Articolo aggiornato il 22 Giugno 2024

Siamo soliti commettere un errore: la creatina non è utile unicamente in chi pratica spesso sport, ma influenza la salute generale. Questo amminoacido è presente nei nostri muscoli (in modo quasi esclusivo), e tra l’altro è utile come nutraceutico per diverse malattie neurodegenerative, tra cui distrofie muscolari e Morbo di Parkinson. Tornando allo sport, per massimizzare i benefici degli allenamenti è fondamentale sapere quando e come assumere la creatina, un integratore chiave per la performance sportiva e non solo, come vedremo di seguito. 

Cos’è la creatina

Molti di noi conoscono la creatina poiché è un integratore alimentare molto sfruttato nel mondo dello sport, ma questa molecola viene prodotta in modo naturale dal nostro organismo. 

Va a costituire la fosfocreatina e, come anticipato, il 95% delle riserve totali di creatina si trova proprio nei nostri muscoli. Il restante 5%, invece, è nei testicoli, nel cervello e nel sangue. 

Tendenzialmente non viene considerato un nutriente essenziale poiché il nostro organismo la produce in modo autonomo, sfruttando la glicina, l’arginina e la metionina

È bene sottolineare a questo punto che una carenza di creatina si manifesta principalmente nei vegani (nei vegetariani accade in modo molto più sporadico). Chi pratica attività fisica potrebbe beneficiare dell’assunzione di creatina mediante gli integratori

Quando assumere la creatina

Veniamo a un altro punto importante: quando va assunta la creatina? Abbiamo visto che normalmente il nostro organismo la produce, ma gli sportivi integrano una maggiore percentuale della sostanza; i vegani considerano spesso di assumerla tramite integratori; c’è chi la usa a scopo nutraceutico per patologie neurodegenerative, patologie mitocondriali, depressione, diabete, fibromialgia, cardiopatia ischemica.

Assumere la creatina per lo sport

Per chi assume questa sostanza con l’obiettivo di migliorare la propria performance sportiva, solitamente si prende in considerazione il tipo di allenamento e la frequenza. Chi si allena per 3 volte a settimana, tende a prendere l’integratore tutti i giorni. invece, chi si allena in modo molto meno frequente la assume 40 minuti prima dell’allenamento (o subito dopo, oppure suddividendo la porzione di integratore). 

I benefici della creatina, non solo nello sport

A cosa serve la creatina? Premessa: gli integratori di creatina rientrano in quelli maggiormente soggetti a studi e ricerche scientifiche per i benefici legati allo sport e all’attività fisica.

La somministrazione della sostanza permette agli sportivi di allenarsi più duramente, ottenendo un beneficio quasi immediato. Per la struttura della muscolatura è importante e lo è anche per incrementare l’energia fisica e aumentare la propria resistenza durante l’allenamento. In caso di danni, poi, la creatina permette di riparare la muscolatura. 

A cosa sono dovuti i suoi effetti positivi? Semplice: alla capacità di concedere maggiore energia nel momento di massima richiesta metabolica. Secondo alcuni studi, l’assunzione di creatina influenza la produzione di testosterone. 

A questo punto, è importante fare una riflessione: come ogni integratore, bisogna sempre prendere in considerazione le proprie esigenze. La creatina non viene assunta solo da chi fa attività fisica, ma anche da altre persone, dietro consiglio medico

Per chi sta valutando di integrarla, dunque, il consiglio che diamo è di rivolgersi al proprio medico, così da comprendere quando e come assumerla nel modo migliore senza problemi.