Botox contro depressione e disturbo borderline? Scoperta innovativa

La neurotossina botulinica, meglio conosciuta come botox, è famoso per la sua capacità di far scomparire le rughe. Ma lo sapevi che può anche aiutare con la depressione e il disturbo borderline della personalità? Uno studio della Scuola di Medicina di Hannover (MHH) mostra questo risultato straordinario. Scendiamo nei dettagli.

Ragazza sottoposta ad una puntura di botox
Foto Pexles | Gustavo Fring

Articolo aggiornato il 12 Dicembre 2023

La neurotossina botulinica, meglio conosciuta come botox, è famoso per la sua capacità di far scomparire le rughe. Ma lo sapevi che può anche aiutare con la depressione e il disturbo borderline della personalità? Uno studio della Scuola di Medicina di Hannover (MHH) mostra questo risultato straordinario. Scendiamo nei dettagli.

Il Botox contro la depressione perché in grado di smorzare le emozioni negative

Quando il Botox viene iniettato nella fronte, allevia la depressione. Anche nelle persone con malattia borderline che soffrono di sbalzi d’umore estremi, smorza le emozioni negative a lungo termine“, afferma il professor Dr. Tillmann Krüger dell’MHH.

Ma come è possibile questo? Quando siamo arrabbiati o tesi, si vede sul nostro viso. I muscoli si contraggono e appaiono le rughe d’espressione. Il Botox paralizza i muscoli tra le sopracciglia. Poiché le espressioni facciali e il benessere psicologico sono strettamente collegati, questo riduce anche l’intensità delle emozioni.

“Una fronte rilassata trasmette una sensazione più positiva, per così dire”, spiega il professor Krüger; “Rompendo il circuito di feedback tra i muscoli della fronte e il cervello, il Botox cambia anche il feedback emotivo”.

Il risultato è stato ottimale sia per i pazienti che soffrono di depressione, sia per coloro che soffrono di disturbo borderline. “Dopo quattro settimane, i pazienti presentavano un numero significativamente inferiore di sintomi, che si rifletteva anche nelle immagini della risonanza magnetica“, secondo l’MHH.

Il Botox più efficace di altre terapia nella depressione e nel disturbo borderline?

Secondo il professor Krüger, il trattamento presenta diversi vantaggi: “Dato che l’effetto paralizzante dura per tre mesi o più, è sufficiente somministrare un’iniezione rispettando questi intervalli di tempo. Queste opzioni sono anche meno costose di altre opzioni terapeutiche e sono molto ben tollerate e accettate dai pazienti”.

In collaborazione con l’Università della California a San Diego, il professor Krüger ei suoi colleghi hanno scoperto che il Botox può anche ridurre i disturbi d’ansia.

Per fare questo, però, deve essere iniettato nei muscoli della testa, nei muscoli degli arti superiori e inferiori e nei muscoli del collo.

Secondo il professore, questa scoperta cambierà una volta per tutte l’approccio verso i disturbi mentali.