Colesterolo e piedi: esiste una correlazione fra i due?

stetoscopio-foto: pexels.com
stetoscopio-foto: pexels.com

Articolo aggiornato il 3 Gennaio 2024

Generalmente una delle problematiche causate dai livelli eccessivi di colesterolo nel sangue, sui cui tendiamo a soffermarci, è legata ai rischi cardiovascolari. È però, importante mettere in evidenza che tra le varie problematiche ci sono alcune legate al funzionamento di alcune parti del corpo. Può sembrare insolito ma tra queste parti abbiamo anche i piedi. In questo articolo, andremo a vedere insieme di cosa si tratta nello specifico.

Cos’è il colesterolo

Innanzitutto è importante conoscere bene di cosa stiamo parlando e quindi il colesterolo. Si tratta di una sostanza grassa necessaria per la produzione di membrane cellulari, vitamina D e alcuni ormoni. Esistono due tipologie di colesterolo: la prima è il LDL il quale viene definito comunemente come “colesterolo cattivo”; l’LDL porta il colesterolo dal fegato alle cellule del corpo e i suoi livelli elevati vengono associati all’aumento di rischio di accumulo di placca nelle arterie, meglio conosciuta come aterosclerosi. La seconda tipologia è l’HDL, definito come “colesterolo buono”; l’HDL invece, rimuove l’eccesso di colesterolo dalle arterie per riportarlo al fegato con il fine di eliminarlo, di fatti, possedere livelli alti dell’HDL è benefico per la salute cardiovascolare.

La correlazione tra colesterolo e piedi

Come abbiamo detto nel primo paragrafo, quando il colesterolo raggiunge livelli troppo elevati nel sangue, può causare problemi di salute legati alle parti del corpo, tra cui i piedi. Capiamo insieme come questi due elementi, ossia il colesterolo e i piedi, entrano in correlazione. Una delle complicazioni ai piedi è sicuramente legata all’ipercolesterolemia.

piedi-foto: pexels.com
piedi-foto: pexels.com

Tra le varie problematiche abbiamo:

  • Aterosclerosi periferica: ossia l’accumulo di placca nelle arterie periferiche, inclusi i vasi sanguigni delle gambe e dei piedi, che può ridurre il flusso sanguigno al loro interno causando forte dolore alle gambe e ai piedi, debolezza ai muscoli e addirittura  la nascita di ulcere.
  • Neuropatia diabetica: l’ipercolesterolemia può causare danni ai nervi, noti come neuropatia diabetica e questa condizione può portare ad un mal funzionamento ed una perdita di sensibilità nei piedi, alimentando il rischio di lesioni e ulcere.
  • Xantelasmi: si tratta dei depositi di colesterolo che si trovano al di sotto della pelle, che risultano essere evidenti intorno alle articolazioni delle dita dei piedi. In generale non si tratta di una problematica dolorosa bensì di un gesto che mette in evidenza un’ipercolesterolemia.
  • Calcoli biliari: ossia la formazione di calcoli che possono bloccare i cosiddetti dotti biliari ed incrementare le problematiche legate alla digestione dei grassi e la capacità che ha il corpo di assorbire gli elementi essenziali.

Come comportarsi

In questi casi è molto importante capire qual è il modo migliore di comportarsi, proprio per cercare di prevenire problematiche ai piedi legate appunto al colesterolo. Infatti, è molto importante mantenere i livelli del colesterolo sotto controllo. Vediamo in che modo questo è possibile.

insalata-foto: pexels.com
insalata-foto: pexels.com

Uno degli accorgimenti principali da applicare riguarda proprio l’alimentazione; seguire un’alimentazione equilibrata è essenziale, diminuire l’assunzione di cibi ad alto contenuto di colesterolo può, infatti, aiutare a riequilibrare o comunque limitare l’innalzamento dei livelli del LDL. Infine, un altro accorgimento riguarda l’attività fisica regolare, anch’essa contribuisce a migliorare i livelli di colesterolo nel sangue.