghi;
  • noci;
  • miele.

Si evita tutto ciò che proviene dall’agricoltura e dall’allevamento: zucchero, prodotti cerealicoli e quindi riso, mais, pane, pasta, farina o muesli, latte e quindi yogurt o burro, patate e legumi.

Le verdure che puoi mangiare nella dieta Paleo devono essere fresche e stagionali, ecco un esempio:

  • melanzane;
  • carciofi;
  • cavolfiori;
  • broccoli;
  • cetrioli;
  • carote;
  • zucca;
  • funghi,
  • peperoni;
  • porri;
  • ravanelli;
  • spinaci;
  • insalata;
  • cipolla.

La frutta che si può mangiare, invece, è la seguente:

  • ananas;
  • mele;
  • avocado;
  • banane;
  • pere;
  • melograno;
  • kiwi;
  • mandarini;
  • melone;
  • arance
  • prugne.

Gli alimenti proteici permessi sono i seguenti:

  • uova;
  • pesce;
  • pollo;
  • coniglio;
  • crostacei;
  • manzo;
  • maiale;
  • tonno.

Fondamentalmente, dovresti assicurarti che la carne provenga da un’azienda agricola biologica. Se possibile, acquista il pesce selvatico e non da allevamenti industriali. Perché con la Paleodieta si presta grande attenzione alla naturalità dei prodotti.

I cibi vietati con la dieta Paleo

I cibi vietati sono i seguenti:

  • zucchero;
  • grano;
  • legumi;
  • piatti pronti;
  • bibite e caffè;
  • cereali;
  • patate e riso;
  • latte e latticini;
  • olio e grassi vegetali;
  • additivi;
  • prodotti industriali.

Quanti chili si perdono con la dieta paleontologica?

Con questo tipo di dieta si possono perdere sino a 4 chili in una settimana. Questo accade perché una dieta ricca di proteine ​​ti sazia a lungo.

Eliminare zucchero e gli alimenti prodotti industrialmente non solo supporta enormemente la perdita di peso, ma anche la salute.
Fatto correttamente, non c’è nessuna grave carenza di nutrienti: con questa forma di nutrizione/dieta, gli alimenti consentiti sono abbastanza equilibrati.

Poiché i carboidrati (in particolare lo zucchero bianco) sono in gran parte responsabili dell’innesco dell’appetito, non mangiarli può essere considerato molto utile per una perdita di peso di successo.

La dieta paleontologica è giusta per la palestra?

La dieta Paleo viene consigliata da molti personal trainer, soprattutto di Crossfit e Body building. Eliminando cerali e zucchero, gli atleti la trovano perfetta per lo sport.

Questo aiuta a mantenere livelli di insulina molto bassi e questa  potrebbe essere una soluzione per il periodo di definizione dove si ricerca di perdere il grasso corporeo.

La Paleo è ottima anche per i Body Builder in quanto gli animali vengono allevati in maniera naturale e quindi carne e uova hanno maggiori macronutrienti.

La farina d’avena e la quinoa non sono approvati dai puristi integralisti della Paleo Diet, ma per i body builder che vogliono mettere su muscoli, diventano indispensabili.