Il caffè può aumentare il rischio di morte in alcuni soggetti

Secondo la ricerca, due o più tazze di caffè al giorno sono associate a un rischio maggiore di morte per problemi cardiaci nelle persone con ipertensione. Scopriamo i dettagli.

caffè
Caffè può far morire Foto Unsplash | Mike Kenneally

Secondo un nuovo studio, il consumo di caffè può essere dannoso per le persone con pressione alta.

Secondo la ricerca, due o più tazze di caffè al giorno sono associate a un rischio maggiore di morte per problemi cardiaci nelle persone con ipertensione. Scopriamo i dettagli.

Il consumo di caffè è rischioso per gli ipertesi

caffè macchinetta
caffè macchinetta
Foto Unsplash | GC Libraries Creative Tech Lab

Nello studio relativo all’effetto del caffè, le persone che hanno bevuto due o più tazze di caffè avevano circa il doppio delle probabilità di morire per problemi cardiaci rispetto ai non bevitori.

Il caffè è ampiamente riconosciuto come una bevanda che fa bene al cuore. Almeno finché viene consumato con moderazione. Ma anche in questo caso, può essere molto dannoso per le persone con pressione sanguigna molto alta.

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association, due o più tazze di caffè al giorno sono associate a un rischio maggiore di morte per problemi cardiaci nelle persone con pressione sanguigna molto alta.

Lo stesso effetto non si verifica, invece, nelle persone con pressione sanguigna normale o leggermente elevata.

Le persone con pressione alta dovrebbero evitare un consumo eccessivo di caffè

Secondo il gruppo di ricercatori giapponesi che hanno analizzato i dati sanitari di 18.609 partecipanti di età compresa tra 40 e 79 anni, il consumo di qualsiasi quantità di tè verde non ha avuto alcun effetto sulla salute del cuore. Questo studio è stato il primo a trovare un legame tra il consumo di caffè e la morte per malattie cardiache.

L’ipertensione si verifica quando la pressione arteriosa sistolica è di almeno 130 millimetri di mercurio e quella diastolica di almeno 80 mm Hg.

Questi risultati possono supportare l’affermazione secondo cui le persone con ipertensione grave dovrebbero evitare un consumo eccessivo di caffè“, ha affermato il dottor Iso in un comunicato stampa.