Il Covid rende più fragile il cuore: aumentano gli infarti

Il virus può provocare danni permanenti alla funzione cardiovascolare: è quanto emerge dal congresso nazionale della Società Italiana di Cardiologia

cuore
Foto Pixabay | Sbtlneet

Articolo aggiornato il 21 Dicembre 2020

Aumentano i casi di infarto miocardico tra i pazienti affetti da Covid-19, per trombosi coronarica, danno miocardico, o maggiore instabilità delle placche aterosclerotiche. Il virus, anche in assenza di restringimenti delle arterie, è in grado di danneggiare l’endotelio interno dei vasi e provocare miocardite in almeno il 7% dei pazienti. Questo è quanto emerge dal congresso nazionale della Società Italiana di Cardiologia. Così, mentre una nuova variante del Covid preoccupa la comunità scientifica, continuano gli studi sulla correlazione tra il virus e i danni provocati al cuore.

Il 78% dei guariti presenta alterazioni cardiache

Le conseguenze si riscontrano anche nei soggetti guariti, di cui il 78% presenta alterazioni cardiache strutturali di diverso genere, con segni simili a quelli che solitamente lascia un infarto. Pare, dunque, che il virus abbia conseguenze importanti sulla funzionalità cardiovascolare, rischiando di comprometterla in modo permanente.

Aumenta il rischio di infarto e ictus

Sono sempre più numerosi gli studi che evidenziano danni permanenti al cuore, in seguito all’infezione da Covid-19: infatti, circa 1 contagiato su 5 va incontro a conseguenze cardiovascolari. I danni sull’endotelio dei vasi sanguigni, l’aumento dell’instabilità delle placche aterosclerotiche e l’incremento dell’infiammazione cardiaca fanno pensare che l’infezione Covid possa compromettere la funzionalità cardiovascolare, con un aumento del rischio di infarto o ictus.

A rischio i pazienti usciti dalla terapia intensiva

Durante la malattia, il cuore dei pazienti è più fragile, ma, secondo gli ultimi studi, rimane tale anche dopo la guarigione, soprattutto nei soggetti usciti dalla terapia intensiva. Durante il congresso, è stato evidenziato, ad esempio, che il Covid rischia di provocare una miocardite in almeno il 7% dei pazienti che non presentavano disturbi cardiaci prima del contagio.

I primi dati degli studi di questi mesi indicano che anche SARS-CoV-2 può comportare ripercussioni serie, non solo a breve termine, sui pazienti guariti, soprattutto se usciti dalle terapie intensive”, precisa il Presidente SIC Ciro Indolfi. E aggiunge che un sempre maggior numero di segnalazioni evidenza la comparsa di danni cardiovascolari, “anche in pazienti guariti che non avevano disturbi cardiovascolari prima del contagio“.

 

Qui trovi tutte le offerte a prezzi bassi su Amazon