Cure termali: proviamo lo zolfo

Le acque sulfuree sono fondamentali per la salute della pelle, contro le irritazioni, contro le dermatiti, per curare le infiammazioni, i dolori e i problemi respiratori: le terme, i prodotti, le acque, le immersioni e le inalazioni sono dei perfetti toccasana, ma lo zolfo, a causa del suo cattivo odore, non piace a tutti.

da , il

    Cure termali: proviamo lo zolfo

    Si assorbe attraverso la pelle, con l’uso di saponi speciali, acque termali, acque minerali, ma ha un cattivo odore, che pochi riescono a tollerare a lungo; peccato che un elemento della natura così ricco di potenzialità abbia, per colpa delle sue qualità organolettiche, così pochi “amici”.

    Lo zolfo è un elemento che è essenziale all’organismo, all’essere umano specialmente, perché si trova in tutte le parti del corpo, è un elemento fondante che si può trovare sia negli organi che nei singoli tessuti, si pensi alla pelle, alla cartilagine, ma anche al tessuto del sistema nervoso e dell’apparato respiratorio.

    Le proprietà sulfuree sono attive qualora ci si sottoponga a terapia minerale o termale, ad esempio sfruttando le classiche terme con acque sulfuree, che si possono gradualmente rendere più o meno intense, a seconda del bisogno.

    Lo zolfo si può assorbire con composti farmacologici, oppure attraverso inalazioni o terapie con bibite a base di elementi minerali.

    Storicamente le acque che contenevano lo zolfo erano ritenute dono degli dei, perché la loro azione permetteva di considerare immediatamente dei risultati soddisfacenti, con prevenzione e cura delle malattie, aiuto a superare i momenti di stanchezza e alla lunga attivazione dei processi di ritardo dell’invecchiamento.

    Per poter dire di essersi sottoposti a cure termali sulfuree bisogna essere stati in un luogo dove l’acqua ha dei valori effettivi di zolfo in percentuale di concentrazione.

    Lo zolfo fa bene alla pelle, perché ha una azione esfoliante e antibatterica; aiuta l’apparato respiratorio come fluidificante e lenitivo, protegge le mucose e ha una azione antiossidante. Può essere usato anche per la prevenzione delle gastriti e del meteorismo intestinale, fa bene ai giovani che hanno irregolarità nella produzione del sebo, è un toccasana per ridurre le infiammazioni localizzate.