Dieta bambini: "cibo spazzatura", nemico dell'intelligenza

Ingurgitare troppo cibo spazzatura significa minare la propria intelligenza: i bambini che seguono un’alimentazione sana mostrano di quozienti intellettivi superiori

Il cibo spazzatura mette a rischio l'intelligenza dei bambini

Il cibo spazzatura mette a rischio l'intelligenza dei bambini Non solo mette in pericolo la loro forma fisica, aumentando sensibilimente il rischio sovrappeso e obesità: il cibo spazzatura, quando entra a far parte della dieta dei più piccoli, dei bambini, potrebbe anche avere effetti negativi sulla loro intelligenza, frenando pericolosamente la crescita del loro quoziente intellettivo.

Continua a leggere
Continua a leggere

Troppi hamburger, patatine fritte, piatti ricchi di condimenti unti e super unti? Questo regime alimentare assolutamente scorretto potrebbe mettere vostro figlio sulla cattiva strada: i chili di troppo sono il pericolo più evidente, ma non l’unico, anche il suo cervello e la sua intelligenza potrebbero risentire pesantemente di queste abbuffate di “junk food”.
 
Una dieta salutare, ricca di alimenti alleati della salute, è sempre la scelta giusta, sia preservare la linea, sia per tutelare la salute, ma, stando alle ultime evidenze scientifiche e ai risultati di un recente studio condotto dagli esperti dell’Università di Bristol, anche per nutrire al meglio il cervello e le potenzialità intellettive. Infatti, secondo quanto riportato rivista Journal of Epidemiology and Community Health, i bambini che seguono un regime alimentare sano, ricco di frutta e verdura e povero di alimenti spazzatura, risultano i più intelligenti.
 
Alimentazione sana batte cibo spazzatura senza diritto di replica: per giungere a questa evidenza, i ricercatori britannici hanno esaminato le abitudini, il livello di salute e benessere di circa 14 mila bambini nati nel 1991 e nel 1992 in Occidente, integrando questi dati con questionari specifici sulla dieta sottoposti ai genitori. Dopo aver sottoposto i bambini coinvolti a una serie di test di intelligenza, la relazione tra abitudini alimentari e livello intellettivo è emersa con chiarezza.