Come si combattono i dolori mestruali?

dolori mestruali
Dolori mestruali i rimedi naturali – tantasalute.it

Articolo aggiornato il 3 Aprile 2024

I dolori mestruali sono un problema che interessa, più o meno significativamente, la maggior parte delle donne che si trovano in età fertile, vale a dire tutte quelle comprese nella fascia anagrafica che va dai 12 anni circa (età del menarca, ovvero della comparsa della prima mestruazione) fino ai 45-55 anni (età della menopausa). 

Il termine tecnico che i medici usano per indicare la manifestazione dolorosa associata al flusso mestruale è dismenorrea. Questa condizione può precedere o accompagnare le perdite ematiche dall’apparato genitale (mestruazioni). 

Nella maggior parte dei casi, circa 90 su 100, la dismenorrea è di tipo primario, vale a dire che essa non è causata dalla presenza di una particolare patologia; in questi casi si parla di dismenorrea primaria oppure fisiologica o essenziale

Se invece il dolore avvertito è determinato o acutizzato dalla presenza di una malattia, si parla di dismenorrea secondaria; in questi casi, al di là degli interventi per combattere la sintomatologia dolorosa, è importante rimuovere la malattia sottostante. 

I dolori avvertiti sono di solito crampiformi e interessano per lo più la parte più bassa dell’addome; la loro causa non è nota con certezza, ma si ipotizza che possano essere dovuti alla diminuzione del livello degli estrogeni che caratterizza i giorni del flusso mestruale. 

Molto spesso la dismenorrea è associata alla presenza di altre manifestazioni fra cui si ricordano principalmente mal di testa (cefalea catameniale), mal di schiena, tensione mammaria, indolenzimento del seno, diarrea, stitichezza, gonfiore addominale, irritabilità, nervosismo, nausea e vomito. È comunque piuttosto improbabile che tutti questi sintomi e segni si manifestino contemporaneamente. 

Fortunatamente esistono diversi rimedi per i dolori mestruali che vengono analizzati brevemente di seguito. 

Dolori mestruali: rimedi farmacologici 

I rimedi farmacologici più utilizzati per combattere i dolori mestruali sono i FANS, ovvero i Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei, come per esempio il ketoprofene sale di lisina, l’ibuprofene e il naprossene. Anche il paracetamolo può essere d’aiuto nel combattere il dolore e l’infiammazione. Questi farmaci combattono anche alcuni dei segni e sintomi correlati al flusso come, per esempio, il di schiena e la cefalea. 

Altri rimedi farmacologici utilizzati sono gli antispastici, come per esempio la bromocriptina

In casi particolari, il medico potrebbe suggerire il ricorso a contraccettivi ormonali

È comunque sempre opportuno consultare il proprio medico prima di assumere un qualsiasi farmaco. 

Dolori mestruali: rimedi non farmacologici 

Il rimedio non farmacologico più comunemente consigliato per ridurre i dolori mestruali è il ricorso al calore sulla parte dolente; a tale scopo si può usare una borsa dell’acqua calda oppure un patch autoriscaldante. Il calore allevia il dolore perché ha un’azione rilassante sulla muscolatura e, di conseguenza, riduce l’intensità dei crampi addominali.  

Alcuni suggeriscono l’impiego di tisane a base di quelle piante alle quali sono riconosciute proprietà antispastiche e rilassanti; fra le piante più idonee a questo scopo vi sono l’achillea, la malva, la melissa, la camomilla ecc. 

Nei giorni del flusso può inoltre risultare utile alimentarsi in modo leggero, evitare l’assunzione di alcolici e il fumo di sigaretta. È inoltre suggerita anche una regolare attività fisica che ha effetti benefici sia a livello fisico che psicologico.

Qui trovi tutte le offerte a prezzi bassi su Amazon