Mangiare verdure migliora il comportamento alla guida

Secondo un recente studio, una dieta equilibrata permette di migliorare le proprie doti di guidatore, mentre al contrario una dieta ricca di grassi può aumentare il rischio di incidenti alla guida.

mangiare verdure migliora la guida
Foto Pixabay | Pexels

Secondo uno recente studio, mangiare in modo equilibrato, con un giusto apporto di verdure, permette di migliorare le proprie doti di guidatore, diminuendo il rischio di incidenti in automobile. Si tratta di una delle prime scoperte che attesta l’esistenza di un legame tra stile di vita e capacità alla guida.

Scoperta correlazione tra guida e alimentazione

Secondo un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Occupational & Environmental Medicine, una dieta equilibrata, con un giusto apporto di verdure, permette di migliorare le proprie doti di guidatore. Al contrario, una dieta disequilibrata, ricca di grassi, può incrementare il rischio di incidenti a causa di una guida spericolata o distratta.

Finora sono stati pochi gli studi che hanno approfondito il legame tra stile di vita e stile di guida. Per colmare questa lacuna, alcuni studiosi gli esperti hanno deciso di effettuare uno studio ad hoc. Il test ha preso in considerazione 389 conducenti di camion di sesso maschile, che avevano alle spalle diversi anni di esperienza.  Gli scienziati hanno sottoposto gli autisti a un lungo questionario sulle abitudini alimentari. Sulla base delle loro risposte hanno eseguito un test per approfondire i loro comportamenti e atteggiamenti di guida.

Mangiare verdure per guidare meglio

Dalla ricerca è emersa una correlazione tra un eccesso di cibo insalubre e comportamenti non sicuri alla guida. Chi manteneva un’alimentazione ricca di proteine animali, snack fritti e grassi aveva più probabilità di fare errori, di avere cali di concentrazione e di violare il codice della strada. Al contrario, una dieta a base di verdure e cibo naturale, era fortemente associata a comportamenti di guida sicuri, anche nei confronti degli altri.

Si tratta di un primo studio ma che certamente pone le basi a sicuri sviluppi futuri. Non bisogna dimenticare infatti che ogni anno, secondo i dati dell’OMS, 1,35 milioni di persone nel mondo muoiono in seguito a un incidente stradale, che rappresenta la prima causa di morte nella fascia di età tra i 5 e i 29 anni. Alcuni di questi incidenti, però, si potrebbero evitare, prestando maggiormente attenzione a quello che mangiamo, soprattutto grazie a un’alimentazione sana ed equilibrata