Il colesterolo buono protegge dall'Alzheimer

Una ricerca condotta negli Stati Uniti ha messo in evidenza che avere più colesterolo buono fa diminuire il rischio di incorrere nell’Alzheimer

colesterolo buono alzheimer

colesterolo buono alzheimerIl colesterolo buono è in gradi di proteggere dall’Alzheimer. Ad affermare tutto ciò è stato uno studio che è stato condotto presso la Columbia University di New York e che ha preso in esame numerosi soggetti di età superiore ai 65 anni non affetti da demenza, i quali hanno seguito nel tempo analisi del sangue e specifici test cognitivi.

Continua a leggere
Continua a leggere

Lo studio

In questo modo gli studiosi sono riusciti a riscontrare una stretta correlazione fra i livelli di colesterolo buono nel sangue e l’incidenza della malattia di Alzheimer. Nello specifico si è potuto verificare che coloro che avevano un livello di colesterolo buono maggiore di 55 mg/dl avevano una percentuale di rischio in meno pari al 60% di ammalarsi di Alzheimer. Se tra le cause della demenza ci sono colesterolo e pressione, dobbiamo comunque operare un’opportuna distinzione a favore di quello buono, che sembrerebbe svolgere una funzione di protezione nei confronti del cervello.
Le conclusioni della ricerca attendono conferme, ma a quanto pare ciò che è emerso è piuttosto indicativo. Secondo quanto spiegato dagli esperti, un basso livello di colesterolo buono farebbe aumentare il rischio di ictus, il quale è associato all’Alzheimer. I ricercatori sostengono anche l’ipotesi che potrebbe essere lo stesso colesterolo a mettere in atto un’azione benefica che preserva il cervello da possibili danni.
Per vincere il colesterolo dannoso per il nostro organismo si deve fare attenzione ai grassi e praticare una regolare attività fisica. In questo modo il cervello potrà contare su un maggiore benessere e su rischi minori per ciò che riguarda il restare funzionale a lungo.

Un altro studio: colesterolo cattivo alto fattore di rischio

Secondo i risultati dello studio, condotto da un team di ricercatori austriaci, dell’università di Innsbruck, e pubblicato sulle pagine dell’autorevole rivista scientifica Molecular Cellular Neuroscience, il legame tra colesterolo e Alzheimer sarebbe tanto stretto, quanto inaspettatto e imprevedibile.
Un’alimentazione poco equilibrata, condito da abbondanti dosi di colesterolo potrebbe favorire pericolosamente l’insorgenza e lo sviluppo dell’Alzheimer, con conseguenze pesanti sulle capacità cognitive e sulla qualità di vita della persona colpita.
Per giungere a questa conclusione, e smascherare la “relazione pericosa” tra colesterolo e Alzheimer, gli scienziati autriaci hanno alimentato alcuni topi da laboratorio con una dieta normale e altri con cibo ricco di colesterolo. Monitorando le condizioni di salute delle cavie, dopo cinque mesi di sperimentazione, è emerso come l’ipercolesterolemia cronica sia collegata allo sviluppo di difetti nella memoria, di infiammazione e formazione di placche amiloidi, tutti sintomi compatibili con la malattia.
“L’Alzheimer è una malattia complessa, il nostro studio non può concludere che il colesterolo sia responsabile della malattia, ma che sicuramente è una delle possibili cause” hanno sottolineato gli autori dello studio.
Aggiornamento a cura di: Redazione Tanta Salute