Articolo aggiornato il 3 Gennaio 2024

La modella Bella Hadid ha condiviso la sua lunga lotta contro la malattia di Lyme sul suo account Instagram. 

Attivissima sul suo canale social ufficiale con foto e scatti che mirano ad evidenziare la sua bellezza, Bella Hadid non ha potuto fare a meno di condividere con il suo pubblico una parentesi bruttissima della sua vita: la malattia di Lyme. 

Durante il suo decorso, Bella Hadid ha condiviso istantanee dall’ospedale sul suo account Instagram, facendo sapere come si sentiva durante il trattamento. Ringraziando i suoi fan e la sua famiglia per averla sostenuta in questi anni, Bella ha scritto sul social: “La piccola me che ha sofferto sarebbe così orgogliosa di essere cresciuta e per non aver rinunciato a me stessa“.

Ecco, ma di che cosa si tratta esattamente? E, soprattutto, quale ne sarebbe la causa?

Cosa è successo a Bella Hadid

Alla supermodella di 26 anni è stata diagnosticata per la prima volta la malattia di Lyme nel 2012. Si tratta di una vera e propria sfida per la sua salute, vissuta in modo simile dai membri della sua famiglia, tra cui sua madre Yolanda Hadid e suo fratello Anwar Hadid. Causata dal batterio Borrelia burgdorferi e trasmessa all’uomo attraverso il morso di zecche nere infette, la malattia di Lyme è facilmente distinguibile e riconoscibile, soprattutto se si fa attenzione ad alcuni specifici segnali. 

malattia di Lyme
Le zecche nere sono la causa che hanno portato Bella Hadid a sottoporsi alle cure – (tantasalute.it)

Tra i sintomi più comuni ci sono febbre, mal di testa, affaticamento e una caratteristica eruzione cutanea, chiamata anche eritema migrante. Se riscontri uno di questi sintomi, consulta immediatamente un medico o visita il tuo medico di famiglia che può eseguire esami del sangue per confermarlo o escluderlo. I test di laboratorio sono considerati i migliori per questo tipo di malattia, soprattutto se usati correttamente ed eseguiti con metodi convalidati.

La diagnosi precoce e un adeguato trattamento antibiotico sono essenziali e possono prevenire la malattia di Lyme tardiva. Ovviamente, la selezione e la durata dell’uso di antibiotici dipendono dallo stadio della malattia e dalle potenziali complicanze. Se la condizione non viene trattata, l’infezione può diffondersi alle articolazioni, al cuore e al sistema nervoso.

Ridurre l’esposizione alle zecche è la migliore difesa contro la malattia di Lyme e altre infezioni trasmesse dalle zecche. È bene ricordare che non tutte le zecche porteranno i batteri, quindi un loro morso non si tradurrà sempre nella cattura della malattia. Diversi altri passaggi possono essere considerati per prevenire e controllare la malattia di Lyme:

  • Evitare le zone soggette a zecche
  • Indossare indumenti protettivi
  • Utilizzo di repellenti per insetti
  • Condurre ispezioni regolari delle zecche
  • Rimozione tempestiva delle zecche.

Si tratta, da come si può chiaramente comprendere, di piccoli accorgimenti, che – il più delle volte – possono toglierti dall’impiccio di un grave problema di salute.